Zalgiris-Bayern (R5): il rientrante Lucic fa la differenza

2

Partita vibrante e a due facce quella della Zalgirio Arena. Ecco quanto successo ieri sera in Zalgiris-Bayern.

0 0
Read Time:3 Minute, 6 Second

E’ una Turkish Airlines Euroleague che non smette di regalare emozioni, ma soprattutto rimonte e partite equilibrate in questo inizio di stagione. Il Maccabi sopravvive contro il Pana. L’Olimpia rimonta e vince al thrilling contro l’Asvel, rimontando un primo tempo decisamente sottotono. Il Fener non molla e tiene testa al vincente Real, ma anche alla Zalgirio Arena si è vista una super rimonta. Nel pomeriggio italiano, infatti, Zalgiris-Bayern vede una stellare rimonta. La firma è tutta della squadra di coach Trinchieri, che parte male, ma si rifà alla grande con un terzo quarto e un crunch time tecnicamente perfetto.

Senza ulteriori indugi, dunque, andiamo ad analizzare quanto successo in terra lituana con la consueta analisi in 3 punti targata Eurodevotion.

Zalgiris-Bayern: la difesa bavarese risponde al ritmo aggressivo lituano

Zalgiris-Bayern è un match a due facce, praticamente molto simile a quanto visto due ore dopo al Forum di Assago. Partono forte i lituani che con aggressività attaccano sempre 1vs1 tutti i match-up favorevoli, dando ritmo sotto le plance (ben 44 rimbalzi conquistati nei 40 minuti effettivi di gioco) e ribaltando rapidamente il fronte offensivo con letture e timing notevoli. Il secondo tempo, però, mette in mostra tutto ciò che il Bayern sa fare. Difesa a dir poco asfissiante sugli esterni, raddoppi continui sui lunghi, isolamenti degli uomini migliori e tiri, anche difficili, mandati a bersaglio nei momenti decisivi. Il successo dei bavaresi, dunque, non sta nelle cifre espresse, bensì nell’intensità di gioco che in alcuni frangenti è stata disarmante, specie quella messa in mostra da parte della squadra dell’ex coach di Partizan e Bamberg.

Zalgiris-Bayern: Thomas e Hilliard catalizzano. Lucic torna e trascina

Il Bayern fa dunque sua la contesa nel segno dei nuovi e dei rientranti. Thomas mette i canestri pesanti nel crunch time e nei primi tentativi di rimonta. Hilliard si prende i suoi isolamenti e mostra la sua classe offensiva a partire da metà terzo quarto (parziale da 25-16 dei bavaresi che ha completamente riaperto la gara). Poi c’è Lucic: il vero faro, o spirito guida che dir si voglia, di questa squadra. Rientra in campo dopo qualche partita di assenza e riavvolge il nastro a quanto messo in mostra nella passata stagione. Il bottino della combo-guard serba dice 17 punti, 4 rimbalzi e 8 falli subiti decisivi nel finale, e fondamentali nell’economia del 73-75 della Zalgirio Arena. Lo scettro di miglior giocatore della partita non può che non essere il suo, nonostante uno stoico Lekavicius tra le fila dei padroni di casa.

Zalgiris-Bayern: la partita del primo sorriso stagionale

Doveva essere la prima vera battaglia tra due grandi sorprese in negativo di questo inizio di stagione e così è stato. Se i bavaresi muovono finalmente la colonna delle vittorie stagionali (1-4 dice ora il record della squadra di coach Trinchieri dopo la vittoria di ieri sera), lo Zalgiris invece deve ancora trovare il primo sorriso della stagione. Il cuore messo in scena dalla compagine lituana, infatti, non è bastato nei possessi decisivi e in un secondo tempo avaro di intensità rispetto ai primi 20 minuti di gioco. 0 vinte e 5 perse ad ora per i lituani, che devono trovare al più presto la quadra della loro nuova stagione. Dopo l’addio di Schiller, ancora non si naviga in acque tranquille. Si spera in una scossa quanto prima, ma una cosa è assolutamente certa: ora servono nuove idee. Perchè, in casa Zalgiris, per ritrovare la luce in fondo al tunnel la strada (o processo tecnico) è più tortuosa e insidioso che mai.

About Post Author

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Infortuni ed assenze: la situazione delle gare di questa sera che chiudono il Round 5

Infortuni ed assenze purtroppo continuano a farla da padroni tra le varie squadre impegnate in Turkish Airlines Euroleague. CSKA v OLYMPIACOS Senza Milutinov e Shengelia, col dubbio riguardo la schiena di Grigonis, il Cska dovrebbe vedere l’esordio di Kenneth Faried, incluso nelle liste di Eurolega, dopo l’esordio non esattamente indimenticabile […]
infortuni

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: