Eurocup weekly #6: il ruggito di Valencia, gli opliti virtussini, il sorprendente Ulm ed il morso dell’orso russo

Balbo 1
0 0
Read Time:3 Minute, 6 Second

Ritorna l’Eurocup e ritorna l’Eurocup weekly, il contenitore domenicale di Eurodevotion riguardante i dieci flash che hanno caratterizzato la settimana della seconda coppa continentale.

A volte sei tu che mangi l’orso e altre volte è l’orso che mangia te” una delle più celebri citazioni della commedia ‘Il grande Lebowski’. Trento ha cercato di mangiare l’orso, toccando anche il +8, con un Mezzanotte da 16 punti, ma alla fine sono stati gli orsi McCollum/Motley a mangiare lei: per il duo di Kuban 62 punti, 13 rimbalzi e 15 assist.

Continua la grande stagione del classe ’99 Panagiotis Kalaitzakis; con 16 punti e 6 assist, il greco trascina il Lietkabellis alla vittoria contro Badalona. L’esterno dei lituani, finora autore di una stagione da 14,8 punti a sera, mostra la sua faccia tosta dando vita ad un duello – completato da qualche battibecco – con l’esperto nazionale spagnolo Ribas.

Il Partizan soffre ma riesce a sconfiggere Boulogne Metropolitans grazie al solito Punter da 28 punti. I serbi per lunghi tratti della gara sono costretti ad inseguire i francesi ma, grazie all’apporto del proprio pubblico, vincono una partita contro una concorrente per i primi posti nel girone. Apporto del proprio pubblico? Ma non si giocava a Paris? Si, ma con il frastuono che faceva l’intera curva del Partizan sembrava di essere quasi a Belgrado.

La Reyer contro Valencia perde una buona occasione per dare un colpo di accelleratore alla sua classifica; i castillani, godendo del ritorno taumaturgico di Tobey, confermano, con una solida partita, di essere una delle favorite, se non la favorita, di questa edizione di EuroCup. Dopo un inizio di stagione complicato, Prepelic e compagni stanno decisamente alzando il livello della loro pallacanestro.

Sul parquet non funziona l’ade dei greci con il suo coro di lamenti, la Virtus, nonostante le numerose, esagerate, assenze, non si piange di sopra, non pensa alle sfortune di questa prima parte di stagione e, con una prova corale capitanata dal duo Teodosic/Belinelli, sbanca Lubiana per un successo importante sotto un punto di vista mentale e di classifica.

La sopresa della settimana arriva dalla soleggiata Gran Canaria (beati i virtussini che andranno a passare il Natale alle Canarie – 22/12: Gran Canaria-Virtus). Il sorprendente Ulm di Laka Lakovic, per quanto mi riguarda il miglior coach di questa prima parte di Eurocup, vince, dominando, 96-81.

16/26 da tre, 61,1%, con queste percentuali, nel basket moderno, non ci può essere che un lieto fine. Bourg, infatti, vince di trenta contro il Bursapoor, fatturando la bellezza di 95 punti.

Quest’estate, quando si parlava della nuova formula di Eurocup da due gironi, qualche dubbio aveva preso il sopravvento; si pensava a troppe partite inutili, ad un rischio del crollo della credibilità del prodotto EuroCup. Oggi, quasi a metà dicembre, possiamo dire senza troppi dubbi che stiamo assistendo alla piú bella ed intrigante Eurocup di sempre. Le favorite non stanno deludendo, nuove outsider stanno salendo alla ribalta ed i top players stanno confermndo le attese. L’Eurocup 2021/22 è l’edizione piú vicina, per qualità, all’Eurolega.

Contro la Virtus Bologna, Yogi Ferrel ha esordito in Eurocup; un battesimo da 24 punti con 11 assist ed un 5/9 dalla lunga distanza. L’impressione è che, con l’arrivo dell’ex Mavericks, la stagione degli sloveni, finora abbastanza deludente, possa definitivamente svoltare.

Ruolino di marcia abbastanza originale per Gran Canaria; finora la squadra di Porfi Fisac ha vinto tre partite su tre in trasferta, mentre in casa il bottino è molto più magro: una sola vittoria e due sconfitte. Adesso arriva la partita della verità contro la capolista Buducnost, a Podgorica, in un parquet finora inviolato dove son cadute anche Valencia e la Virtus.

https://www.eurocupbasketball.com/eurocup/games/results

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

One thought on “Eurocup weekly #6: il ruggito di Valencia, gli opliti virtussini, il sorprendente Ulm ed il morso dell’orso russo

Next Post

Euroleague Man of the week: Mirotic è il re dei "Nikola"

Una settimana con un solo nome al potere: Nikola...
Euroleague Man

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: