Valencia-Barcellona, la difesa blaugrana non fa sconti a nessuno

alberto marzagalia
0 0
Read Time:2 Minute, 6 Second

Valencia-Barcellona era gara importantissima, per gli ospiti all’inseguimento del Real e per i padroni di casa che cercavano di raggiungere il treno delle prima 4 di Liga.

Alla Fonteta va in scena una sfida tra due delle squadre più calde di tutta la Liga. 12W consecutive per il Barça e striscia da 13/2, dopo l’iniziale balbettante 4/6, per i “taronja”, reduci dalla pessima caduta di San Sebastian ma anche l’ultima squadra ad aver sconfitto i “blaugrana” in patria il primo giorno di dicembre.

La partita dice quello che sta già dicendo l’Eurolega, ovvero che il Barcellona è oggi la miglior squadra d’Europa e che Valencia sembra sempre mancare di qualcosa quando c’è da giocarsi la posta più alta. Il 64-80 esprime alla perfezione i valori delle due squadre.

DIFESA BLAUGRANA

Basta guardare questa settimana per capire meglio. 14,15,18 e 17 i punti concessi in ogni quarto a Valencia. 12,17, 15 e 12 quelli a Milano venerdì sera. 13, 19, 19 e 4 quelli che ha potuto realizzare Malaga nella gara di Liga di martedì scorso. I punti subiti non sono il dato determinante per capire se stai difendendo bene o meno, ma quando i numeri sono così eclatanti dicono moltissimo. 175 concessi in tre gare vogliono dire che fare 60 contro questo Barça è una chimera.

PERSONALITA’ TARONJA

Come spesso accaduto in questa stagione, nonché in generale nella gestione Ponsarnau, Valencia manca di personalità nel momento in cui c’è da imporsi.

La squadra c’è, ha talento, è sufficientemente profonda e completa sui due lati del campo, tuttavia sembra proprio mancare di quella coralità di intenti e di quella solidità che sono necessarie quando l’asticella si alza.

L’impressione, anche ieri, è che quando le cose diventano più complicate, come nel secondo quarto, l’inerzia venga sempre lasciata nella mani avversarie senza colpo ferire.

ALEX ABRINES

7/9 dall’arco è una dato eccezionale, mai però quanto la pulizia di movimento di un tiratore che è poesia. E quella poesia forse è anche nell’animo di un giovane uomo che ha sofferto tanto a livello personale e psicologico, senza la paura di aprirsi al mondo.

Oggi quelli occhi sempre un po’ tristi trasmettono una gioia di essere sul parquet che sembrava persa in passato.

E’ bellissimo per lui, in primis, ma anche per noi che ce lo possiamo godere in tutta la sua classe.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Corsolini contro Corsolini #4: Basketball Lives Matter

Corsolini contro Corsolini #4: Basketball Lives Matter è un manifesto inclusivo. Tra quanti pensano che la lettera di Kobe Bryant sia la più bella poesia sul basket ci vogliamo e ci dobbiamo stare tutti: da Sergio Tavcar a chi lo critica sul web, da giocatrici e giocatori delle Minors, fino […]
Corsolini

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: