Real Madrid-Valencia è Copa del Rey a livello Eurolega

alberto marzagalia
0 0
Read Time:2 Minute, 52 Second

Real Madrid-Valencia è sicuramente uno dei quarti di finale più nobili che si possano ritrovare livello di Coppa nazionale in tutto il continente. Campioni contro semifinalisti dello scorso anno.

E’ Eurolega pura, è spettacolo assicurato, ancor più nella situazione particolare delle squadre che scendono sul parquet.

Il Valencia, assai ondivago e recentemente molto deludente in Eurolega, nonostante il successo con il Cska, viene da 12 vittorie in patria, dopo un inizio da 4/6. Recuperati Marinkovic e Dubljevic, il cielo sopra la Fonteta si rasserena parecchio.

Il Real vive un momento di drammatica difficoltà sportiva. Dopo l’addio del Facu, sì previsto ma tecnicamente scioccante, è arrivato lo stop stagionale per Randolph, gli acciacchi di Carroll, Llull e Fernandez, il Covid che tiene ai box Laprovittola ed ora la tegola muscolare che esclude Taylor dai giochi. Servirà tutta l’esperienza, la classe e l’abitudine ad elevare il rendimento quando conta di più dei vecchi campioni come Sergi, Rudy e Jaycee per potersela giocare.

Sono 3 gli scontri del passato in Copa del Rey ed hanno sempre vino i “blancos”. Quest’anno le squadre si sono incontrate in Liga a inizio novembre, quando la squadra di Laso è passata alla Fonteta (78-86), ma eravamo ancora in era “Campazzo”. I “taronja” hanno reso il favore in Eurolega, con una nettissima vittoria al Wizink Center (77-93) nel Round 2. Ironia della sorte, e dei calendari, ci si ritroverà tra soli 8 giorni, ancora in casa degli uomini di Ponsarnau, il 19 febbraio per una gara fondamentale per il futuro europeo di entrambe.

Lo scorso anno, alla Martin Carpena di Malaga, fu massacro in semifinale: 91-68 e cammino spianato verso la sesta Copa per Laso, che durante la sua gestione ha un record “discreto”: 8 finali su 9 e quel sollevamento di argenteria pesante avvenuto in sei occasioni.

Alberto Abalde e Klemen Prepelic affronteranno la sfida da ex. Sicuramente maggiore il peso dell’attuale madridista, che ha vestito per tre stagioni la maglia del Valencia. 90 gare nazionali, 48 in Eurolega e 23 in Eurocup per il prodotto del vivaio della “Penya”, arrivato all’Alqueria 22enne dopo l’esperienza in verdenero.

La gara potrà essere caratterizzata da diversi fattori. Fondamentale ciò che accadrà sotto canestro, dove un totem come Tavares dovrà vedersela con la perimetrali di due centri come Dubljevic e Tobey. Quanto e come questi ultimi sapranno portare il lungo capoverdiano lontano dalla sua “comfort zone”, che si chiama area dei tre secondi, rappresenterà il fattore chiave della sfida. In quella menzionata vittoria sul parquet delle “merengues”, Dubi e Tobey combinarono per 38 punti con 7/12 da 3…

Il tiro da tre madrileno sarà poi come sempre un aspetto fondamentale. Proprio Tavares è in grado di aprire il campo per i tiratori di Laso, che infatti sfrutta l’arma “triplista” senza soluzione di continuità.

Pronostico? Complicato… Andiamo coi “bookies”. Gara ai 154 punti e Real con lieve vantaggio, in termini tecnici “handicap” da 3,5-4,5 punti. Ma Valencia non la “darà su” facilmente.

(Photo: acb.com)

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

F8 2021, Gigi Datome: Il nostro obiettivo è uscirne felici

F8 2021 – Dopo tanta attesa è finalmente arrivato il giorno di AX Armani Exchange Milano – UNAHOTELS Reggio Emilia. Infatti, alle ore 18.00 é fissata la palla a due per il primo quarto di finale delle Frecciarossa F8 2021. In vista del match di questa sera, Gigi Datome è […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: