Obradovic in NBA? Per Ataman sarebbe ora ma Delaney la pensa diversamente

alberto marzagalia
0 0
Read Time:4 Minute, 13 Second

Obradovic, il nome più eclatante di tutto il mondo di Eurolega, è accompagnato da un silenzio assordante in queste settimane. Chi poteva rompere quel silenzio se non Ergin Ataman?

Zeljko Obradovic è il più grande allenatore della storia del basket europeo. Non ci sono dubbi.

L’addio al Fenerbahçe al termine della scorsa stagione, in realtà poi mai terminata, ha lasciato certamente un vuoto nel mondo di Eurolega che, sebbene ricco di grandi nomi in panchina, manca di chi questa competizione l’ha dominata in lungo ed in largo per tre decenni, anche ben prima del nuovo formato e della nuova era.

L’anno sabbatico di Zele lasciava pensare che oggi ci fosse un naturale rientro su un panchina continentale di grande livello, ma la realtà dice che posti come Mosca, Madrid e Barcellona sono saldamente in mano ad Itoudis, Laso e Jasikevicius, Milano è casa Messina mentre lo stesso Ataman ha rinnovato all’Efes come Pascual ha fatto con lo Zenit.

Ci sono altre panchine dove possiamo immaginare Zoc? Sulla carta molti dicono di no, sebbene personalmente non lo vedremmo male in progetti ambiziosi come potrebbero essere quelli di una Bologna o di un Valencia. Ma è solo e soltanto un’opinione personale, sia chiaro.

Il silenzio che riguarda il nove volte vincitore del trofeo più importante d’Europa è stato rotto da Ergin Ataman, durate lo show greco “Jumpball”, come riportato da Eurohoops.

Ne è derivato un confronto interessante via Twitter, al quale ha partecipato (e ci mancherebbe…) Malcolm Delaney.

Coach Ataman è stato molto diretto: «Zeljko oggi è il più rilassato tra noi… Mentre noi stiamo preparando la Final 4 lui è a casa senza stress… Ne ha già 9 di coppe…»

«Futuro? Magari continuerà le sue vacanze, oppure sarebbe ora che la NBA capisse che il miglior basket è quello europeo e che chiamassero il miglior allenatore europeo ad allenare da loro. Lo merita e potrebbe aprire le porte della NBA anche ai migliori allenatori continentali, non solo ai giocatori».

Andrew Goudelock si è limitato ad un “Wow”, mentre Delaney, discutendo con Nikos Varlas, ex boss di Eurohoops, ha aggiunto molta carne al fuoco.

Varlas ha definito la NBA «ancora incapace di riconoscere il livello di impatto che gli allenatori europei sanno avere. Nello specifico, in termini di “adjustments” nel vecchio continente sono almeno un passo avanti».

Delaney ha parlato di “mondi differenti” dicendo che «il tipico stile serbo di allenare non funzionerebbe mai in NBA».

Ha aggiunto poi che «non è una questione di conoscenza o meno, gli allenatori NBA sono i migliori al mondo. Devi capire che essere un Coach NBA non vuol dire che la squadra ruoti attorno a te. E’ la realtà».

«La NBA è una lega di giocatori, hai a che fare con denaro in quantità differenti. I giocatori hanno il potere ed i coach serbi non lo accetterebbero mai. Molti giocatori NBA riderebbero di fronte ai rimproveri violenti dei Coach europei».

Ovviamente il dibattito è aperto, sta proseguendo e riguarda quella che è una delle definizioni più gettonate, a cui ci associamo senza dubbio, dell’Eurolega: “lega di allenatori” quando la NBA è una “lega di giocatori”.

Intanto il futuro di Obradovic resta un mistero e l’Eurolega continua a sentirne la mancanza. Senza alcun dubbio.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Shields e LeDay elogiano Kyle Hines

Shavon Shields e Zach LeDay sono stati ospiti di EuroLeague Tv all’interno del video realizzato dalla Turkish Airlines EuroLeague su Kyle Hines. I due giocatori biancorossi hanno espresso parole al miele per il loro compagno di squadra. Le parole di Shields e LeDay su Hines «Lui è la roccia della […]
Franko Bushati

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: