Real Madrid – Tenerife, Sergio Llull guida la remuntada blancos

Tutto quello che è successo nella prima semifinale della Copa del Rey

0 0
Read Time:2 Minute, 45 Second

Real Madrid – Tenerife è stata, fin qui, la partita più bella di questa Copa del Rey. Emozioni a non finire, con due squadre che si sono date battaglia fino all’ultimo per portare a casa il successo finale. Al termine dei quaranta minuti, però, è il Real Madrid ad accedere alla finale, avendo la meglio per 85-79. Tenerife, dal canto suo, non ha nulla da recriminarsi, visto il percorso fatto. Vince la squadra più forte che, nonostante le difficoltà iniziali, ha saputo rialzarsi e sfruttare in pieno tutto il suo talento. Andiamo ora a scoprire la partita con i cinque punti di Eurodevotion.

L’avvio di Tenerife

Parte decisamente meglio Tenerife che, in avvio di partita, riesce subito a prendere margine grazie ad un mix tra tiri dall’arco e gioco nel pitturato. Fitipado, Guerra e Huertas permettono alla formazione di Vidoretta l’allungo iniziale, senza, però, riuscire a sfruttarlo al massimo. Nonostante le difficoltà blancos, infatti, Tenerfie non ne approfitta, con il primo quarto che si chiude solamente sul 19-23.

Il Real non c’è

Il secondo quarto di Real Madrid – Tenerife si apre esattamente come si era chiuso il primo. Pablo Laso cerca di scuotere i suoi senza troppo successo. Dall’altra parte, invece, Tenerife continua a trovare enorme fortuna dalla linea dei tre punti, allungando fino al +18 sul 22-40. Il coach madrileno cerca di dare un ulteriore svolta, facendosi fischiare un tecnico per proteste nel tentativo di caricare i blancos. Questa volta, però, Carroll e compagni iniziano finalmente a giocare, mettendo a segno un parziale di 18-6 e rientrando negli spogliatoi sul 40-46.

Llull entra in partita

L’mvp di Real Madrid – Tenerife si accende, definitivamente, nel terzo quarto. E’ al rientro sul parquet che Sergio Llull fa capire a tutti che non ne vuole sapere di essere eliminato in semifinale. Tenerife cerca di tenere, riuscendo a tornare sul +9 (46-55) grazie a Huertas e Shermanidi. Come detto, però, il numero 23 fa capire di non avere nessuna intenzione di essere eliminato, aprendo un parziale di 10-2 negli ultimi tre minuti e chiudendo la terza frazione avanti sul 65-62.

I blancos tirano fuori l’orgoglio

Nonostante il vantaggio dei padroni di casa, Real Madrid – Tenerife resta comunque apertissima. I canarini con Guerra, Fitipaldo e, ancora una volta, Huertas cercano di riportarsi avanti. Il Real, però, tira fuori l’orgoglio che contraddistingue i blancos, riuscendo a gestire, seppur non al 100%, il vantaggio. Causer e Deck, con 18 punti a testa, continuano a tenere avanti i madrileni. Nel pitturato, invece, Thompkins e Tavares padroneggiano senza troppe difficoltà, mentre Sergio Llull prosegue il suo show personale. Alla sirena finale il tabellone recita Real Madrid – Tenerife 85-79, con i padroni di casa che accedono alla finalissima di domani seppur con quale difficoltà di troppo.

Ottava finale consecutiva

Quella di domani sarà l’ottava finale consecutiva di Copa del Rey per il Real Madrid. Nelle precedenti sette volte i blancos sono riusciti a portare a casa il trofeo per ben cinque volte, mancando il successo solamente nell’edizione del 2018 e del 2019. Vincere domani significherebbe allungare a ventinove successi totali, allungando ulteriormente sul Barcellona fermo a venticinque.

Foto: http://www.realmadrid.com

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

2 thoughts on “Real Madrid – Tenerife, Sergio Llull guida la remuntada blancos

Next Post

F8 2021, la sala stampa di Pesaro-Brindisi

Le dichiarazioni dei coach e di Justin Robinson al termine della semifinale.

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: