FINALE SCUDETTO, STEFANO MICHELINI: “Milano, la stanchezza non regge”

mfiorda26
0 0
Read Time:1 Minute, 55 Second

Queste le partole di coach Stefano Michelini sul Corriere di Bologna a poche ore da Gara 4. Diversi i temi trattati:

OLIMPIA MILANO

Milano ha giocato 90 partite ma se ne avesse giocate 60, mancando i playoff di A1 o di Eurolega, sarebbe stata un’annata fallimentare. Ha 17 giocatori per affrontare, con il budget che ha Milano, queste gare: non ci si può appellare alla fatica, va al di fuori della logica.

VIRTUS BOLOGNA

Durante l’anno a Basket Regione ero stato tra i primi contestatori di Djordjevic ritenendo che la sua Virtus avesse solo un piano A, cioè il talento di Teodosic. Invece dal secondo tempo di gara 3 con Treviso la difesa ha un tenore completamente diverso: ha tenuto Brindisi al 33% al tiro e ora ha costretto Milano a diversi record negativi offensivi, nel tiro da 3, da 2 e nei canestri in area. Una cerniera che impedisce a Milano di penetrare e recupera palloni: le stoppate di Markovic e Gamble nel terzo quarto di gara 2 sono un emblema.
In attacco c’è grande equilibrio. La Virtus sta avendo un predominio totale nel gioco interno ma soprattutto attacca in modo paziente: in questo modo è diventata chirurgica quando conta, visto il 44% da tre negli ultimi quarti. Un’armonia offensiva che ha tolto anche il contropiede a Milano, con soli 12 punti concessi nella serie: così all’Olimpia restano le triple e sta tirando da tre col 21,7%.
Sicuramente l’Olimpia era favorita ma oggi gli strumenti per battere questa Virtus non li ha. Poi, se la Virtus smette di difendere e pensa alle feste-scudetto tutto diventa possibile.
Sicuramente l’esonero e il successivo reintegro di Djordjevic e la sconfitta con Kazan sono stati punti fondamentali del confronto. Ma da quell’intervallo è uscita questa Virtus: da una parte c’è la gestione pragmatica di Messina, dall’altra quella romantica di Djordjevic. Perché è palese che i bianconeri stiano giocando per il proprio allenatore.

IL REPARTO ITALIANI

Utilizzare un numero ristretto di italiani è una scelta che ha premiato in Eurolega, dove Milano è arrivata a un canestro sbagliato dall’arrivare in finale, ma che di contro ha penalizzato in campionato. Tolti Datome e Belinelli, il risultato è 74-6 per gli italiani della Virtus.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
100 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Playoff nazionali, Cska e Pana campioni, parità in Germania

Playoff nazionali che esprimono ormai quotidianamente i verdetti finali. E’ finita la stagione di VTB come quella greca, mentre in Germania c’è grande equilibrio. CSKA CAMPIONE IN VTB Nono titolo consecutivo, il sesto in sei stagioni di gestione Itoudis. ve ne abbiamo parlato dettagliatamente già ieri sera, con anche le […]
Playoff nazionali

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: