Maccabi Tel Aviv-Anadolu Efes: 78-92

michelepasti

Shane Larkin è on fire e con un pesantissimo 6/7 dall’arco trascina i turchi all’ottavo successo

2 0
Read Time:3 Minute, 57 Second

Alla Yad Eliyahu Arena di Tel Aviv il Maccabi ospita i campioni europei in carica di coach Ergin Ataman reduci dalla bella vittoria in casa contro il Baskonia, la formazione turca dopo il pessimo inizio di stagione piano piano sta ingranando la marcia ed è alla ricerca dell’ottava vittoria.

Gli israeliani di coach Sfairopoulos sono anche loro alla ricerca dell’ ottava vittoria dopo la sconfitta ad Istanbul contro il Fenerbahce.

Alla fine di una gara intensa sono i turchi a portarla a casa grazie ai 26 punti di Larkin con percentuali dall’arco rasenti alla perfezione . Per gli israeliani invece non bastano i 23 di un ottimo Ante Zizic.

La gara:

Con una cornice di pubblico stupenda il Maccabi parte subito fortissimo con un parziale di 4-0 ma la difesa israeliana non riesce a trovare un modo di fermare Tibor Pleiss sotto le plance che segna 8 punti consecutivi impattando la gara sull’11-11.

Il ritmo in campo è molto intenso in quella che sembra proprio essere una gara spumeggiante ad alto ritmo. Il 2/2 di Nunnally e la bimane in contropiede di Reynolds fanno letteralmente esplodere la Yad Eliyahu Arena obbligando coach Ataman al time out.

Il primo periodo finisce con il Maccabi avanti di 7 lunghezze. Il secondo quarto parte con il magnifico alley oop fra Larkin e Pleiss e la bomba dall’ arco del primo obbligando, questa volta, coach Sfairopoulos al time out. Gli israeliani faticano a trovare il canestro e Larkin dall’ arco regala il primo vantaggio ai turchi.

L’Efes tenta una mini fuga cavalcando l’onda del grande momento offensivo di Shane Larkin ma la bomba di DiBartolomeo impatta nuovamente la partita. Zizic da solo segna un parziale di 6-0 dominando sotto ai ferri ma subito Simon risponde dall’arco dei 3 punti.

Si va all’intervallo lungo dopo un bellissimo primo tempo con l’Efes in vantaggio sul 50-47 . Nella ripresa si continua giocare in velocità a ritmi altissimi con Zizic e Pleiss che dominano “in the paint”. La gara è bellissima con azioni individuali in attacco e difesa da parte di entrambe le formazioni.

Un mini parziale di 6-0 firmato Larkin obbliga il Maccabi al time out. Il terzo periodo si conclude con l’Efes avanti di 7 lunghezze dopo avere tenuto il Maccabi a soli 16 punti nel quarto. Nell’ ultima frazione di gioco Zizic parte subito forte ma Bryant con la tripla fa volare i turchi.

La difesa della formazione di Ataman sale ancora di livello e forza a diverse palle perse il Maccabi che però non molla e cerca di restare attaccato alla partita grazie anche alle due triple pesantissime di Evans. L’ Efes però trascinato da una prestazione mostruosa di Larkin nel finale arriva in doppia cifra di vantaggio e sembra scrivere la parola fine sulla gara.

Beaubois segna dall’arco la bomba della staffa che regala così l’ottavo successo agli uomini di Ergin Ataman.

MVP e chiave della gara:

La svolta della gara è arrivata sicuramente nel secondo tempo dove l’Efes è riuscito a tenere a soli 31 punti il Maccabi facendo una grandissima pressione difensiva e recuperando palloni che poi hanno anche portato a punti facili in contropiede.

Un altro dato importante sono le percentuali dall’arco, nella prima porzione di gara i turchi, spesso sfidati al tiro, hanno tirato con un pessimo 4/18 mentre nel secondo tempo le percentuali si sono decisamente alzate con un 9/14 pesantissimo che di fatto ha spaccato la partita.

L’Mvp non può che essere Shane Larkin, la guardia di Cincinnati ha giocato una partita clamorosa e di fatto con il suo ingresso in campo (dalla panchina) ha da subito fatto una grande differenza. Per lui ci sono 26 punti in 30 minuti con un pesantissimo 6/7 da 3 con 6 assistenze per un clamoroso 37 di valutazione.

Menzione speciale per Tibor Pleiss che ha segnato 15 punti nel solo primo tempo a causa dei dolori alla schiena che lo hanno tenuto fuori per tutta la durata della seconda metà di gara, di fatto però, tenendo a galla lui l’Efes nei primi due quarti.

Prossimi appuntamenti:

L’Efes tornerà in campo mercoledì 22 Dicembre ad Istanbul contro la Crvena Zvezda di Belgrado che in settima ha dimostrato di essere una formazione che può mettere i bastoni fra le ruote ad un ingranaggio ai limiti della perfezione come è quello del Barcellona di coach Jasikevicius, palla due alle 18:30.

Per gli israeliani il prossimo appuntamento invece è la lontanissima trasferta in quel di San Pietroburgo contro lo Zenit, reduce dalla vittoria all’ Astroballe contro l’Asvel, palla a due il 23 Dicembre alle ore 18. 

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Milano lotta e spera, ma il ferro nega a Delaney la gioia più grande

E’ amaro il verdetto del Forum, i biancorossi non riescono a condurre in porto una frenetica rimonta. Il tentativo di Malcolm Delaney viene sputato dal ferro e Milano concede al Real la vittoria, un successo solidissimo per la squadra oggi di coach Mateo. Il risultato di 73-75 racconta una partita […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: