Isaiah Canaan: tiro, forza e coraggio. Il folletto sta terrorizzando mezza europa.

Balbo
2 0
Read Time:3 Minute, 12 Second

Portamento austero e andamento di chi non si fa intimidire; questa settimana ci occupiamo di Isaiah Canaan, leader dell’Unics Kazan, playmaker ventinovenne di 186 centimetri contenenti un collo da toro, spalle larghe e muscoli scolpiti. Per rendimento e costanza probabilmente l’MVP di questa prima metà di Eurocup.

Una stagione europea messa in risalto da 16 punti a partita con il 36% da tre ed il 96% (!!) dalla linea della carità. Numeri eccezionali che non rendono nemmeno omaggio alla sua reale pericolosità dalla lunga distanza.

235 partite in NBA

Sette stagioni in NBA; 235 partite con una media di 8 punti a notte. Nel biennio 2015-2016 le sue migliori stagioni con la canotta dei Philadelphia 76ers (12,6 e 11,1 punti con il 36% da tre e 7 palle recuperate a partita).

Originariamente viene selezionato dagli Houston Rockets con la 34a scelta al draft 2013. Dopo tre stagioni tra Rockets e D-League arriva l’esplosione in Pennsylvania con i 76ers.

Nella stagione 2018/2019 parte come play titolare nei Suns di coach Igor Kokoškov, collezionando buoni numeri, prima che i Suns lo tagliassero dopo circa un mese dall’inizio della stagione. Una mossa che sorprese il ragazzo.

Dopo i Suns firma due contratti di 10 giorni (il magico mondo NBA) con Bucks e Timberwolves senza essere confermato. Dopo 7 stagioni vissute anche con picchi importanti, il play di Murray State decide di firmare nella Cba cinese con gli Shandong Golden State.

Cina breve ma intensa

La sua esperienza in terra d’oriente dura solo tre mesi. Un trimestrale, un’esperienza di vita positiva per Canaan.

è stata una bella esperienza, ho sperimentato un altro mondo, dopo l’NBA, probabilmente, è il campionato più duro al momento”

Con queste parole liquida l’esperienza cinese. Torna in G-League, l’Nba è il suo chiodo fisso. Conclude la stagione 2019/20 registrando 22,9 punti a sera con il 44% da tre e 6,4 assist.

Parlando di se dichiara:

Cerco sempre di soddisfare le esigenze del coach, posso giocare sia play che guardia. Personalmente so di poter giocare in NBA, continuerò a combattere e continuerò a dare calci alla porta finché non si riaprirà

L’arrivo in europa

Nell’estate 2020 la porta non si riapre; a Luglio firma un contratto (1+1) con l’Unics e si trasferisce a Kazan per disputare l’eurocup, acquisendo le chiavi di una squadra esperta destinata a lottare per la vittoria della coppa.

A ventinove anni la sua classe conserva intatta la stessa vertigine. Tiro, leadership, fiuto dell’assist e coraggio – quel coraggio che gli permette di andar in penetrazione in area senza paura davanti muri di carne di 20/30 centrimetri più alti – sono le sue qualità che risaltano all’occhio degli amanti della pallacanestro. La sua storia sportiva non ci può non far soffermare sul suo carattere; nel 2018 un terribile infortunio alla caviglia poteva mettere fine alla sua carriera. Ha recuperato ed ha tirato dritto come un bel periodo Proustiano, fino a reinventarsi una seconda carriera nel vecchio continente. Un’esperienza soltanto all’inizio con la maglia dell’Unics, con una stagione 20/21 tutta da scrivere.

Il 26 dicembre, in campionato, contro il Cska di Mike James, suo dirimpettaio, si è reso protagonista di una prestazione monstre con 36 punti con una serie di canestri che han fatto allargare diverse volte le braccia a coach Itoudis.

In cuor suo, probabilmente, Isaiah Canaan, sogna sempre di sfondare quella porta per tornare in NBA. Sembra difficile che si possa riaprire, molto più reale un futuro in Eurolega: il livello che si sposa alla perfezione con le qualità tecniche del folletto del Mississipi. Con Kazan (rivale più accreditata della Virtus per la vittoria finale) o con un’altra squadra, un futuro importante nella massima competizione del vecchio continente lo attende.

Happy
Happy
100 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Olimpia Milano, Messina: Affrontiamo una squadra in grande forma

Per l’Olimpia Milano si prospetta una settimana davvero molto impegnativa in Eurolega visto che domani sera (ore 20:45) al Mediolanum Forum ospiterà il Fenerbahçe (reduce dalla pesante sconfitta nel derby contro l’Efes) e poi volerà verso Kaunas per la partita di venerdì contro lo Zalgiris. In vista della sfida contro […]
Il punto di Toni Cappellari: Tributo speciale ad Ettore Messina | Eurodevotion

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: