Barcellona ok ma Jasi non è contento. Anche Real e Baskonia vanno

alberto marzagalia
0 0
Read Time:2 Minute, 44 Second

Barcellona, Real e Baskonia, le tre grandi spagnole di Eurolega, sono scese in campo nella serata di ieri.

82-69 il punteggio con cui il Barça supera Badalona e si qualifica per la finale di Liga Catalana, in programma questa sera alle 2130 contro Manresa, proprio sul parquet del Nou Congost, casa degli avversari odierni.

Calathes, Abrines, Higgins, Mirotic e Ibou Badji il quintetto blaugrana che ha iniziato la partita. Alla sirena del primo quarto Joventut avanti 18-14, vantaggio esteso a +10 dopo il 6-0 di inizio secondo periodo.

Parziale Barça e punteggio equilibrato a metà gara, coi verdenero sul +3. Il 32-14 della terza frazione chiude la faccenda in favore degli uomini di Jasi, guidati dai 13 di Davies e dagli 11 di un molto positivo Jokubaitis.

L’esigentissimo Coach lituano è stato al solito chiaro nel dopo gara: «Non credo ci sia da essere contenti per questa vittoria. Non abbiamo fatto le cose basiche che stiamo allenando, loro avevano molte assenze… Dobbiamo essere molto più solidi e non tutti hanno dato ciò che potrebbero».

«Normale che vi siano errori in questa fase, tra l’altro alcuni dei nuovi si stanno inserendo molto bene. Saranno di grande aiuto in stagione».

Più soddisfatte le parole di JOKUBAITIS, uno dei nuovi, che sottolinea come la chimica coi compagni, grazie all’aiuto dei veterani, sia già a buon punto.

Dall’altra parte dell’arcobaleno dell’eterna rivalità iberica, il REAL supera abbastanza agevolmente Murcia, dopo due sconfitte in fase di preparazione.

80-65 e gara già ben indirizzata al riposo lungo, sul 39-27 dovuto a percentuali molto migliori per i “blancos”. Murcia prova a rientrare ma un 10-0 Real chiude il discorso definitivamente.

17 di Poirier, 13 di Abalde, 11 di Causeur ed Alocen per gli uomini di Laso, che a breve riabbracceranno Walter Tavares, sconfitto ieri nella semifinale di AfroBasket con la sua Capo Verde.

La partita di ieri è stato l’ultimo test madridista prima di volare a Tenerife il prossimo weekend per la Final 4 di Supercopa, dove troverà proprio i padroni di casa del Lenovo nella semifinale di sabato.

Eterni rivali a parte, in campo ieri anche il classico terzo incomodo spagnolo, ovvero il BASKONIA.

Agevole W contro Fuenlabrada con un ottima prova di Steven Enoch, una delle scommesse più intriganti dei baschi. 88-72 in finale e sfida in controllo praticamente sin da subito. 23 i punti del centro nativo di Norwalk (CT), che compirà 24 anni il 18 di questo mese.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Zenit notevole, asfaltata ad un Cska bruttissimo

Zenit già di grandissimo livello quello che conquista la “Kondrashin & Belov Cup” superando molto agevolmente i rivali russi del Cska. 💎Zeeeeeeniiiiiiiit. It sounds good. pic.twitter.com/O6wpwrPFDq — Basketball club Zenit (@zenitbasket) September 4, 2021 E’ uno Zenit già in palla, sia tecnicamente che atleticamente, quelle che infligge un severissimo scarto […]
Zenit

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: