Weems: siamo pronti per andare in battaglia

Balbo
0 0
Read Time:7 Minute, 35 Second

Kyle Weems è stato intervistato dal sito di Eurocup in vista di gara 3.

Di seguito le sue parole.

Ciao, Kyle. Prima di tutto, come ci si sente a far parte di una serie di playoff così straordinaria?

“È fantastico, soprattutto perché la mole di lavoro che abbiamo svolto fino a questo punto è per una questa speciale. UNICS ha una grande squadra di grandi atleti, grandi tiratori, grandi registi e un grande allenatore, quindi dobbiamo essere concentrati, concentrarci sul nostro piano di gioco e giocare duro. E speriamo di poter portare a termine il lavoro questa sera”.

Come ti avvicini a una partita do-or-die come questa, con la stagione EuroCup in bilico?

“Penso che sia importante capire ovviamente la posta in gioco. Penso che tutti lo capiscano da entrambi i club. Ma penso che come giocatore, sia importante mantenere la tua routine, mantenere la stessa routine del giorno della partita, trattarla come una qualsiasi vecchia partita e non fare nulla fuori dal normale. Fare tutte le cose che ti hanno portato qui fino a questo punto individualmente e collettivamente. E questa sarà solo la mia visione individuale della partita. Consideralo come un’altra partita. Dobbiamo uscire e giocare fisicamente. Sarà una partita difficile. E come ci siamo detti tutto l’anno, dobbiamo fare affidamento sulla nostra difesa perché ci sentiamo di poter segnare in qualsiasi momento. Ma dobbiamo fare affidamento sulla nostra difesa e, si spera, sarà sufficiente per portare a termine il lavoro “.

“Dobbiamo fare affidamento sulla nostra difesa e, si spera, sarà sufficiente”.
In Gara 2, la Virtus ha reagito da 18 punti in meno per pareggiare la partita nell’ultimo minuto. Nonostante la sconfitta, è un buon segno per il futuro?

“Di sicuro, perché penso che abbiamo ripreso un po’ lo slancio. Non credo davvero nelle vittorie morali, ma guardando il film della partita e vedendo gli errori che abbiamo commesso, abbiamo avuto un sacco di… le chiamo ‘palle perse che uccidono’. Quando l’abbiamo girata, sono stati in grado di segnare. Hanno anche avuto dei rimbalzi offensivi davvero importanti che ci hanno fatto male. E inoltre, non abbiamo tirato al meglio. Ovviamente, Belinelli è stato fantastico, ma Teodosic non è riuscito a fare una tripla e io non sono riuscito a fare una tripla. Queste sono solo alcune cose che dobbiamo guardare e tenere la testa alta “.

Anche la prima partita è stata molto combattuta. Eri fiducioso a causa della straordinaria serie di vittorie della Virtus?

“Non so se è necessariamente per quello che non abbiamo perso la partita; penso che siamo stati in così tante partite ravvicinate come combattere di nuovo a Monaco all’inizio della stagione, nel periodo natalizio. Qualche settimana fa, abbiamo avuto un tipo simile di partita sotto di 7, credo, a meno di 2 minuti contro Cedevita Olimpija. Poi contro Joventut Badalona, ​​abbiamo pareggiato a circa 7 minuti dalla fine in gara 1, loro si sono battuti in gara 2 a Badalona e noi siamo riusciti a chiudere. Quindi abbiamo già visto quei tipi di partite ravvicinate in passato. Ho pensato che abbiamo fatto un buon lavoro rimanendo in equilibrio e rimanendo semplicemente nel momento. E come ho detto prima, concentrandoci davvero sulla difesa. Siamo stati in grado di fare alcune difese chiave e Teodosic ha fatto un canestro enorme. Abbiamo avuto dei tiri liberi nel finale e siamo riusciti a chiuderla”.

Dopo due anni con Teodosic, a volte ti sorprende ancora?

“Onestamente, niente di quello che fa più mi sorprende, solo perché è un talento così grande. Il suo QI nel basket è fuori dal mondo, la sua abilità di passaggio, il suo coraggio, onestamente, penso che sia uno dei suoi migliori attributi. Voglio dire, il ragazzo non è mai spaventato. Come nell’ultima partita, prendiamo la palla a due e lui e va subito a canestro per un layup. Quindi solo il suo coraggio, il suo talento e ovviamente il suo QI sono qualcosa che non ho mai visto prima “.

L’UNICS è una squadra molto fisica in tutti i ruoli. Pareggiare la sua fisicità è la chiave più importante per Game 3?

“Di sicuro. Devi essere pronto fisicamente, proprio come devi essere pronto mentalmente per questa serie. Ci hanno colpito, e ci piace pensare che giochiamo anche fisicamente e colpiti. Quindi vincerà solo chi può colpire in modo più intelligente, senza gioco sporco, ovviamente, e non fare brutti falli nel bonus. Penso che sia stata la chiave per entrambe le partite. Hanno affrontato alcuni brutti falli nel bonus in Gara 1, noi abbiamo affrontato alcuni brutti falli in diversi quarti di Gioco 1. E non solo cercando di tenerli lontani dalla linea di tiro libero, ma giocando in modo intelligente e giocando nel fisico entro i confini delle regole del basket, penso che sarà sicuramente importantissimo per questa partita”.

Hai giocato le finali dell’EuroCup con lo Strasburgo nel 2016. Cosa ricordi a riguardo?

“Penso che sia molto simile al Galatasaray. Anche loro erano fisici e avevano un grande gruppo di stranieri, di ragazzi in una squadra simile a UNICS. Erano atletici, amavano dare la palla dentro e hanno fatto molti cambi. E questo è un po ‘simile a ciò che UNICS sta facendo ora. Quindi solo essere in grado di rallentare, non farti prendere dal panico, non affrettarti, leggere il gioco, fare scelte il ​​più intelligenti possibile e anche tenere UNICS fuori dalla transizione, simile a quello che il mio Strasburgo aveva a che fare con il Galatasaray, con quei ragazzi atletici che avevano. L’atmosfera in gara 2 era incredibile. Non c’è niente che sia superiore a quella partita. Anche se l’abbiamo persa, è stato un grande gioco far parte di qualcosa che io Non dimenticherò mai, accostandomi all’arena e camminando lungo il tunnel. Era già tutto esaurito tra i 12.000 e i 15.000 spettatori, qualunque cosa quell’arena [Abdi Ipekci] tenesse. Potevo sentire i fan urlare dalle mie cuffie. Le cuffie e potevo ancora sentirli! Ma è per questo che vivi , ed è proprio di questo che si tratta in questo periodo della stagione. Questi sono i tipi di giochi di cui vuoi far parte. Vorrei davvero che i nostri fan potessero far parte di questa stagione con noi fisicamente. Sono stati di grande supporto, inviando sempre molti messaggi su Instagram e Twitter e su tutti i social media e seguendoci. Ma la loro presenza durante le partite sarebbe sicuramente di aiuto, poiché credo abbia aiutato UNICS in gara 2 – ed è stato divertente farne parte. Ma ci auguriamo che i nostri fan possano essere nella Virtus Segafredo Arena con noi per gara 3. “

Sei stato davvero vicino al titolo EuroCup. È una motivazione in più per provare ad andare fino in fondo nel 2021?

“Di sicuro. L’unico titolo che sono riuscito a vincere qui nei miei nove anni è il titolo EuroChallenge, senza mancare di rispetto alla concorrenza. È stata una grande competizione la scorsa stagione. Mi sono divertito molto a giocarci. Ora sono in EuroCup, credo che questo sia il mio quarto anno, e con questo tipo di squadra, dobbiamo sfruttare questa opportunità. Ma prima di tutto, è tutta una questione di squadra. Mi conosci da anni, non mi piace portare in tavola nessuno dei miei pensieri, riconoscimenti o obiettivi personali. Si tratta solo di vincere. Quindi voglio solo che la nostra squadra abbia successo e giochi una delle nostre migliori partite dell’anno mercoledì. 

Hai giocato contro il Monaco all’inizio di questa stagione. Ti aspettavi di vederli in finale?

“Non sono davvero troppo sorpreso. Da quell’altro lato del girone [playoff], avrebbe potuto emergere qualsiasi squadre . Ho sentito lo stesso per Gran Canaria, pensavo che avrebbero potuto arrivarci. Ho sentito anche il Paris [Boulogne Metropolitans 92] avrebbe potuto arrivarci, fino a quel momento aveva giocato bene, anche il Buducnost stava giocando bene verso la fine della Top 16. Ma credo che per me il Monaco sia molto ben allenato, li abbiamo affrontati due volte in quelli partite ravvicinate, la scorsa stagione nella nostra fase a gironi e anche questa stagione. Quindi non mi sorprende molto: l’allenatore e quell’organizzazione hanno fatto un buon lavoro fino a questo punto, quindi complimenti a loro. Hanno vinto le partite che erano davanti a loro e meritano di essere in finale “.

Infine, la partita è diventato anche una resa dei conti do-or-die per guadagnarsi il diritto di giocare nell’EuroLeague  2021-22. Cambia qualcosa, in termini di pressione?

“No, non credo che metta più pressione alla partita. Penso che ogni volta che hai la possibilità di competere per un campionato, è tutto quello che potresti chiedere. Ma ovviamente, uno degli obiettivi principali di questo club, quando ho firmato qui due estati fa, era quello di poter portare questo club in EuroLeague, tornare dove volevano essere. E per essere così vicini, c’è solo un modo per farlo: uscire con energia estrema, concentrazione estrema e sii pronto ad andare in battaglia per 40 minuti fino a quando non suona la sirena. E quando lo farà, si spera, saremo davanti.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Real v Tenerife, è il Madrid di Laprovittola?

Real v Tenerife, gara della Jornada 30 di Liga, è un’altra prova convincente dei madrileni, alla guida dei quali, dopo il “clasico” si conferma Nicolas Laprovittola. 84-76, partita vera che illumina una volta di più quello splendido campionato di pallacanestro che è la Liga Endesa. Vince il Real, perde un […]
Real v Tenerife

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: