Kazan Baskonia decisa già nel primo tempo

Russi devastanti nel primo tempo. Baskonia al tappeto

1 0
Read Time:2 Minute, 38 Second

Kazan Baskonia si chiude sostanzialmente nei primi venti minuti rendendo la ripresa un allenamento per entrambe le contendenti.

Un successo mai in discussione contro una formazione, quella basca, che ha fatto un notevole passo indietro rispetto alle ultime prestazioni.

Risultato finale di 83-69 che andiamo ad analizzare con la consueta struttura di Eurodevotion.

PRIMO TEMPO DOMINANTE

Il primo tempo alla Basket Hall di Kazan è stato un ko tecnico a favore dei padroni di casa che dopo un primo quarto concluso sul punteggio di 24-17 hanno piazzato un break decisivo e mortifero di 18-0 che ha sentenziato anticipatamente la fine della sfida. Una prima frazione da record per la squadra russa che ha riscritto, grazie al +25 all’intervallo lungo (48-23), il massimo divario di vantaggio avuto alla pausa in una gara di Turkish Airlines Euroleague. Gli uomini di Perasovic, peggiori nel tiro da due punti nella competizione prima della palla a due, hanno esplorato molto spesso il gioco nel pitturato (sfruttando un ottimo Vorontsevich) realizzando da due punti dieci dei primi dodici canestri concludendo la gara con un conformante 60% in questa voce statistica. Il Baskonia, un pò come nella gara dell’esordio al Pireo, non è pervenuto e nel secondo tempo grazie a Baldwin e Costello ha reso meno umiliante il passivo.

SPISSU VINCE IL DERBY ITALIANO

Tutti si attendevano una nuova grande partita di Fontecchio ed invece…il migliore nel derby azzurro è stato decisamente Marco Spissu. Il giocatore sardo ha giocato 25 minuti ed è stata una delle chiavi dell’allungo del Kazan. 5 punti, 6 rimbalzi, 8 assist sono le cifre che testimoniano la solidità della prestazione del playmaker della nazionale azzurra. Fontecchio ha invece deluso e dopo settimane da assoluto protagonista è stato opaco, come del resto tutta la sua squadra. 4 punti con 2/11 al tiro il fatturato dell’ex Alba Berlino.

SFIDA NELLA SFIDA TRA I COACH

Velimir Perasovic, il grande ex della sfida e condottiero di due versioni del Baskonia che hanno raggiunto la Final Four, e Dusko Ivanovic si conoscono da più di 30 anni essendo stati compagni di squadra nella splendida Jugoplastika Spalato che si aggiudicò per tre anni consecutivi l’Eurolega. La vittoria ha permesso a Perasovic di pareggiare i conti (2-2) contro l’amico di mille battaglie sul parquet. I due allenatori si sono cosi espressi a fine gara:

Soprattutto nel primo tempo abbiamo giocato molto bene tirando con ottime percentuali e sfiorando i cinquanta punti, cosa per noi non abituale. Sono contento perchè dopo due sconfitte di fila è stata una vittoria importante. Cerchiamo sempre di lavorare bene in difesa ma quando tiri male come in questo inizio di Eurolega è tutto più difficile. Quando si segna è più facile anche difendere.

Le parole del coach della squadra russa a cui ha risposto Ivanovic:

Primi venti minuti da dimenticare. Questa squadra solitamente ha carattere, questa sera non lo ha mostrato.

I baschi saranno impegnati, nel prossimo turno, ancora una volta in Russia contro lo Zenit mentre il Kazan proverà a bissare la vittoria di oggi contro il quotato Real Madrid.

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

La Virtus soffre, lotta e vince contro un coriaceo Ulm

La Virtus, dopo la sconfitta di Napoli, torna in campo, nel round 2 di 7Days Eurocup, per l’esordio casalingo contro i tedeschi del Ratiopharm Ulm. Tra le caratteristiche della compagine teutonica vi è la pericolosità in trasferta; infatti, in questo inizio di stagione, in BBL, l’Ulm ha conquistato tre vittorie […]

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: