Sala stampa: le parole dei coach dopo la prima serata del Round #14

0 0
Read Time:4 Minute, 56 Second

Sala stampa: le dichiarazioni degli allenatori al termine delle cinque partite che hanno aperto il Round #14 di Eurolega.

ZENIT v FENERBAHCE

Xavi Pascual (Zenit San Pietroburgo): “È stata una partita in cui, nei primi 20 minuti, abbiamo avuto il controllo, ma purtroppo nell’ultimo minuto e mezzo del secondo quarto abbiamo fatto 2 palle perse e abbiamo subito due contropiedi e nonostante stessimo giocando meglio del Fenerbahce, stavamo vincendo solo di 1. Nel secondo tempo, la partita è stata dura e alla fine abbiamo anche fatto tante palle perse. Non siamo stati fortunati, inoltre, perché non avevamo playmaker e anche Frankamp si è infortunato. Anche Loyd si è infortunato nell’ultima parte della partita. Abbiamo avuto le nostre possibilità di vincere ma è molto difficile con 17 palle perse.”

Sasa Djordjevic (Fenerbahce): “È stata una vittoria importante per noi contro un avversario davvero, davvero difficile. Hanno molte armi. Eravamo molto concentrati in fase difensiva. Alla fine, abbiamo trovato il modo di attaccare la loro difesa. La palla si è mossa bene, Jan Vesely è stato eccezionale, ma abbiamo giocato tutti da squadra con lo spirito combattivo che abbiamo dal primo giorno e non ci fermeremo mai, come mi piace dire sempre. Tuttavia, non abbiamo avuto una buona serata di tiro, solo 5 triple. Siamo riusciti a vincere questa partita, quindi va dato grande merito ai nostri ragazzi, soprattutto in fase difensiva.”

STELLA ROSSA v OLYMPIACOS

Dejan Radonjic (Stella Rossa): “Complimenti ai miei giocatori per la vittoria e anche per una bella partita. È stata una partita difficile. Abbiamo giocato con molta energia. Come ho detto prima della partita, è stato molto importante giocare sempre con attenzione e negli ultimi minuti abbiamo fatto bene in fase difensiva, ma siamo anche stati brillanti in attacco e questo è stato molto importante”.

Georgios Bartzokas (Olympiacos): “È stata una partita decisa dai dettagli, soprattutto nell’ultimo quarto. Abbiamo perso un po’ la concentrazione in difesa e abbiamo concesso qualche tripla comoda. La Stella Rossa ha giocato in modo eccellente, ma ovviamente abbiamo avuto la nostra opportunità di vincere questa partita”.

Zenit-Stella Rossa

BAYERN v EFES

Andrea Trinchieri (Bayern Monaco): “È davvero una grande vittoria per noi. Abbiamo battuto l’Efes, i campioni d’Europa. Eravamo uniti in difesa e hanno comunque segnato dei tiri difficili. Beaubois è stato fantastico. Ma siamo stati in grado di produrre un grande lavoro di squadra. Questa è una grande vittoria. Il nostro quarto quarto è stato qualcosa che vedo raramente. Conosco molti allenatori con buone idee, ma io sono molto fortunato perché ho idee che possono aiutare la mia squadra. Abbiamo deciso di giocare il quarto quarto senza un vero playmaker per motivi difensivi e non abbiamo faticato in attacco. Sembra un secolo fa quando eravamo 0-4 con giocatori fuori con COVID e infortuni. Non abbiamo ancora fatto nulla però. Abbiamo vinto solo sette partite. Ma la sensazione è che la squadra abbia superato tutte le avversità.”

Ergin Ataman (Efes Istanbul): “Complimenti al Bayern perché ha lottato davvero bene, soprattutto i suoi lunghi, che hanno trovato 46 punti e avevano percentuali alte, noi non abbiamo avuto una risposta con i nostri lunghi. Siamo solo stati capaci ad affidarci a Larkin e Beaubois all’inizio del quarto periodo. Mancava anche il loro miglior marcatore, ovvero Hilliard. Quindi per loro è una grande vittoria. Per noi la pallacanestro che abbiamo giocato stasera è una vergogna.”

Andrea Trinchieri

MACCABI v UNICS

Ioannis Sfairopoulos (Maccabi Tel Aviv): “Ovviamente è un brutto risultato per noi. Penso che nel primo periodo dovevamo giocare meglio in difesa. Hanno segnato 26 punti. Dopo di che abbiamo migliorato in qualche modo la nostra difesa, soprattutto nel secondo quarto, in cui hanno segnato 17 punti. Ecco perché abbiamo rimontato. Poi nel terzo quarto, la nostra difesa non è stata male, abbiamo controllato meglio la partita, non completamente, ma meglio. E come avete visto, siamo crollati nell’ultimo periodo, abbiamo segnato solo 8 punti Dall’altra parte hanno segnato molto in campo aperto e in contropiede, e hanno ottenuto un piccolo vantaggio. Dobbiamo recuperare da questa sconfitta, lotteremo più duramente che possiamo fino alla fine.”

Velimir Perasovic (UNICS Kazan): “Prima di tutto vincere a Tel Aviv è sempre difficile. Penso che quest’anno il Maccabi abbia una buona squadra e siano candidati seri per giocare i playoff, che è l’obiettivo di ogni squadra della competizione. La partita è stata molto difficile per noi. Abbiamo vinto la partita nell’ultimo quarto, quando hanno giocato davvero bene in difesa, è anche vero che il Maccabi ha sbagliato alcuni tiri molto aperti che hanno segnato all’inizio della partita. Abbiamo avuto grandi problemi per tutta la partita, soprattutto nel primo tempo, con i falli, i nostri giocatori importanti sono stati molto tempo in panchina ma i ragazzi hanno fatto un buon lavoro e siamo rimasti in partita fino a quando non hanno potuto giocare nel secondo tempo.”

BASKONIA v ASVEL

Neven Spahija (Baskonia Vitoria): “Nel secondo tempo ho sottolineato come la difesa fosse la cosa più importante. Abbiamo subito 44 punti nel primo tempo con tante decisioni sbagliate. Negli ultimi 20 minuti siamo migliorati, quindi devo ringraziare i nostri giocatori per la loro buona prestazione e allo stesso tempo abbiamo comunque giocato bene in attacco. [Avere cinque marcatori in doppia cifra] Questo è il mio basket, questo è quello che voglio come allenatore. Non è facile, ma ruotare, giocare di più con la panchina, questo è lo stile perfetto per noi.”

TJ Parker (ASVEL Villeurbanne): “Abbiamo iniziato il primo tempo con 44 punti, per loro è il tipo di partita che gli piace. Possiamo vedere che tutte le loro vittorie sono in partite ad alto punteggio; quando vincono hanno una media di 83 punti a partita, quando perdono hanno una media di 63. Sapevamo che all’intervallo sarebbe stato difficile perché la partita era proprio dove volevano. Nel secondo tempo hanno giocato con molta intensità e noi non stavamo giocando l’attacco che volevamo. Congratulazioni a loro, oggi sono stati più bravi di noi.”

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Jasikevicius v Laso: le parole alla vigilia del "clàsico"

Il duello nel duello, due Coach di grandissimo valore per una sfida unica. Le parole della viglia di un Jasikevicius v Laso che fa sognare. Attesa spasmodica per questo Barça v Real al vertice di Eurolega. Senza dimenticare quanto accaduto in Supercopa a settembre. Così i Coach nel presentare la […]
Jasikevicius v Laso

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: