Lo Zenit batte dall’arco uno Zalgiris in difficoltà offensiva

Cade ancora lo Zalgiris che non può nulla davanti ad uno Zenit strepitoso

0 0
Read Time:2 Minute, 3 Second

Lo Zalgiris dura solamente cinque minuti scarsi prima di doversi arrendere allo strapotere dello Zenit, vittorioso per 75-83. I russi, grazie ad una serata superba nel tiro da tre, riescono subito a prendere il largo, amministrando il match con tranquillità. Austin Hollins, Mvp del match, guida gli ospiti tirando con il 100% dall’arco e segnando ben 20 punti. Andiamo ora ad analizzare la partita con i consueti cinque punti.

  • La difesa di Jankunas: nei minuti iniziali del match un aspetto fondamentale, che ha permesso ai padroni di casa di rimanere a contatto con i russi prima della fuga, è stata la difesa di Jankunas. Il numero 13 in maglia verde ha cercato di arginare lo strapotere fisico, sotto canestro, di Poythress e Thomas,
  • 2-12: il parziale che ha messo un solco decisivo tra le due formazioni. Da sottolineare, però, come lo Zalgiris abbia costruito delle buone azioni d’attacco, nel corso di questo parziale ospite, non riuscendo a segnare tiri “facili” o appoggi sotto canestro. Errori che, hanno pesato sulla partita degli uomini di Schiller, troppi distanti per tentare una disperata rimonta nel corso dell’ultima frazione.
  • Tiro dall’arco: quando tiri con il 52,5% dall’arco, segnando più da tre che dal pitturato, inevitabilmente diventa tutto più facile. Dopo un iniziale difesa a zona dello Zalgiris, Xavi Pascual ha dovuto ridisegnare il suo attacco, puntando maggiormente sul tiro dalla distanza. I russi, però, hanno trovato nel tiro da tre un punto di forza fondamentale per il successo finale.
  • Crisi vs ripresa: due volti opposti quelli dello Zalgiris e dello Zenit. I primi, dopo un ottima partenza, stanno faticando tantissimo, giungendo oggi alla quinta sconfitta consecutiva e uscendo dalla zona playoff, nonostante i numerosi recuperi da giocare per le squadre al di sotto del nono posto. I russi, invece, sta continuando a dimostrare di essere una forte candidata per i playoff finali. Dopo una deludente passata stagione, Pascual ha saputo plasmare lo Zenit a suo modo, conquistando ben sei vittorie in otto partite.
  • Presenza verde sotto canestro: un dato che risalta all’occhio sono i rimbalzi offensivi. Nonostante il risultato finale, infatti, ad avere la meglio sono proprio i padroni di casa, vincendo questa sfida 12 a 10. Come già detto in precedenza, però, lo Zalgiris ha fatto faticare a trovare la retina, soprattutto nel corso del primo tempo, sbagliando ottimi tiri, riuscendo comunque a conquistare più rimbalzi dei propri avversari. Tante seconde occasioni che non hanno migliorato la situazione dei verdi lituani.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Efes più forte delle assenze

La Stella Rossa cade sotto i colpi di un Efes ispirato dalla lunga distanza

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: