La lavagnetta di Eurodevotion #8: un ATO di Sarunas Jasikevicius

Andrea Ranieri
0 0
Read Time:4 Minute, 29 Second

Chi è al momento la più forte fra le due? Chi può già provare a correre da lepre della competizione? Ad essere onesti, quale delle due ad ora è la squadra migliore d’Europa? C’è tanta attesa per un Milano-Barcellona che darà risposta a queste stuzzicanti domande. Per alleviare la fervente angoscia dei suoi lettori, la lavagnetta di Eurodevotion si addentra in un ATO di Jasikevicius, dopo averlo fatto le settimane scorse con TJ Parker e Andrea Trinchieri.

Ci concentreremo su quello che è il più evidente punto di forza offensivo della squadra catalana, ovvero il gioco interno, grande pallino della pallacanestro di un astro nascente della panchina qual è Sarunas Jasikevicius. Spetterà ad un astro già luminoso come quello di Ettore Messina provare ad arginare la situazione che stiamo per mostrarvi. Noi proviamo, come sempre, a dare la nostra umile opinione, in attesa che questo scontro tra Titani emetta il proprio verdetto. A fornirci il materiale video è BasketHead.

Come funziona: un ATO di Jasikevcius

Un ATO di Jasikevcius: si genera un alto-basso in seguito a lettura di un diamond set

Questo ATO di Jasikevicius, che ha il chiaro scopo di giocare la palla in posizione interna, comincia con un tipo di set che abbiamo già vagliato la scorsa settimana, ovvero quello denominato diamond. Lo ripassiamo: si tratta di un set in cui un tiratore parte sotto il canestro e sceglie se uscire usando il blocco sul lato destro o quello sul lato sinistro. In lunetta parte un altro esterno, che esce sempre sul lato opposto rispetto a quello del compagno che parte sotto il canestro.

Nel video dell’ATO di Jasikevicius che vi proponiamo figura un’azione dell’ultima vittoria ottenuta dal Barcellona, quella in casa del Fenerbahce. A condurre la palla nella corsia centrale è Nick Calathes. Parte sotto il canestro Nigel Hayes-Davis, che può usare il blocco di Nikola Mirotic per uscire sul lato sinistro, o quello di Brandon Davies per attaccare il quarto di campo destro. Kyle Kuric parte all’altezza del tiro libero invece.

Hayes-Davis sceglie di sfruttare il blocco di Mirotic, su cui la difesa insegue con una certa efficienza: non c’è bisogno di passi d’aiuto da parte di Achille Polonara e l’esterno del Barcellona riceve in ala sinistra senza particolare vantaggio. Anzi, difendendo sul blocco, Polonara si è attaccato completamente al proprio attaccante, trovandosi così già pronto ad anticipare la linea di passaggio interna sulla presa di posizione di Mirotic.

A questo punto Hayes-Davis non può andare dentro in maniera diretta dal lungo spagnolo. E qui arriva la lettura di Brandon Davies, che si trova sul post basso di lato debole. Il numero cinque del Barcellona effettua un taglio flash verso il post alto (zona della lunetta). In questa maniera, non solo regala una linea di passaggio a Hayes-Davis, ma toglie anche il potenziale aiuto del proprio uomo, necessario dato che Polonara ha scelto di andare completamente davanti, marcando Mirotic addirittura frontalmente.

Una volta che la palla arriva a Davies, Mirotic è bravissimo a difendere la propria posizione dietro Polonara con il corpo, e così è facilissimo il lob che l’americano deve alzare per fare segnare due punti semplicissimi al proprio compagno di reparto.

Una delle armi più semplici e più efficaci al tempo stesso di tutta la pallacanestro, l’alto-basso. Questo ATO di Jasikevicius ci arriva tramite un set di base pensato per i tiratori, come constrastarlo?

Come si batte: un ATO di Jasikevicius

Per avere la meglio contro questo ATO di Jasikevicius bisogna avere ben chiaro che il principale scopo del gioco non è quello di una conclusione degli esterni, ma il rifornimento ai lunghi per trovare due punti dentro l’area. Quindi bisogna scegliere, prima di tutto cosa fare sul blocco di uscita e poi contro i tentativi di alto-basso.

Su quel blocco diagonale di uscita ci sembra saggia la scelta che fa il Fener nel video: inseguire forte con il difensore dell’esterno per forzare una ricezione fuori dai tre punti e attaccarsi al bloccante (difesa “push” in gergo) per non perdere mai il contatto, cosa fondamentale soprattutto contro tre maestri del post basso come Nikola Mirotic, Brandon Davies e Sertac Sanli.

A questo punto faremmo una scelta un attimo più conservativa rispetto all’anticipo completamente davanti che esegue Polonara nel video. Noi optiamo per un anticipo tre quarti sul centro, cercando di usare il corpo per spingere l’attaccante il più possibile verso la linea di fondo. A questo punto dell’ATO di Jasikevicius si eviterebbe anche di prendere un lob quando il taglio flash del secondo lungo liberi l’area dagli aiuti.

Per quanto riguarda il post alto, anticipare i passaggi in quella zona del campo è da sempre uno dei grandi cardini delle regole difensive di Ettore Messina. La cosa certa è che, se la palla arrivasse, bisognerebbe impedire all’attaccante in post basso di girarsi sulla schiena per riprendere posizione dall’altro lato. Come? Togliendo per un attimo il contatto e cambiando guardia e mano di anticipo.

Lo scorso anno il gioco interno dei Blaugrana fu dramma per l’Olimpia Milano, e questo ATO di Jasikevicius, insieme ad altre giocate simili, si rivelò dannosissimo. Ora c’è una difesa ancor più preparata e, soprattutto, ci sono Nicolò Melli e Konstantinos Mitoglou. Se Milano vincerà questa battaglia nella battaglia, batterà il Barcellona, dandosi l’occasione di un insperato (siamo sicuri?) tentativo di fuga in vetta.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

La Virtus cade in Montenegro, il Buducnost vince il secondo big match consecutivo e vola in testa

La Virtus, nel terzo round di 7Days EuroCup, vola in adriatico per affrontare il Buducnost; squadra seconda nel proprio campionato con 5 vittorie e 1 sconfitta. I montenegrini, prima della sfida con i bianconeri, in casa sono imbattuti da ben otto mesi e sono reduci da diciassette vittorie consecutive. Il […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: