Vassilis Spanoulis, il mito

cancioattak
1 0
Read Time:2 Minute, 36 Second

2 gennaio 2020, con i 14 punti segnati al Fenerbahçe Vassilis Spanoulis (o se preferite Kill Bill, mVp, V-Span) già miglior assistman, vincitore di tre titoli e di una serie infinita di riconoscimenti individuali, diventa anche  il top scorer all time dell’Eurolega.

Ma mai come in questo caso le cifre, seppur notevoli, non dicono tutto. Chi non ricorda una sua tripla decisiva con il classico spostamento in aria? Quante volte lo abbiamo visto spezzare il raddoppio per concludere in lay up o con un assist?

La finale del 2012, secondo titolo in carriera

Difficile fare memoria , ma come non pensare alla finale 2012 contro  il CSKA con i greci sotto di 14 che ricuciono fino alla penetrazione ed assist di Spanoulis per il canestro decisivo di Printezis? Oppure a quella di Londra 2013, contro la Casa Blanca vincitrice designata, in vantaggio di 17 alla fine del primo quarto e con il greco assente dal campo. Vassilis chiuderà con 22 punti (tripla da nove metri per il sigillo definitivo) e titolo di MVP.

MVP 2013 con l’Oly

Ecco perché le statistiche non sono sufficienti per descrivere un vincente vero dotato di una leadership e di una forza mentale con pochi eguali.

Il rispetto e l’ammirazione sono universali, poiché neanche  il fragoroso passaggio dal Pana ai rivali dell’Oly o la poco felice parentesi NBA ( spesso dirimente per stabilire la grandezza assoluta ) ne ha intaccato lo status.

MVP Final 4 2009 col Pana

Parco di sorrisi, ma quelli che dispensa sono quasi fanciulleschi, e di parole, anche se quel «nel basket e nella vita bisogna rischiare altrimenti non avrai mai successo, anche dopo 10 errori l’undicesimo tiro va preso lo stesso» ricorda molto il murales di Jordaniana memoria e dice parecchio sul personaggio e sui concetti di fiducia e rispetto. O più semplicemente di Devotion,  termine a noi caro.

«Nel basket e nella vita bisogna rischiare altrimenti non avrai mai successo, anche dopo 10 errori l’undicesimo tiro va preso lo stesso»

Diverso da molti suoi colleghi che siano nobili  Zar o eleganti  principi spagnoli (fece il muratore a tempo perso negli anni giovanili), a non conoscerlo sembra uno zio capitato lì per caso, almeno finché non si allaccia le scarpe.

Per Vassilis, re con i crismi dell’antidivo, quella in corso è la quindicesima stagione. L’anagrafe dice trentotto e gli infortuni chiedono sempre più spesso il loro tributo. Ma non fidatevi perché prima del passo d’addio Kill Bill stupirà ancora e con il suo Oly seppur lontano dai fasti del passato ci sarà da fare sempre i conti.

Intanto non può che essere lui l’immagine  dell’Eurolega, magari insieme alla leggenda Diamantidis con cui, per un incrocio astrale o benevolenza divina, gioco’ insieme tanti anni fa regalandoci qualcosa di irripetibile. E a pensarci bene anche il diamante era greco. Coincidenze? Niente affatto perché se arrivi da quelle parti il passaggio dalla storia al mito è normale.

Happy
Happy
100 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Virtus, hai il tuo capitan futuro: Alessandro Pajola rinnova fino al 2025

La Virtus Bologna attraverso il suo sito ufficiale annuncia di aver rinnovato il contratto di Alessandro Pajola fino al 2025. Il regista, classe 1999, attualmente ai box per una lesione incompleta della fascia plantare del piede destro, ha deciso di sposare l’ambizioso progetto bianconero per altri 4 anni. Luca Baraldi, […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: