Ettore Messina: Alla stagione di Eurolega do 8

Lorenzo Lubrano 2
0 0
Read Time:3 Minute, 41 Second

Ettore Messina ha parlato così ai giornalisti italiani presenti a Colonia. Ecco le dichiarazioni del coach dell’A|X Armani Exchange Milano riportate da Alessandro Maggi di Sportando.

Ettore Messina | Eurodevotion

Le parole di Ettore Messina

«Non ho risposte. Ho passato del tempo con mio figlio a chiedermi se fosse meglio perdere di poco giocando per il titolo, o perdere di 15 per capire che non sei a quel livello, e al momento incazzarti meno. Tutto sommato, pur con i nostri limiti, abbiamo dimostrato che a questo livello ci possiamo stare. Non è una  stagione casuale, non è un playoff casuale, e quindi esserci alla fine è stata una buona cosa».

«L’ultimo tiro è stato un gran tiro, costruito bene da Delaney, eseguito bene da Punter, se andava dentro eravamo tutti contenti. Era un ottimo tiro, costruito bene con uno dei migliori tiratori, quindi non puoi lamentarti. Poi chiaro, nel corso della partita ci possono essere cose da rivedere e analizzare, ma direi che la rimonta del terzo quarto è stata importante sia in difesa che in attacco. Penso a Vlado, ma tutti hanno fatto quello che potevano… questo (Higgins) si è inventato un canestro incredibile. Che vuoi dirgli? Bravo, e stop. Sulla giocata che ha deciso la partita di venerdì. Ci sono stati purtroppo un paio di possessi in due minuti in cui abbiamo avuto qualche possesso scadente. E questo lo paghi».

«Alla stagione di EuroLeague do otto. E’ stata una bellissima stagione».

«Noi non possiamo crescere solo a livelli di innesti. Abbiamo un budget e lo rispettiamo. La speranza è che si possa fare qualcosa a livello di roster, e poi fare qualcos’altro per il miglioramento individuale».

«Onestamente non sono molto interessato a quello che si pone il movimento. Noi siamo, e saremo sempre, così, guelfi e ghibellini. Se c’è qualcuno che vuole prendere spunto da come facciamo noi, bene, se c’è qualcuno che se ne frega, non mi faccio grossi pensieri. Noi formalmente rappresentavamo un movimento, ma effettivamente non rappresentiamo un movimento».

«Abbiamo un buon nucleo sotto contratto, siamo fiduciosi di poter continuare a lavorare bene. Poi a fine campionato parleremo con i giocatori in scadenza. A differenza di un anno fa, che causa lockdown ci siamo messi a lavorare presto sull’assetto della squadra, adesso presi dall’EuroLeague e dai playoff italiani non abbiamo fatti grandi discorsi. Ci parla Christos con tutti questi agenti. Io mi tengo fuori. E lui sicuramente parla con tutti».

«Per esperienza passata personale non sarà facile. Ecco perchè ritenevo importante vincere le prime due con Venezia, perchè non sapevo come saremmo stati mercoledì. Se poi sapremo ritrovare la nostra normale energia, e in questo l’esperienza dei vecchi sarà fondamentale, poi torneremo al nostro normale modo di giocare. La ripartenza sarà difficile. Come ben sapete, Christos Stavropoulos aveva proposto alla Lega un playoff 5-5-5, o addirittura 3-5-5, peraltro in quest’ultimo caso contro i nostri interessi. Ma l’Assemblea ha ritenuto che non fosse il caso, e quindi ci siamo adatti. Motivazioni? Non so, non ricordo, non c’ero».

«L’ultima stagione al Cska, prima della Final Four, perdemmo le due partite di Vtb precedenti all’evento in casa. Tornammo dalle Final Four di Milano spappolati, ma la squadra si ricompattò e riuscimmo a mettere in fila nove vittorie. Io ho fiducia nella loro voglia di vincere in Italia, che era l’obiettivo prefissato di inizio stagione, ma certo mi faccio delle domande sullo stato fisico e mentale immediato dopo questa esperienza. E’ solo una questione di tempo».

«90 gare? Sono un po’ stanchino. Sono anziano».

«Next question» Alla domanda sul ricoprire solo la figura del presidente

«Per quest’anno non ci sarà nessun cambiamento da quel punto di vista. Sono ipotizzabili dopo, ma le 90 gare restano anche per l’anno prossimo, al massimo non avremo la Supercoppa di queste dimensioni. Il tema della lunghezza della stagione partirà dalle scelte di riposo per eventuali giocatori alle Olimpiadi. Dunque sarà una stagione come quella attuale, magari senza Covid, ma con la minaccia infortuni. Ricordiamo Michael Roll quanto è stato decisivo in assenza di Delaney».

«Pur accettando la logica della scelta, lui sapeva la stima immutata, tanto che è partito tra i primi cinque. Avvio importante, ed è stato decisivo nel terzo quarto». Su Micov

«L’obiettivo tattico del futuro è migliorare nell’uso dei cambi e nell’attacco dei cambi. La pallacanestro va lì».

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

2 thoughts on “Ettore Messina: Alla stagione di Eurolega do 8

Next Post

Barcelona-Olimpia: la gestione blaugrana del pick and roll

La semifinale Barcelona-Olimpia è stata decisamente la più bella partita di Eurolega in questa stagione, tanto per equilibrio nel punteggio quanto per contenuti tecnici espressi. La degna conclusione era quella agli ultimi tiri, quello sbagliato da Kevin Punter e quello segnato da Cory Higgins. Smaltite le emozioni che il match […]
Barcelona-Olimpia

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: