Murcia – Unicaja(G36), Taylor è fondamentale per i padroni di casa

Il resoconto di Murcia – Unicaja

0 0
Read Time:2 Minute, 13 Second

Murcia – Unicaja, valevole per la trentaseiesima giornata di Liga, è stato un vero e proprio scontro diretto per i playoff. Precisiamo, ad oggi, viste le numerose partite da recuperare, provare a fare anche un abbozzo di previsione sembra pressoché impossibile. Entrambe le squadre, però, sono in corsa per un ultimo posto tra le migliori otto di Spagna e la vittoria di oggi dei padroni di casa per 81-68 lascia il vantaggio, tra le due formazioni, ai biancoverdi. Una partita dominata, quasi interamente, dai padroni di casa, vogliosi di tornare a vincere dopo gli stop contro Gran Canaria e Valencia. Andiamo ora scoprire nel dettaglio quello che è successo durante Murcia – Unicaja.

Un secondo quarto di fuoco

Dopo una prima frazione con più errori che colpi di scena, il quarto che ha saputo indirizzare la partita è stato il secondo. Il 31-12 ha letteralmente spaccato il match in favore dei padroni di casa. Il Murcia, guidato da Taylor e Frankamp, è riuscito a dare vita alla prima fuga, costringendo l’Unicaja al time out. Sospensione che, però, non ha portato i risultati sperati, con Strawberry questa volta a salire in cattedra. L’asse americano, infatti ha mandato completamente in tilt la difesa ospite, chiudendo il primo tempo di Murcia – Unicaja sul 46-24.

Murcia - Unicaja

Malaga prova la rimonta

Durante la pausa lunga coach Katsikaris ha provato a scuotere i suoi, cercando una reazione per cercare di riaprire il match. Al ritorno sul parquet, però, le cose non sono sembrate cambiare. La situazione si è aggravata ulteriormente quando, dopo appena tre minuti, Brizuela è stato costretto ad uscire a causa di quattro falli. Coach Alonso, visto il momento di grande difficoltà, ha provato ad affondare il colpo, sbattendo sul muro che porta il nome di Deon Thompson, autore di 12 punti. Il parziale di 3-17 ha riaperto, seppur solo parzialmente, la partita sul 57-45.

Murcia – Unicaja, la sfida tra gli interpreti

In un match come quello di ieri la differenza è stata fatta dai singoli giocatori, capaci di guidare tutto il resto della squadra. Il Murcia ha potuto contare sui 19 punti realizzati da Taylor, il quale, però, è stato aiutato dai Cate e Lima nel fare il lavoro sporco. L’americano, infatti, escluse le diciannove marcature ha portato poco alla causa del suo team. Dall’altra parte, invece, l’Unicaja, oltre ai 17 punti di Fernandez, ha potuto contare sull’appoggio di tutto il team, in particolare di Waczynski, autore di 7 punti, 5 rimbalzi e 5 assist. Murcia – Unicaja è stata caratterizzata da due tipi di gioco diversi, premiando i padroni di casa.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Fucka: In una F4 può succedere di tutto

Gregor Fucka ex giocatore dell’Olimpia Milano e del Barça, ma non solo ha rilasciato un’intervista su l’Avvenire. Ecco un piccolo estratto delle sue parole. L’A|X Armani Exchange Milano alle F4 «Può farcela, ha meritato questo traguardo perché gioca bene. Sia il Barcellona che le altre due semifinaliste (Cska Mosca e […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: