Conferenza stampa, le parole dei Coach dopo le gare che hanno aperto il Round 33

alberto marzagalia
0 0
Read Time:3 Minute, 25 Second

Conferenza stampa, il nostro abituale appuntamento con tutte le dichiarazioni dei Coach al termine delle partite disputate la sera precedente.

Dusko Ivanovic (Baskonia): «Abbiamo perso un’occasione di avvicinare i Playoff, ma anche vincendo sarebbe servito poi portare a casa l’ultima… Potevamo farcela, peccato per quelle triple concesse quando eravamo avanti, non eravamo in bonus contro la squadra col maggior talento della lega. Era importante rimanere in partita perchè loro possono piazzare un parziale di 10-12 punti in un attimo. Siamo vicini alle migliori 8 e combatteremo sino all’ultimo. In OT un 3+1 ed un 2+1 ci hanno tolto l’aria. Non siamo la squadra che ha bisogno di perdere per sentirsi forte, sappiamo chi siamo ed oggi siamo incavolati. Ci sentiamo forti e sappiamo che avremmo potuto batterli».

Ergin Ataman (Efes): «E’ difficilissimo giocare contro il Baskonia perchè giocano una pallacanestro diversa dagli altri. Il quintetto piccolo con Polonara da 5 e Peters da 4 può far male, nonostante io creda di aver la miglior difesa della lega oggi. Nell’ultimo quarto abbiamo trovato Larkin in attacco. Lo avevo detto, dovevamo attaccare il canestro e lui lo ha fatto. Grave l’errore alla fine dei regolamentari, forse mio, che ho deciso di difendere. Shane si è preso le colpe e poi ha deciso la gara in OT. Il Baskonia è una grande squadra, è stata una vittoria importante. Ora si va a Milano dove dobbiamo giocare allo stesso modo per restare nelle prime 4 (ndr la sconfitta di Milano, arrivata più tardi garantisce quella posizione all’Efes comunque)».

Oded Kattash (Pana): «Grande reazione contro una squadra di qualità, molto ben allenata. Nel primo tempo non riuscivamo a tenerli, anche quando sbagliavano. Poi solo 3 assist in attacco… Eravamo sotto anche a rimbalzo, di 10, ma alla fine abbiamo prevalso anche in quella voce. Grande lavoro in difesa ed ottimo carattere dimostrato».

Ettore Messina (Olimpia): «Molto bravi loro nel secondo tempo, grazie alla leadership di Shelvin Mack che ha giocato un’ottima gara. Noi abbiamo spento la luce dopo il vantaggio. Alla quarta gara in 7 giorni probabilmente abbiamo pensato fosse fatta. Sono spariti sia lo sforzo che le energie. Loro hanno preso 15 rimbalzi offensivi nel secondo tempo, è la storia della gara. Non abbiamo più avuto il necessario contributo da tutti di cui avremmo avuto bisogno».

Andrea Trinchieri (Bayern): «Negli ultimi 10-12 giorni ci sentivamo così vicini al traguardo, ma non arrivava. Non abbiamo giocato bene, ma abbiamo fatto la storia del Bayern e della pallacanestro tedesca. Sono felice per i miei giocatori, siamo stati capaci di lottare dal primo giorno attraverso le difficoltà, qualche brutta gara, un po’ di sfortuna, ma alla fine ce l’abbiamo fatta. E’ stata la gara che mi attendevo, loro erano leggeri, senza pressione ed hanno giocato una buonissima gara. Ora dobbiamo goderci i Playoff da sfavoriti, sicuramente contro una grande squadra, ma la stagione non è finita ed abbiamo il tempo di ricaricarci e recuperare alcuni giocatori, come Nick (Weiler-Babb) che oggi ha giocato su una gamba sola».

Martin Schiller (Zalgiris): «Complimenti al Bayern per aver fatto la storia ella pallacanestro tedesca, è un evento importantissimo per la cultura cestistica del paese. Mi spiace per aver perso, ma non ho altri rimpianti perchè abbiamo combattuto con il carattere mostrato in tutta la stagione. le 19 perse ci hanno fatto male, va detto, ma potevamo comunque vincerla».

Dejan Radonjic (Stella Rossa): «Felice del risultato ma soprattutto della prestazione. Era importante giocare molto meglio di due giorni fa contro Milano. Lo abbiamo fatto con energia. concentrazione e voglia, vedi i 48 rimbalzi».

Ioannis Sfairopoulos (Maccabi): «Finché abbiamo avuto benzina stava andando tutto bene, poi il serbatoio si è svuotato a causa dello sforzo per batter il Barcellona»

(Photo: Twitter @FCBBTogether)

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Sull'importanza di Dyshawn Pierre

Il consueto focus sul “game of the week” in Eurolega, questa volta, si sofferma sul big match di stasera di Istanbul tra Fenerbahçe e Barcellona: in particolare andiamo ad analizzare quanto incida sulla squadra turca un giocatore mai troppo sotto la luce dei riflettori, ma che è una delle chiavi […]
Pierre | Eurodevotion

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: