Virtus-Joventut Badalona: i bianconeri trionfano al termine di una gara durissima

Balbo
0 0
Read Time:4 Minute, 5 Second

Rieccoci dove ci eravamo lasciati; in attesa dei quarti di finale, dodici mesi dopo. Un anno passato tra sogni di gloria svaniti, applausi ai balconi, richieste di wild card, abbracci virtuali, botti di mercato, ribaltoni, progetti futuri, polemiche, speranze e sedici vittorie consecutive.

Alla Segafredo Arena va in scena gara 1 dei quarti di finale di EuroCup tra Virtus Bologna e Joventut Badalona.

Il primo round è dei bianconeri che si portano sull’1-0 al termine di una gara durissima vincendo 80-75

Poco spazio per la nostalgia

La nostalgia dei tempi d’oro fa fluttuare nostalgicamente dentro e fuori dai ricordi. Virtus e Badalona si sono incontrate ben quattro a metà degli anni 90: il conteggio dice 2-2. L’ultimo incrocio risale alla stagione 1994/95, la Buckler Bologna vinse 81-60 in terra catalana contro la Montigala Badalona di Obradovic fresca campione d’Europa.

Ma non c’è spazio per farsi invaghire dalla malinconia; per le V nere incombe un obiettivo da raggiungere assolutamente: la conquista di un posto nella prossima Eurolega; e un sogno da cullare: la vittoria dell’EuroCup.

La tensione galleggia nell’aria come un’alga

Lunghi sospiri, sguardi intensi, la volontà si cristallizza nei visi dei virtussini induriti dalla tensione. Proprio quest’ultima ha la meglio sull’inizio contratto delle due squadre; Badalona inizia a macinare il suo gioco non trovando però canestri dalla lunga distanza, Tessitori in difesa è eroico su Tomic, ma dopo tre minuti deve accomodarsi in panchina con due falli. La Virtus si sblocca al 5’ con un tiro libero di Markovic per l’1-6.
I Penya iniziano a segnare dalla lunga distanza, ma in casa Virtus la scossa arriva con l’ingresso di Alessandro Pajola. Si alza l’intensitá ed aumenta il nervosismo, soprattutto in casa catalana; la seconda metà del primo quarto dura un’eternitá per le continue interruzioni: alla fine del periodo saranno 11 i falli dei biancoverdi (2 falli tecnici).

I primi dieci minuti si concludono 20-22

A galla con i tiri liberi

I bianconeri faticano a trovare il canestro, nel primo tempo dai 6,75 registrano uno scadente 1/9 frutto di una tripla di Awudu Abass (positivo in questa prima parte di gara con 7 punti in 7 minuti). Dall’altra parte gli spagnoli non fanno sconti dalla lunga distanza, con López (15 punti dopo 20 minuti) e Bassas tentano l’allungo con una ritrovata precisione.
A rimbalzo i centimetri di Badalona fanno la differenza offrendo diverse seconde chance (11-19).

Le V nere arrivano anche a -8 ma riescono a rimanere incollati alla gara grazie ai continui viaggi in lunetta (29!! probabilmente un record). I bianconeri, vista la scarsa vena da fuori, hanno l’intelligenza di andar sotto canestro in cerca di migliori fortune, caricando gli ospiti di falli (alla fine del primo tempo López e Ribas già gravati di 3 falli).

Si va al riposo sul 41-44

Marco Belinelli Mvp

Il secondo tempo è una corrida; Bassas continua a martellare da tre punti, Dimitrijevic dimostra una saggezza fuori dal comune per la sua età, ma in casa bianconera sale in cattedra Marco Belinelli; con la grazia di una colomba che si posa su un ramo, spara una serie di triple che, insieme alla spumeggiante foga agonistica di Vince Hunter (9+4), portano la Virtus in vantaggio per la prima volta.

Gli ospiti, nonostante le prestazioni sottotono dei suoi top Ribas e Tomic, non mollano un centimetro grazie alla vena di un super López Arostegui (20 punti); nei suoi occhi dardeggianti fiorisce tutto il suo vigore.

Nella Virtus Pajola, Hunter e Weems alzano l’intensitá fin dove non osano le aquile. L’ex Aek fa valere l’irruenza e l’elasticità del suo florido apparato muscolare a danno dei macchinosi e metodici lunghi spagnoli. Badalona fatica sotto i colpi di atletismo dei bolognesi. Belinelli (Mvp con 24 punti) segna prima da due punti in fade away e poi chiude i giochi dalla lunetta mettendo il timbro sul preziosissimo 1-0 al termine di una gara sofferta.

Djordjevic

A fine gara il suo volto è disteso e svela la tregua che ha stabilito con il proprio destino per tenere lontano l’amarezza di un futuro già scritto. Diciassettesima vittoria europea consecutiva. Dopo aver lottato tutta la stagione per dare al titolo di coach tutta l’autorevolezza che merita, la storia merita un lieto fine.

Al termine il coach serbo non nasconde la sua soddisfazione: « Come avevo detto, la Joventut è una squadra dal grande QI. Hanno avuto tempo per preparare questa partita, sono una squadra fresca e giovane. Abbiamo risposto bene con il nostro QI e i nostri giocatori più esperti hanno fatto un passo in avanti con questa vittora ».

Gara 2, Venerdì 26 Marzo ore 19, Joventut Badalona – Virtus Bologna

https://www.eurocupbasketball.com/eurocup/games/results/showgame?gamecode=171&seasoncode=U2020

Happy
Happy
100 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Barcellona, quando i numeri non dicono tutto

Barcellona da urlo quello visto nelle ultime settimane. Analizzando i numeri appare evidente come la forza provenga dalla difesa, ma non si tratta di statistiche eclatanti. La squadra allenta da Sarunas Jasikevicius sta giocando un 2021 devastante per gli avversari. 24/2 il record globale così suddiviso: 10/0 in Liga, 11/2 […]
Barcellona

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: