Baskonia-Stella Rossa (R10): i baschi tornano al successo alla prima senza Ivanovic

Francesco Rangone 1
0 0
Read Time:2 Minute, 33 Second

Baskonia-Stella Rossa, partita valida per il decimo turno di Eurolega, finisce 93-74 in favore della squadra basca, alla sua prima partita senza Dusko Ivanovic in panchina dopo più di due stagioni. Il nuovo allenatore, Neven Spahija, ha quindi esordito con una vittoria che, in Eurolega, mancava al Baskonia da quattro partite.

Il racconto di Baskonia-Stella Rossa nei classici 3 punti di Eurodevotion.

Baskonia-Stella Rossa: il parziale decisivo arriva nel secondo quarto

Dopo i primi 10 minuti, il Baskonia ha aumentato il ritmo in attacco e, guidato da un Giedraitis molto ispirato, ha mosso bene la palla trovando sempre il miglior tiro possibile. L’attacco dei baschi sembrava infermabile e dall’altra parte la Stella Rossa ha buttato via molti palloni, facilitando ancora di più la situazione ai padroni di casa che hanno segnato 30 punti nel secondo quarto, subendone solamente 10. Questo parziale ha chiuso la partita, perché dopo l’intervallo la Stella Rossa non si è mai resa realmente pericolosa.

Oltre alla grande prestazione di Giedraitis, che ha chiuso con 21 punti e 5/8 da tre, bisogna sottolineare la grande partita disputata da Enoch. Il centro statunitense ha messo in grande difficoltà la difesa avversaria segnando 23 punti ai quali si aggiungono 11 rimbalzi. Positiva anche la partita di Baldwin, per lui 14 e 4 assist, ma, al di là delle statistiche, l’ex Bayern ha giocato una partita più ordinata rispetto al solito e questo fa ben sperare per il futuro dei baschi.

La prestazione offensiva del Baskonia

Il Baskonia ha giocato molto bene in attacco, non solo nel secondo quarto, ma per tutti i 40 minuti e le statistiche lo confermano. I 93 punti segnati corrispondono al season-high che è di gran lunga superiore alla media di punti realizzati a partita in questa stagione, che era inferiore ai 70 punti prima di questa sfida. Un’altra statistica molto positiva è quella delle palle perse, il Baskonia, infatti, ha perso solamente 5 palloni, il numero più basso dall’inizio della stagione. Gli assist sono 27, con Fontecchio e Peters che hanno servito 7 assist a testa. Ottime anche le percentuali al tiro: 66,7% da due e 42,9% da tre.

La prima senza Ivanovic

Come detto, la partita di questa sera è stata la prima dopo tante senza Ivanovic in panchina per il Baskonia. Dal punto di vista tattico ovviamente non può ancora essere cambiato nulla, considerando che Spahija è stato annuciato a poco più di 48 ore dall’inizio della partita, ma quello che sembra essere cambiato, almeno per questa partita, è l’atteggiamento della squadra. L’esonero di Ivanovic potrebbe aver dato una scossa ai giocatori ed in particolare ad alcuni come ad esempio Baldwin che, come scritto sopra, ha giocato diversamente rispetto al solito.

Il lavoro da fare è ancora tanto, non può bastare una vittoria per pensare che tutti i problemi siano svaniti, ma la scossa che l’arrivo del nuovo allenatore sembra aver dato alla squadra deve essere sfruttata per migliorare al più presto il rendimento della squadra, non solo in Eurolega, ma anche in Liga.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

One thought on “Baskonia-Stella Rossa (R10): i baschi tornano al successo alla prima senza Ivanovic

  1. […] Baskonia-Cska è una classica di Eurolega, che negli ultimi anni ha visto anche diversi giocatori scambiarsi sulla doppia direzione Vitoria-Mosca. Due di questi sono proprio i migliori della partita, ovvero Johannes Voigtmann e Toko Shengelia, premiato dalla squadra di casa prima della partita. Vince quindi il Cska di Itoudis, grazie a una partenza bruciante. Il Baskonia di Spahija fa invece un altro passo indietro, dopo la vittoria contro la Stella Rossa. […]

Next Post

Virtus, è una vittoria importante! Non guardiamo solo il bicchiere mezzo vuoto

La squadra di coach Scariolo dopo 5 mesi di lontananza è tornata alla Segafredo Arena, nella sua casa, dove tutti i tifosi Virtus erano pronti ad accoglierla dopo il tricolore conquistato tra quelle mura. La gara era difficile, piena di insidie, soprattutto dopo le difficoltà avute nelle ultime uscite di […]
Virtus Bologna Venezia Cordinier

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: