ZELJKO OBRADOVIC: “Penso che l’NBA sia un circolo vizioso difficile da spezzare”

mfiorda26
0 0
Read Time:2 Minute, 4 Second

Zeljko Obradovic è stato intervistato da Mozzartsport, queste le sue parole:

Su un eventuale ritorno al Partizan:

“Qualunque cosa io risponda potrebbe essere interpretata in un modo o nell’altro, ma posso dire, ad esempio, che a volte la follia faccia bene? Quando avevo 31 anni nel 1991, dissi a mia moglie che non ero più un giocatore, ma un allenatore, mi ha guardato in modo strano e ha detto: “Va bene, siediti, riposati.” So qual è il mio valore in Europa, e non può essere sufficiente per me andare da qualche parte semplicemente per lavorare, conta l’ambizione.”

“Sono in costante contatto con i rappresentanti del Partizan e ho sempre cercato di trovare un modo per aiutare il Partizan; ma non solo il Partizan, tutti i nostri club, credetemi. Ho buoni amici nel basket europeo, e ogni volta che posso metto una buona parola per qualsiasi dei nostri club. Perché? Perché credo che l’Europa debba rispettare la produzione di allenatori e giocatori che abbiamo qui (in Serbia). È molto importante per il basket europeo che ci siano Partizan e Stella Rossa in Eurolega. Belgrado, una città dove la gente ama e capisce il basket, avrebbe un’arena piena ogni settimana, e questo sarebbe un messaggio per tutta l’Europa. E penso che sia superfluo spiegare le mie emozioni nei confronti del Partizan e quanto il Partizan significhi per me. “

Mentre su un suo possibile approdo in NBA:

“Certamente non nella NBA. Penso che sia un circolo vizioso che sarà molto difficile da spezzare. Non si fidano degli allenatori europei, questo è ovvio, nemmeno degli allenatori che in realtà sono americani, come David Blatt, che si è formato e ha lavorato là, o Mike D’Antoni. L’unico europeo, ma un europeo che ha lavorato lì per tutta la vita è stato il nostro Igor Kokoškov. L’attuale allenatore di Utah, Queen Snyder, era un qualche anno fa assistente di Ettore Messina nel CSKA e gli è stata data questa opportunità, e lavora davvero alla grande, mentre Ettore è stato assistente allenatore in America per sette anni, ci ha provato, lo hanno chiamato per “colloqui”, e questa possibilità non l’ha mai avuta. Penso che sarebbe molto facile per gli allenatori dall’Europa. Non ho mai ricevuto un’offerta seria dai Detroit Pistons nel 2013. Per quanto riguarda l’Europa, è importante che la persona che mi chiama mi spieghi perché crede che io sia unico, lui e il club devono avere l’ambizione che ho io. L’ambizione deve essere qualcosa che guida tutti noi”.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Davide Alviti vicinissimo all'Olimpia Milano

Davide Alviti è ad un passo dall‘A|X Armani Exchange Milano. Secondo quanto riportato da Superbasket e Sportando il giocatore dell‘Allianz Pallacanestro Trieste sarebbe vicinissimo a vestire la canotta milanese. Dopo le voci su Devon Hall, il classe 1996 sarebbe il secondo colpo di mercato messo a segno dal club meneghino. […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: