Eurolega, doppio turno chiave per classifica e Playoff

0 0
Read Time:5 Minute, 4 Second

Eurolega, Round 27 e 28 assolutamente fondamentali in una settimana che dirà tate cose sul futuro della manifestazione, dalle posizioni di classifica alla qualifica per i Playoff.

14 squadre ancora in corsa per la postseason, anche se le chance di Olympiacos e Maccabi sembrano ridotte al lumicino.

Vediamo il dettaglio di ognuna delle protagoniste, partendo dal presupposto che assai probabilmente 18 W e 16 L non basteranno per partecipare ai Playoff, invece pressoché certi con un record di 19/15.

BARCELLONA 18/8Pana fuori e Baskonia in casa. Due W per mantenere una solida leadership prima del doppio impegno “clasico” e trasferta di Milano. Calendario mediamente impegnativo, ma in questo caso dipende tutto dai “blaugrana”, che oggi restano i più forti. Il primo posto, situato probabilmente a 24/10 o 25/9 può voler dire tanto o nulla, perchè dietro può succedere di tutto e potresti ritrovarti anche un Real ottavo.

CSKA 17/8Maccabi ed Efes fuori. Due brutte trasferte per un squadra che sta praticamente facendo una nuova preseason, con due nuovi innesti, gente rientrata da lunghi stop ed una perdita chiave per la stagione come Milutinov. Il recupero col Pana e le gare casalinghe con Stella Rossa, Khimki ed Asvel dovrebbero garantire quel cuscinetto per arrivare a 22-23 W, ovvero la certezza dei primi 4 posti con vista sul secondo.

OLIMPIA 17/9Fenerbahçe in casa, Zalgiris fuori. 2/0 e si pensa al fattore campo nei Playoff, 1/1 e si resta in quota per qualunque aspirazione, 0/2 e si torna nella bagarre. I Playoff non dovrebbero essere minimamente un problema, visto che si giocherà con Stella Rossa e Pana, sebbene in trasferta. Vero che sono le nemesi del girone d’andata, ma questa squadra se la giocherà tranquillamente anche con Cska, Barcellona, Baskonia ed Efes nelle restanti gare.

L’Olimpia alla Ulker Arena passò d’autorità

REAL MADRID 16/10Khimki e Zenit fuori. 1/1 obbligato, 2/0 complicato. Impensabile perdere a Mosca. Serve fieno in cascina poiché oggi la situazione è difficilissima causa infortuni chiave come Randolph perso per la stagione, Llull fuori almeno 5-6 settimane ed i vari Rudy, Taylor e Thompkins acciaccatissimi. Barcellona, Cska, Efes in casa, ed Asvel e Fenerbahçe fuori nelle ultime 6 non sono certo calendario favorevole per chiudere una stagione che richiede almeno 3 W per entrare nei Playoff.

BAYERN 16/10Stella Rossa fuori e Pana in casa. Due gare da vincere per avere la quasi matematica certezza della meritatissima postseason. Le 6 gare seguenti (Baskonia, Efes, Valencia, Fenerbahçe, Zalgiris e Barcellona) saranno una brutta gatta da pelare, con quello scontro con lo Zalgiris all’Audi Dome alla penultima che potrebbe risultare decisivo se i lituani restassero in quota.

ZENIT 15/10Alba e Real in casa. Due gare che possono dare grande tranquillità, nonché un vantaggio importante proprio su Madrid. Il recupero col Pana, sempre casalingo, può fare il resto. Vincere queste tre può voler dire lotta per le posizioni migliori, tra il terzo ed il sesto posto. 7 sfide su 9 alla Sibur Arena sono un patrimonio da non sprecare.

Real e Zenit, all’andata 79-72

EFES 15/10Valencia e Cska in casa. E’ la squadra più calda della competizione e vuole confermarsi a livello del Barça: l’Efes del derby è quello pressoché imbattibile dello scorso anno. Un altro turno casalingo seguente, con lo Zalgiris, può dare il via ad una corsa che porta molto in alto, anche se 4 delle ultime 5 saranno lontano dal Sinan Erdem e non certo semplici (Bayern, Real, Baskonia e Milano).

FENERBAHCE 15/11Olimpia ed Asvel fuori. Il derby è stata una mazzata ed ora serve almeno una W, anche perchè poi ci sarà un altro viaggio fondamentale a Valencia. Uscire dal trittico esterno con 2 successi vorrebbe dire la pressoché certezza di postseason ed il poter guardare in alto. Due sconfitte vorrebbero dire rimanere nella tonnara. Bayern fuori ed il duo Barça-Real in casa per chiudere la stagione sono roba da cuori forti. Resta la squadra che ne ha vinte 10 di fila: può una sola sconfitta aver intaccato così duramente un sistema che ha proposto la miglior pallacanestro del continente dalla fine di dicembre fino a venerdì scorso?

VALENCIA 14/12Efes e Maccabi fuori. Deve vincerete almeno una perchè poi il finale da 4 su 6 alla Fonteta (le due trafserte sono Alba e Khimki) può rimetterla in corsa. Cavalca un buon momento, interrotto in Liga cadendo ad Andorra dopo 12 W consecutive. E’ squadra da Playoff che però ha giocato troppe volte come “non da Playoff”. Il calendario, dopo questa settimana, è un alleato vero.

ZALGIRIS 14/12Asvel e Olimpia in casa. C’è il serio rischio di esser la prima delle escluse, che non toglierebbe alcun merito, vista la grande e virtuosa cavalcata, sia tecnica che societaria. E’ fondamentale vincere le due gare della settimana in casa, per poi affrontare la doppia trasferta turca prima di un finale con tre gare (Maccabi, Alba e Pana) su quattro alla Zalgirio Arena.

BASKONIA 13/13Olympiacos in casa e Barcellona fuori. Il calendario globale non sarebbe nemmeno impossibile, ma 6/2 è tanta roba, forse troppa. Quanto rimpiangerà lo 0/2 con l’Asvel, che peraltro è toccato anche al Barça?

ASVEL 12/14Zalgiris fuori e Fenerbahçe in casa. La squadra del momento, ma è difficile che possa chiudere con un clamoroso 7/1 che vorrebbe dire 14/1 nelle ultime 15. Sorprenderà ancora, ma molto probabilmente si fermerà a qualche W dalla postseason.

OLYMPIACOS 11/15Baskonia fuori e Stella Rossa in casa. Deve fare 8/0 e basterebbero le tre trasferte che avrà in Spagna, tra Baskonia , Valencia e Real, a dire che è impossibile. Siamo oltre la riduzione al lumicino delle speranze.

MACCABI 10/14Cska e Valencia in casa. Serve un miracolo assoluto, ovvero una serie da 9/1. Il Maccabi visto sinora non è per nulla in grado di farlo. Ci vorrebbe un cambio di rotta sino ad oggi mai mostrato. Ha più di un piede fuori dai Playoff.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
100 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Il Punto di Toni Cappellari : Eurolega, NBA ed LBA. Poi Mario Governa...

Il Punto di Toni Cappellari tra Eurolega, NBA, LBA ed una curiosità su Mario Governa, storico panchinaro pluridecorato con l’Olimpia degli anni ’80. L’Olimpia vince con il Khimki con il minimo sforzo. Sta diventando un abitudine per Messina… Dopo 1’37” chiama minuto per “cazziare” i suoi ragazzi che a suo […]
Il Punto di Toni Cappellari

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: