Zaragoza-Real Madrid(G12), i blancos non si fermano

0 0
Read Time:1 Minute, 59 Second

Non si arresta la marcia trionfante del Real Madrid che, nella quindicesima giornata della Liga, batte lo Zaragoza 86-65, conquistando la quinta vittoria consecutiva in campionato, l’undicesima contando anche i match di Eurolega. Partita chiusa nel secondo tempo, dopo che, a seguito di un super inizio blancos, i padroni di casa erano rientrati negli spogliatoi avanti nel punteggio. La formazione di Ponsarnau si è dovuta arrendere davanti alla grande gioco di squadra del Real Madrid, capace di mandare a referto tutto i suoi giocatori ad esclusione di Vukcevic.

29-51

Al ritorno sul parquet lo Zaragoza ha dovuto fare i conti con la miglior difesa della Liga. Il Real, infatti, ha alzato, e non di poco, il suo livello difensivo, andando a conquistare numerosi rimbalzi e concedendo pochissimo ai propri avversari. Allo stesso tempo, nella metà campo offensiva, i ragazzi di coach Laso sono risultati impeccabili, riuscendo a realizzare ben 51 punti, grazie alle giocate di Causeur, Goss, Yabusele, Llull e Tavares. La facilità con la quale i blancos sono riusciti a trovare la retina non ha fatto che sigillare il match, conquistando altri due punti in attesa del Barcellona.

Sergio Llull

Ancora una volta, nel momento di difficoltà, il Real Madrid ha saputo trovare la luce in fondo al tunnel grazie al suo numero 23. Con i suoi 17 punti, frutto di un cinque su otto dall’arco, Llull si è aggiudicato la nomina di top scorrer della partita. Il suo contributo, però, non si è fermato qui. Lo spagnolo ha detto la sua anche sul lato difensivo, non concedendo pressoché nulla ai suoi avversari. Una prestazione che, inevitabilmente, ha contributo in modo decisivo alla vittoria finale.

Buone notizie

Oltre all’ottima prestazione di Llull, però, il match con lo Zaragoza ha portato altre buone notizie. Heurtel è stato il secondo miglior marcatore di squadra, realizzando 13 punti e distribuendo 5 assist, il tutto oltre a 5 rimbalzi conquistati. Sotto canestro Yabusele e Tavares hanno saputo imporsi, portando a casa un totale di 15 rimbalzi. La fuga del secondo tempo, inoltre, ha permesso allo stesso Laso di ampliare le rotazioni, concedendo una buona dose di riposo ai suoi giocatori principali in vista dei prossimi impegni europei. La notizia migliore, però, è arrivata sicuramente dà Randolph che, ad un anno dalla rottura del tendine di Achille, è tornato sul parquet, realizzando anche 7 punti.

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Euroleague Man of the Week: Sertac Sanli

La storia della civiltà nacque da un fratricidio, la fondazione del più grande impero dell’antichità si originò da una fratricidio, il successo del Barcellona in questa stagione può trovare le proprie fondamenta nel clamoroso fratricidio operato da Sanli venerdì sera alla Sinan Erdem Arena? La risposta a questa domanda ci […]

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: