Sala stampa: le parole dei coach dopo la prima serata del Round #12

Francesco Rangone
0 0
Read Time:6 Minute, 2 Second

Sala stampa: le dichiarazioni dei coach al termine delle prime cinque partite del Round #12 di Eurolega.

CSKA v BAYERN

Dimitris Itoudis (CSKA Mosca): “Complimenti alla nostra squadra, complimenti ai ragazzi. Congratulazioni al Bayern, certo, questa è EuroLeague, una partita tosta, lascia una bella sensazione rimontare da -13, se non sbaglio, comunque credere che dobbiamo giocare partite difensive – sicuramente non nel modo in cui stavamo giocando nel primo tempo. Abbiamo parlato negli spogliatoi. I ragazzi hanno continuato a crederci e penso che uno dei punti di svolta sia stato quando Dani Hackett ha forzato una palla persa e ha preso il fallo antisportivo. Ci siamo resi conto che quello era il modo in cui dovevamo giocare, essendo un po’ più fisici. Abbiamo continuato a crederci e avevamo bisogno di pareggiare la loro aggressività. Abbiamo cambiato completamente la mentalità e il modo in cui dovevamo giocare nel secondo tempo. Questo è ciò che ci ha dato la vittoria insieme. Dobbiamo renderci conto che non c’è niente di scontato là fuori. Tutti devono rendersene conto: non stai vincendo partite a causa del nostro passato o perché qualcuno te lo darà. Devi andare a guadagnartelo sul campo. Questa è la mentalità che dobbiamo avere”.

Andrea Trinchieri (Bayern Monaco): “È una sconfitta dolorosa perché credo che abbiamo costruito l’opportunità di vincere la partita. Congratulazioni al CSKA. Abbiamo controllato bene la partita con la nostra difesa e abbiamo avuto piccoli problemi nel terzo quarto quando hanno iniziato a pressare. Non siamo stati abbastanza aggressivi e abbiamo perso un po’ di ritmo ma poi, alla fine, abbiamo costruito l’occasione per una grande vittoria in trasferta e poi alcune giocate individuali di Clyburn hanno fatto la differenza e abbiamo sbagliato 4 layup negli ultimi 2 minuti che ci sono costati la partita”.

sala stampa

FENERBAHCE v EFES

Sasa Djordjevic (Fenerbahce): “Abbiamo giocato bene fino agli ultimi 2 minuti. Poi ci siamo fermati. Non abbiamo preso le decisioni finali nel modo giusto. Abbiamo sbagliato alcuni tiri e loro hanno segnato i tiri. Sono una squadra molto tosta. Siamo riusciti a difendere molto bene la loro transizione e poi Micic e Larkin hanno preso il controllo. Ecco perché sono i campioni. Mi dispiace molto per la nostra perdita. I nostri ragazzi hanno combattuto. Ovviamente, anche Jan Vesely che esce per il suo quinto fallo è stato un grosso problema. Ci è mancato per finire la partita nel modo giusto in difesa. Sconfitta dura, ma dobbiamo andare avanti”.

Ergin Ataman (Efes Istanbul): “Abbiamo Shane Larkin. È tornato a giocare come una star. Questa vittoria per noi è più di una perché ha dimostrato, durante la partita anche ma soprattutto nel quarto periodo, una grande capacità ed è la chiave per aprire la difesa del Fenerbahce. Stasera abbiamo fatto un sacco di palle perse, soprattutto Micic. Non abbiamo giocato bene a basket, ma nell’ultimo quarto siamo riusciti a fare una buona difesa e partendo da Shane abbiamo rotto la chiave della difesa del Fenerbahce”.

BASKONIA v REAL

Neven Spahija (Baskonia): “Prima di tutto, mi congratulo con il Real Madrid per una partita eccezionale stasera. Non credo che fossimo al livello di questa partita se non per i primi 5 minuti. Il resto della partita, hanno fatto quello che volevano e hanno ucciso la partita. Come allenatore, sono stato tante volte in questa situazione e la medicina è la stessa: tornare al lavoro e dire cosa c’era sbagliato e cosa c’era buono, e come giocare meglio a basket. Alla fine, voglio mandare un messaggio chiaro a tutti, specialmente al club e ai tifosi. Questo non è il modo in cui giocheremo a basket e come dovrebbe giocare il Baskonia. Questo significa che possiamo vincere, possiamo perdere ma dobbiamo giocare da squadra. Il resto lo dirò ai miei giocatori”.

Pablo Laso (Real Madrid): “Prima di tutto congratulazioni ai miei giocatori. Penso che abbiamo giocato una partita molto solida. Abbiamo vinto tutti e quattro i quarti, il che significa che siamo stati molto solidi. Credo che ci siano stati dettagli in cui abbiamo commesso errori, palle perse stupide, alcuni rimbalzi offensivi che abbiamo concesso, ma in generale, abbiamo avuto il controllo del gioco attraverso la nostra difesa. Sono molto felice per la vittoria. Penso che se qualcuno mi avesse detto prima della stagione che in questo momento avremmo guidato il campionato spagnolo, vinto la Supercoppa spagnola e guidato l’EuroLeague, avrei firmato quei risultati, credo che abbiamo margini di miglioramento ma ovviamente sono molto contento del modo in cui i miei ragazzi hanno lavorato e come abbiamo risposto alle diverse situazioni che abbiamo avuto in questo periodo. E oggi abbiamo risolto la partita attraverso il nostro lavoro difensivo”.

ALBA v MACCABI

Israel Gonzalez (ALBA Berlino): “Sono molto felice e penso che i miei giocatori abbiano meritato questo tipo di vittoria. Tutto è andato bene oggi. Non sono solo contento della vittoria, ma anche perché abbiamo mostrato dei miglioramenti. Siamo migliorati in attacco e in difesa a tutto campo e giocando il contropiede. Per fare questo devi giocare con molta energia. L’abbiamo avuta stasera”.

Ioannis Sfairopoulos (Maccabi Tel Aviv): “Abbiamo perso la partita a causa della nostra difesa. Abbiamo permesso all’ALBA di giocare al loro ritmo per tutta la partita. Ma è difficile vincere in trasferta se si concedono 90 punti. Servirebbe un ottimo gioco offensivo. Il nostro attacco non è stato male. Abbiamo tirato con buone percentuali. Ma la nostra difesa non è stata abbastanza, non abbastanza dura per fermare l’attacco dell’ALBA. Abbiamo provato a rimontare e abbiamo avuto le nostre possibilità. Siamo rientrati a soli due punti, ma poi non abbiamo giocato in modo intelligente . Abbiamo concesso dei canestri facili, l’ALBA ha fatto due triple di fila e poi è stato molto difficile rientrare”.

PANATHINAIKOS v ZENIT

Vassilis Simtsak (assistente coach Panathinaikos): “È stata una grande vittoria per noi, soprattutto psicologicamente. Nelle ultime tre settimane siamo migliorati molto, soprattutto in difesa. Nella partita di Monaco e oggi abbiamo meritato la vittoria. Un grande complimento ai nostri giocatori e per come si sono adattati al modo in cui vogliamo giocare in difesa. In attacco abbiamo provato a muovere la palla per tre quarti. Alla fine, siamo rimasti bloccati sul loro cambio di difesa. Abbiamo giocato un sacco di isolamenti su cambi difensivi. Ma alla fine abbiamo segnato un grande canestro e fatto una buona difesa e abbiamo vinto la partita”.

Xavi Pascual (Zenit San Pietroburgo): “Innanzitutto complimenti al Panathinaikos. Per i primi 20 minuti, penso che abbiamo giocato molto meglio di quanto mostrato dal punteggio. Penso che abbiamo avuto la possibilità di andare in vantaggio di 10 punti o più, ma abbiamo sbagliato molti tiri sotto canestro e canestri facili e non abbiamo segnato. Nella ripresa il Panathinaikos è stato molto più bravo di noi, soprattutto nel terzo quarto, quando siamo scomparsi. Non abbiamo segnato dall’esterno sui tiri aperti, non abbiamo segnato nel pitturato. Non siamo stati per niente efficaci. Abbiamo segnato solo 10 punti. Nell’ultima parte della partita siamo tornati. Abbiamo avuto le nostre possibilità di vincere, ma la tripla di Nedovic e l’alley-oop di Papagiannis hanno deciso la partita. Siamo venuti qui con cinque vittorie di fila ed era il nostro momento di perdere. In EuroLeague, se non meriti di vincere, non vinci. E stasera non meritavamo di vincere”.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Gianluca Basile: Se l'Olimpia è quella di oggi il merito è solo di Giorgio Armani

Gianluca Basile straordinario protagonista su AREA 52. Il “Baso” ancora una volta si dimostra uno dei personaggi più veri della nostra pallacanestro. «Mi fa piacere che abbiate coinvolto il Baso con le sue storie ed il suo punto di vista perchè secondo me è stato veramente uno dei più grandi […]
Gianluca Basile

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: