Il Punto di Toni Cappellari: Il gennaio magico dell’Olimpia

Eurodevotion
1 0
Read Time:1 Minute, 38 Second

Il Punto di Toni Cappellari si sofferma sul mese di gennaio (quasi) perfetto dell’Olimpia Milano.

AX- Olimpiakos. Olimpia sempre avanti, ma i greci non mollano mai ed arrivano a due punti, a due minuti dalla fine, con un grande Vezenkov. Punter (27 punti) e Delaney (16 punti) la vincono.

Il Trinka non stringe la mano a Messina ed una settimana dopo non lo fa neanche Anne Panther (arbitro di EL). Che problema ha Messina alle mani?

Con lo Zenit l’AX soffre per tre quarti ma poi Micov e Punter spengono i russi e la squadra di Messina vola al terzo posto in classifica.

Vlado Micov, decisivo contro lo Zenit

Ci ha lasciati Pupo Pastori. Fu il primo ad organizzare i tifosi dell’Olimpia vendendo i biglietti ed organizzando i pullman per le trasferte.

Si parla di un ritorno di Umberto Gandini alla Lega Calcio. Il basket, come dicono a Milano, “l’è minga el sò mestè”.

Chissà se Trinchieri dopo la vittoria a Mosca con il CSKA ha stretto la mano ad Itoudis…?

Super mese di gennaio per l’Olimpia! Ben 10 vittorie anche se all’ultima con Trieste cade.

31-01-1981: prima telecronaca di Dan Peterson di una partita NBA (Celtics-Lakers) su PIN (Prima Rete Indipendente). Tutto grazie a Bruno Bogarelli che aveva comprato i diritti.

Una volta era uno scontro per il titolo, oggi è un incontro salvezza. Cantù batte Varese con due italiani in evidenza: Procida (16 punti ) per i canturini, De Nicolao ( 18 punti) per i varesini.

La Trieste di Dalmasson batte una stanca Olimpia con Micov ancora ko. Per i triestini un super Fernandez che tira benissimo. Bene anche Da Ros che abitava in piazza Stuparich, a due passi dal PalaLido ma non ha mai giocato all’Olimpia.

Trento esonera Nicola Brienza. Qualche sconfitta di troppo costa il posto ad un buon allenatore: pagano sempre loro quando le cose non vanno… Ora spazio a Lele Molin, storico “vice” di Ettore Messina.

Toni Cappellari

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Rob Gray: la ciliegia sulla torta monegasca

Rob Gray, la cerise dans le gateau monegasco, l’uomo che serviva ad una squadra aggressiva, atleticamente al limite del selvaggio, quel tocco di classe ed estro che mancava ai biancorossi francesi. Originario della Carolina del nord, ventiseienne, ex star di Houston (Ncaa); tratti da indios, grandi occhi, narici dilatate, acconciatura […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: