Cska, Vatutin: senza casa si cambia città?

2 0
Read Time:1 Minute, 14 Second

Il Cska, leader di Eurolega e reduce dalla caduta interna col Barcellona, si trova di fronte ad una decisione assolutamente fondamentale per il suo futuro a breve termine.

Il Ministero della Difesa, proprietario dell’impianto storico moscovita USH (Universal Sports Hall) intitolato alla memoria di Aleksandr Gomelskij, ha deciso per la demolizione a giugno del sito, costruito nel 1979, che oggi è sede di tutte le attività di allenamento e di gestione del club della capitale russa.

Andrey Vatutin, presidente del club è stato chiaro parlando a Sport Express: «Stiamo valutando qualsiasi opzione, anche spostarci in un’altra città. Credo comprendiate come si tratti di una spesa pazzesca, anche per Nornickel (proprietà e sponsor del Cska) pensare oggi di costruire nell’immediato un nuovo impianto con tutte le caratteristiche necessarie. Ritengo si rischi di creare un serio danno alla reputazione del Cska e della città».

«La decisione del Ministero della Difesa è un colpo al cuore del club e dei suoi risultati».

Giorni contati per la storica USH di Mosca?

«La cosa migliore sarebbe forse spostarci alla Megasport, ma è impossibile la prossima estate poiché non ci sono campi di allenamento e l’arena è usata per diversi eventi. Ci vogliono almeno due anni per organizzare il tutto. E ci vuole l’aiuto delle autorità cittadine. Sono certo che il sindaco, in contrapposizione al Ministero della Difesa, sia d’accordo che lasciare il Cska, eccellenza dello sport nazionale, senza una casa sia sbagliato, per usare un eufemismo. Il Cska è un tesoro nazionale».

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Asvel-Oly: il patto suicida francese fa continuare la rincorsa greca

All'Astroballe di Lione Asvel-Oly consegna una partita frizzante ed equilibrata fino a 4 secondi dal termine. E' una situazione di gioco errata dei francesi a consegnare la vittoria alla squadra di Bartzokas.
Asvel-Oly: il patto suicida francese fa continuare la rincorsa greca

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: