Eurodevotion Weekly | Il punto esclamativo di Olimpia, Zenit ed Olympiacos

0 0
Read Time:2 Minute, 25 Second

Inusuale appuntamento di metà settimana con Eurodevotion Weekly, il nostro contenitore sull’Eurolega in 10 flash.

4 recuperi vogliono dire “quasi doppio turno” ed allora ecco quanto ci hanno lasciato le gare del martedì.

  • Zenit, sesta trasferta, sesta vittoria. L’asse Pangos-Gudaitis funziona, Poythress è realtà sempre più solida e questa volta si dimostra di saper vincere anche sopra gli 80 punti. Se a San Pietroburgo pensano a due cambi discreti per play e pivot, son dolori per tutti.
  • «Conosciamo la formula. Se difendiamo siamo una squadra molto buona, se non difendiamo non siamo nulla di speciale». Jasi è chiaro, dopo aver concesso oltre il 40% da tre ed oltre il 60% da due. E comunque, dopo l’Asvel, altri due atleti come McKissic e Martin mettono in difficoltà i “blaugrana”. Due indizi…
  • 10 assist e 15 punti, anche se con percentuali pessime. Non si può ancora dire “bentornato Kostas Sloukas“, ma la speranza di essere sulla buona strada c’è tutta.
  • La vera mossa vincente di Bartzokas al Palau è stata quella di isolare il proprio “pick and roll” aprendo benissimo il campo con spaziature molto ampie. Col 2 vs 2 ha reso inefficaci e ben più complicate le rotazioni del Barcellona. Traccia per Messina?
  • L’Olimpia è la squadra che prende meno rimbalzi offensivi di tutta la lega con 7,45 e martedì sera ne ha raccolti solo 4. Stavolta però non servivano, segnava sempre!
  • 133 di valutazione, il 58,7% da due ed il 68,4% da tre: con queste percentuali 28 assist sono automatici, soprattutto se muovi la palla andando a colpire chirurgicamente le debolezze avversarie. Messina ha preparato un piano che la squadra ha eseguito alla perfezione. Non era automatico e ci volevano “huevos grandes” per giocarsela in questo modo contro una squadra che fa qualcosa solo in attacco.
  • Il Khimki è decisamente sotto al minimo sindacale di decenza in difesa. Mai, ma veramente mai, visto un gruppo di giocatori che non ci prova nemmeno e se ne frega allegramente di tutto ciò che gli avversari provano a fare. Si può continuare così?
  • L’Asvel non gioca una pallacanestro scintillante, su questo siamo tutti d’accordo, ma dimostra ampiamente che fisicità ed atletismo oggi sono fattori di grandissima importanza che possono limare moltissime differenze tecniche.
  • L’Efes è lontano parente di quello ammirato lo scorso anno e per lunghi tratti di quello precedente. Ciò che manca è la qualità sui 40 minuti nonché l’effervescenza offensiva di Larkin e Micic. Ora Valencia, Cska, Milano, Barcellona e Real Madrid: 19 giorni che diranno tantissimo sul tipo di stagione degli uomini di Ataman.
  • Il pubblico non conta? Barzelletta. Dopo 12 turni, in difficoltà notevole ci sono lo stesso Efes, il Maccabi, il Pana, la Stella Rossa, lo Zalgiris ed il Fenerbahçe, ovvero i campi più caldi del continente. 7 delle prime 8 attuali hanno arene solitamente tranquille, talvolta più portate alla critica che al supporto della propria squadra.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Awudu, alzati e cammina

Awudu, alzati e cammina, queste le parole che avrà detto Djordjevic all’ala lombarda, alla fine del primo tempo, nello spogliatoio della Salle Gaston Médecin. Il primo tempo di Abass era trascorso sulla falsariga del suo inizio di stagione; timido, insicuro ed impacciato. All’intervallo, mentre qualche tifoso non perdeva un secondo […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: