Sull’importanza di Dyshawn Pierre

Ciro Abete
2 0
Read Time:6 Minute, 13 Second

Il consueto focus sul “game of the week” in Eurolega, questa volta, si sofferma sul big match di stasera di Istanbul tra Fenerbahçe e Barcellona: in particolare andiamo ad analizzare quanto incida sulla squadra turca un giocatore mai troppo sotto la luce dei riflettori, ma che è una delle chiavi di volta del sistema di Kokoskov: Dyshawn Pierre.


L’ex-Sassari, dopo qualche difficoltà iniziale, sta giocando una stagione di grande livello mettendo a segno quasi 10 punti a partita con un ottimo 42% da 3: medie che aumentano sensibilmente se andiamo ad esaminare solo le ultime 17 partite, ovvero da quando i Turchi, dopo la disfatta di Kaunas, hanno iniziato la loro marcia che li ha portati alla qualificazione playoff (15-2 di record).

Ma l’apporto di Pierre sui 28×15 va ben oltre le fredde cifre: infatti la sua duttilità in entrambe le metà campo e il suo doppio ruolo consente ai gialloblu di avere molte più frecce al proprio arco e di variare tipologia di quintetti, sposandosi così benissimo con l’idea di pallacanestro del loro allenatore.

Abbiamo già detto quanto Kokoskov ritenga importante avere esterni bidimensionali in attacco e capaci di tenere indifferentemente interni ed esterni e Pierre corrisponde proprio a questo identikit.

Come Pierre è coinvolto nel sistema offensivo di Kokoskov

Entrando nel tecnico, possiamo vedere quanto il canadese sia importante nel sistema offensivo della squadra di Istanbul: infatti il Fener gioca moltissime situazioni in cui Pierre può sfruttare la sua capacità di prendere posizione davanti al proprio uomo (quella che gli Americani chiamano sealing), sia in transizione dove può correre per andare subito in post, sia nei giochi a metà campo dove ci sono numerosi momenti in cui il 3 viene mandato sotto: spesso grazie ad un blocco orizzontale di un esterno più piccolo, ma anche direttamente per esaltare l’abilità di sealer del canadese.

Una delle idee del Fener in transizione è quella di mandare subito l’esterno in post basso per sfruttare eventuali accoppiamenti favorevoli, come questo: qui Pierre crea “gravità” intorno a sè e O’ Quinn e bravo a tagliare tra Reynolds e l’uomo di lato debole e a ricevere per due punti facili.

Ecco che il post basso di Pierre diventa difficile da marcare: se la difesa resta in single coverage, l’ex Sassari fa valere il suo maggior tonnellaggio e la sua attitudine a lavorare sul perno; se invece gli avversari lavorano con gli aiuti, emerge il grandissimo e meticoloso lavoro di Kokoskov sulle collaborazioni con il giocatore interno, unito al talento del canadese nel passare la palla dal post.

Una situazione spesso giocata dal Fener: il double drag in questo caso con l’angolo pieno. Il doppio blocco sulla palla è quasi di trasferimento e nel momento in cui avviene Pierre gioca per prendere posizione sul proprio uomo. Prepelic resta nel blocco di Barthel e Tobey non dà una mano concedendo due punti facili.

Un alto modo in cui Kokoskov sfrutta la fisicità di Pierre è attraverso blocchi sulla palla, in cui è l’ala a bloccare: spesso questo ball screen viene preceduto da un altro blocco verticale (ram screen) del 5 per 3 su cui la difesa spesso fa fatica a cambiare, visto che spesso genererebbe un mismatch difficile da gestire.

Il non cambiare però costringe il difensore ad essere in ritardo sul Pick and roll centrale: Pierre così può giovare della propria bidimensionalità e decidere a seconda della scelta difensiva sul PnR di aprirsi o di rollare se la difesa fa switch.

Il Bayern cambia sia sul blocco verticale che sul pick and roll per non generare ritardi. Pierre legge la situazione, prende posizione davanti e gioca in avvicinamento, la difesa non aiuta e il canadese trova due punti facili.
In una situazione analoga il Maccabi non vuole cambiare, ma i due difensori coinvolti non comunicano e lasciano Pierre solo che si apre e può tirare libero da tre.

Altra caratteristica che contribuisce all’importanza del prodotto di Dayton nell’economia del gioco del Fenerbahçe è il fatto di non poter essere battezzato, viste le sue percentuali più che dignitose piedi a terra. Questo gli consente anche di poter attaccare il closeout e di giocare in avvicinamento al ferro.

In questo caso la difesa collassa contro i lunghi, Pierre riceve con spazio e attacca il closeout di Johnson. Vesely si spazia nell’area e dà una comoda linea di passaggio.

Un coltellino svizzero per la difesa di Kokoskov

“Coltellino svizzero”: non riesco a trovare miglior metafora per rappresentare cosa sia Pierre per il Fener nella propria metà campo.

Cambio sul pnr e ricambio quando la palla va sul lato debole per negare mismatch.

Infatti l’esterno viene utilizzato in molteplici maniere e a dimostrazione di ciò basta vedere la partita con il Bayern dove è passato dal difendere sul 4 ad essere usato su Lucic e su Baldwin.

Quest’ultimo accoppiamento è quello più interessante: Pierre spesso viene messo sul playmaker avversario, in modo da mettere un corpo più grande e braccia più lunghe sulla principale fonte di gioco avversario, in modo da rallentarne la produzione.

Il cambio rompe il ritmo dell’attacco del Bayern con Baldwin che prova ad attaccarlo facendo quattro palleggi. Pierre nega la ricezione a Gist e il Bayern è costretto a far giocare Sisko 1c1 contro un pari ruolo.

Oltre a ciò, poter avere un giocatore come l’ex Sassari a difendere il bloccato consente di poter cambiare senza avere mismatch interni difficili da gestire, mentre sul perimetro i lunghi del Fener sono in grado di tenere due-tre palleggi delle guardie e questo rompe il ritmo e l’equilibrio dell’attacco.

Analogamente se Pierre difende sul bloccante, il cambio è immediato e l’ala del Fener riesce tranquillamente a tenere giocatori più piccoli di lui.

In questo caso, Pierre è accoppiato contro il lungo: il cambio è immediato e Lo prova ad attaccarlo. Qui viene esaltata la sua capacità di tenere le penetrazioni dei piccoli con il canadese che tiene la penetrazione del play e lo stoppa

Un’altra abilità degna di nota del canadese è quella di difendere sull’uomo senza palla, lavorando sulle linee di passaggio per recuperare palloni.

Sul lato debole, Pierre scala e, anticipando la mossa del passatore, si butta nella linea di passaggio per recuperare la palla.
In transizione Pierre è accopiato con Zizic, cambia al volo con Vesely e anticipa Bender: il passaggio non è irreprensibile e l’ala può andare tranquillamente in contropiede, mostrando le sue abilità in campo aperto.

La crescita di Pierre nella serie vincente del Fener

Alla luce di tutto ciò, è abbastanza evidente che non sia un caso che nel momento in cui il contributo di Pierre sia aumentato, le prestazioni (e i risultati) dei Turchi siano cresciute vertiginosamente e l’ex Sassari è sicuramente uno dei fattori vincenti.

Ovviamente anche il fatto che siano stati inseriti due giocatori di grande qualità come Guduric e O’Quinn ha aiutato il canadese ad esprimersi al meglio: fatto sta che un giocatore del genere lo vorrei in qualunque mia squadra, sia per i motivi che ho elencato, sia per la sua enorme carica agonistica che ha fatto le fortune prima di Pozzecco e poi di Kokoskov e lo ritengo un tipo di cestista perfetto per la pallacanestro degli anni ’20.

TUTTI I DIRITTI DELLE IMMAGINI SONO DI EUROSPORT

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Olimpia Milano, Roll out almeno per due settimane

Non arrivano buone notizie in casa Olimpia Milano, infatti il club biancorosso ha diramato un comunicato ufficiale sull’entità dell’infortunio di Michael Roll. Il giocatore americano si è infortunato durante la partita di ieri sera contro il Panathinaikos. Roll ha riportato uno stiramento muscolare alla coscia destra e tra due settimane […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: