Eurodevotion Weekly: eccellenza si dice Barcellona ed Olimpia. Ma Efes e Fenerbahçe arrivano…

0 0
Read Time:1 Minute, 52 Second

Eurodevotion Weekly torna nella sua casa prediletta, ovvero l’Eurolega. Anche questa settimana non mancano i temi per i nostri 10 flash.

4 gare giovedì ed almeno tre squadre ben sotto i livelli attesi. Il Khimki non è nulla, ma da Olympiacos e Maccabi ci si aspettava una pallacanestro ben differente, soprattutto dal punto di vista tecnico. Sarà, ma quest’edizione del torneo sta deludendo tantissimo chi ama il gioco.

La difesa di Barça ed Olimpia è qualcosa si straordinariamente attrattivo. Quando si arriva a dare spettacolo in questa parte del gioco significa che vi è perfetta comunione di intenti tra gestione tecnica e giocatori.

Lo Zalgiris cade pesantemente al Palau ma riesce comunque a dare dimostrazione di un’ottima pallacanestro nel primo quarto. Ciò che accade dopo è semplicemente frutto di una squadra blaugrana impeccabile e ben più forte.

A piccoli passi, riecco l’Efes. Piccoli quei passi perchè siamo ancora distanti dal valore clamoroso delle ultime due stagioni. E forse è proprio questo a fare più paura.

Kostas Sloukas è senza alcun dubbio una delle tre delusioni più cocenti di questa stagione. Le altre due? Il rendimento del Maccabi ed il livello di gioco generale.

10 di fila per il Fenerbahçe. Ora derby e poi tre trasferte consecutive, doppio turno compreso, tra Milano, Lione e Valencia. «One by one» è il mantra di Kokoskov e soci.

Nando De Colo nelle ultime 7: 20,7 punti, 37/53 da due, 13/27 da tre, 32/34 ai liberi, 5,4 assist per un 24,2 di valutazione media. Per il discorso MVP ci siamo a tutti gli effetti.

Real Madrid in condizioni complicatissime. «La squadra lotta, ma il basket non è solo lottare». Pablo Laso dovrà fare un miracolo notevolissimo per tenere in quota i suoi. L’infortunio di Llull è un’altra tegola tremenda.

L’Asvel vince la sesta di fila ed arriva ad 11W, un fatturato che sarebbe già ottimo per la fine della stagione. In casa i francesi sono 8/6 con tre scalpi come Barcellona, Milano e Bayern.

La giocata dell’anno? Sikma dietro la schiena per Fontecchio che va di “reverse”. Clamorosa! Certo che di lunghi che passano la palla come il figlio del “martello” se ne sono visti veramente pochi nel nuovo millennio.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Eurolega: il Round 25 lancia la volata finale

Eurolega che entra nella fase decisiva: il Round 25 ha dato il via alla volta verso i Playoff e le Final 4. L’analisi della settimana nell’appuntamento Eurodevotion / Backdoor Podcast. Tantissimi temi alla ripresa dopo la sosta per le coppe nazionali. Saras ed Ettore: la mano dei grandi. Real: è […]
Eurolega

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: