Coach Trinchieri e il Bayern: come si vince senza stelle

Dopo la vittoria all’overtime nel derby di Germania, il Bayern di coach Trinchieri si trova stabilmente in quinta posizione. Le chiavi di questa realtà Eurolega

3 0
Read Time:3 Minute, 41 Second

Coach Trinchieri, dopo la brillante stagione 19/20 al Partizan Belgrado, quest’anno si è accasato al Bayern Monaco. Squadra che, quando l’anno scorso la massima competizione europea era stata interrotta, si trovava in 17° posizione con 8 vittorie e 20 sconfitte. Dal suo ritorno in Germania, le cose nella formazione tedesca sono cambiate drasticamente: ad oggi il Bayern è ampiamente nelle prime 8 e per un periodo si è anche trovata al primo posto.

Cosa è cambiato? Tra l’ altro i monacensi, a differenza di tanti altri club, non hanno nel roster una vera e propria stella. Non ci sono infatti nomi altisonanti come  Alexej Shved, Kyle Hines, Mike James, Shane Larkin,  Scottie Wilbekin, Nikola Mirotic etc. Sono presenti tantissimi giocatori di alto livello, che insieme riescono a giocare un’ ottima pallacanestro, diretti da un grandissimo direttore d’orchestra come l’ allenatore milanese.

Coach Trinchieri è uno dei migliori allenatori d’Europa

Infatti parliamoci molto chiaramente, il coach italiano è uno dei migliori allenatori sul fronte europeo già da diversi anni. Analizziamo la stagione del Partizan dell’ anno scorso per esempio. La squadra di Belgrado quando si è interrotto il campionato era infatti prima in ABA Liga, con 17 gare vinte su 21 giocate complessivamente, davanti anche alla Stella Rossa che giocava l’ Eurolega.

In Eurocup il Partizan era passato da secondo alle Top 16 per poi arrivare nelle prime otto da capolista del girone battendo due volte su due l’ altra squadra favorita per arrivare in fondo, la Virtus Bologna. Ecco il Partizan Belgrado di quest’ anno sembra avere perso molta della magia che lo ha caratterizzato durante l’ arco della scorsa stagione e casualmente coach Trinchieri, il vero leader indiscusso di quella squadra, non c’è più.

Questa stagione, a Monaco di Baviera il coach milanese con una formazione  sulla carta decisamente inferiore ai top club di Eurolega sta facendo passare le pene dell’ inferno a molte squadre al vertice delle massima competizione europea: il Bayern infatti ha battuto il Barcellona, l’ Efes, il Valencia e se la è giocata punto a punto contro una corazzata quale è l’ armata rossa di coach Dimitris Itoudis, sbancando poi la Megasport Arena di Mosca.

Il segreto dei tedeschi è l’ ottima commistione fra attacco e difesa

Il Bayern Monaco gioca in maniera molto equilibrata, in attacco ha una media punti pari a 79.46 trovandosi al sesto posto in questa particolare classifica, dove la squadra che segna di più è il Cska con una media di 83.96 e quella che segna di meno è il Crvena Zvezda, al secolo Stella Rossa con 74.13. L’ attacco dei tedeschi si aggira dunque fra i 70 e gli 80 punti con un picco di 101 contro l’ altra formazione tedesca dell’ Eurolega, ovvero l’Alba Berlino.

Coach Trinchieri deve anche molto, a livello offensivo, alla coppia Balwdin – Lucic, due giocatori estremamente complementari ed efficienti. Parlando invece dell’ aspetto difensivo, la difesa tedesca è una delle migliori di tutta la competizione, del resto è noto come l’ allenatore milanese tenga particolarmente all’ aspetto difensivo.

Per fare un’ esempio l’ anno scorso sempre il Partizan Belgrado è stata la migliore difesa di tutta l’ Eurocup fra Regular Season e Top 16. Certamente per una difesa del livello del Bayern in questa stagione non serve solo un coach che ami dirigere formazioni dedite difensivamente ma serve certamente  anche una squadra con un’ elevata fisicità anche in difesa.

Molto interessante a livello di intensità difensiva che il Bayern sia la squadra che ha commesso più falli ( 554 ) con la media più alta fra tutte le altre formazione di Eurolega, 23.08. Uno dei segreti più interessanti della formazione di Monaco è che spesso la squadra di coach Trinchieri, grazie all’ ottima difesa, riesce a fare bene in attacco trovando anche punti facili in contropiede, infatti il Bayern è la seconda formazione che ruba più palloni con 190 rubate in totale con una media di 87.92 palloni rubati ad uscita.

Coach Trinchieri e il segreto del Bayern:

In conclusione il Bayern non è una squadra costruita come le altre, non sono presenti stelle riconosciute a livello internazionale, bensì tanti giocatori di ottimo livello, che in maniera corale riescono a guidare la squadra sia offensivamente che difensivamente, il tutto poi gestito e coadiuvato da un allenatore che ormai si è definitivamente consacrato come uno dei migliori coach di tutta Europa.

Happy
Happy
67 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
33 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

2 thoughts on “Coach Trinchieri e il Bayern: come si vince senza stelle

Next Post

Ioannis Sfairopoulos: L'amore dei tifosi Maccabi è una cosa che mi accompagnerà tutta la vita

Ioannis Sfairopoulos, Coach del Maccabi, è stato ospite di Joe Arlauckas nel suo splendido format “The Crossover”. Coach Sfai, caso quasi unico, ha scelto di lasciare il basket giocato a 21 anni per passare alla panchina con l’Apollon Kalamarias, club dilettantistico della sua Salonicco. Dopo aver vinto il titolo di […]
Ioannis Sfairopoulos

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: