Bayern-Efes (R30): Gist stoppa Ataman in un finale folle

Riccardo Corsolini
0 0
Read Time:4 Minute, 57 Second

Bayern-Efes era una della gare più attese di questa settimana, soprattutto in virtù delle grande differenze di talento e di cultura cestistica tra i due sistemi ed i due allenatori.

Il verdetto dell’Audi Dome premia il Bayern di Trinchieri, dopo un quarto periodo in cui le squadre sono state sempre punto a punto. Lo scontro tra due culture cestistiche così differenti rappresentava una della maggiori attrazioni della settimana. Trinchieri contro Ataman, una difesa pazzesca contro un attacco ultimamente onnipotente, la stella emergente di Wade Baldwin contro Micic e Larkin, due che quello status se lo sono meritato da qualche anno grazie a prestazioni spesso oltre ogni possibile immaginazione.

I contenuti della gara ve li abbiamo anticipati nella nostra “lavagnetta” dedicata al “game of the week”. C’è stato tutto ciò ed anche molto altro in una serata bavarese che vi raccontiamo nei canonici “5 punti”.

PACE AND RATING: WHAT ELSE?

Il Bayern arrivava a questa sfida con 81,1 possessi a serata che portavano a 78,9 punti messi a referto. L’Efes con 78,6 possessi ed 82,2 punti. Rating? A livello difensivo 96,2 tedesco e 95,0 turco, mentre davanti eravamo a 97,4 per il Trinka e 104,6 per Coach Ergin. Rating netto ovviamente appannaggio di quelli della sponda europea del Bosforo: +9,6 contro +1,2.

Il ritmo della gara Bayern-Efes ha detto che le due due squadre hanno condotto per un tempo a testa, ma senza dominare mai veramente. L’Efes nel primo tempo scappa due volte, ma entrambe le volte il Bayern lo riprende. Prima con un parziale di 13-0 nel primo quarto, poi sul -15 con due super giocate di Seeley e Zipser, per chiudere all’intervallo sul -9.

Il secondo tempo i ritmi si alzano ancora di più, in 2 quarti fatti di puro agonismo. Sulla terza sirena, Lucic infila la tripla del meno 4. Nell’ultima frazione, per dare un’idea dell’equilibrio tra Bayern-Efes, nessuna delle due squadre tocca mai un vantaggio che superi i 5 punti.

BAYERN-EFES SHANE E VASA CONTRO WADE

Era il duello più atteso e mentre Micic e Larkin giocano una buona partita, Baldwin delude nonostante la vittoria. Non casualmente quando l’Efes allarga gli scarti nel primo tempo, lo fa col reparto piccoli. Specialmente nel primo quarto il protagonista è il quarto incomodo Beaubois, che ne mette a referto 12 nei primi 10 minuti.

Nel secondo tempo però si alza la difesa di Trinchieri e 9 delle 15 palle perse dei biancoblù sono proprio colpa delle due play-guardie. Offensivamente tengono comunque la produzione e il ritmo alti. Micic rischia di regalare la vittoria ai suoi con un bellissimo appoggio rovesciato. Larkin invece nell’azione successiva si fa cancellare in entrata da Gist, con Ataman che si infuria per un fallo di Weiler-Babb.

CASUALMENTE LA DECIDE UNA GIOCATA DIFENSIVA

Bayern-Efes come anticipato è una delle partite più attese della settimana. Sfida d’alta classifica tra un attacco super e una grande difesa. Vince la seconda grazie a una super giocata difensiva sul finale, che si conclude con la stoppata di Gist.

Tutto il secondo tempo però la difesa di Trinchieri si alza di ritmo, intensità e livello. Dopo aver concesso 46 punti nel primo tempo, l’attacco ben oliato di Ataman si ferma a soli 33 nella seconda metà. Inoltre i difensori del Bayern sporcano tutti i tiri avversari, portandoli, sempre nel secondo tempo a un eloquente 2/12 da 3 e a 15 palle perse. Bayern-Efes per la squadra di Trinchieri è la decima partita vinta dopo essere stati sotto in doppia cifra. Casualmente tutte e 10 vinte con la difesa.

COACH TO COACH

Personalità ingombranti, idee chiare, perfetto controllo dei propri team. Andrea Trinchieri ed Ergin Ataman sono tutto ciò, in campo come in sala stampa.

Il coach italiano è raggiante, non solo alla fine, ma anche a inizio e metà gara: “Ho un film [in testa] di molte grandi giocate, e credo che ogni giocatore che ha giocato abbia fatto una grande giocata. È stato incredibilmente difficile. Hanno giocato alla grande, ogni volta che abbiamo commesso un errore hanno segnato. Ma alla fine, odiamo perdere. L’ultima azione difensiva di Nick Weiler-Babb è stata fantastica. È una grande vittoria. Sembra fantastico, è anche meglio. [Cosa significa questa vittoria?] Domani abbiamo un allenamento “.

Quello turco a fine partita è furente, così come diventa gelido in conferenza: “Innanzitutto, congratulazioni al Bayern. Hanno interrotto il nostro ritmo gara e per la prima volta abbiamo fatto 15 palle perse. Penso che questa sia la chiave per noi, nei cambi difensivi abbiamo fatto molti errori. Non siamo riusciti a passare la palla dentro nel quarto quarto. Abbiamo avuto la possibilità di controllare la partita, ma in quel periodo abbiamo commesso molti errori. Il Bayern ha sfruttato bene il suo attacco all’ultimo secondo. È stata una bella partita per loro. Non abbiamo giocato bene stasera, ma il motivo è che il Bayern ha giocato molto intelligentemente e con un’ottima difesa “.

WHAT’S NEXT

Trasferta chiave a Valencia, poi Fener e Zalgiris in casa prima di chiudere con un viaggio al Palau altrettanto, se non di più, complicato. Il Bayern, con un record attuale di 19-11 ha bisogno di almeno 1 vittoria per la matematica presenza ai playoff. Arrivati a questo punto però, la squadra di Trinchieri può e deve ambire a occupare le prime 4 posizioni, così da avere il fattore casa.

Pana al Sinan Erdem, doppia trasferta spagnola tra Madrid e Vitoria, prima di un “partitone” al Forum, contro quell’Olimpia appena uscita sconfitta dalla gara col Barcellona. Le prospettive per Ataman e soci parlano di un calendario tutt’altro che facile e con l’affollamento in seconda posizione (Bayern-Efes-Cska-Milano sono tutte a 19 vittorie). Quindi senza contare questa sconfitta, l’Efes delle ultime partite può tranquillamente ambire per il secondo posto.

About Post Author

Riccardo Corsolini

Appassionato di Sport in generale, nato e cresciuto con la pallacanestro in testa e nelle mani. Scrivo della mia squadra e di Eurolega su Eurodevotion, tentando di prendere il ferro.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Next Generation, la Stella Azzurra fa 2 su 2

Il resoconto della prima giornata di Next Generation
Next Generation

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: