VIRTUS SETTEBELLO: SCONFIGGE IL LIETKABELIS E PRENOTA IL PRIMATO

ilbalbo

La Virtus, nel recupero della prima giornata del girone di ritorno, sconfigge i Lituani del Lietkabelis 82-73 ( bestia nera dello Zalgiris e seconda in classifica nel campionato nazionale proprio dietro i verdi di Lituania) con un Kyle Weems ( 14 punti con 6/9 al tiro) sugli scudi.

VIRTUS IMBATTUTA

Settima vittoria consecutiva per i bianconeri che, complice la doppia sconfitta settimanale della Joventut Badalona, restano l’unica squadra imbattuta tra le magnifiche quarantadue.

PUBBLICO

Terza vittoria casalinga per una Virtus che in Europa, a differenza del campionato ( già 3 sconfitte interne ), sembra non patire l’assenza della sua gente.

Quel popolo bianconero che per gli uomini di Djordjevic, la scorsa stagione, aveva lo stesso effetto di un liquore forte in grado di infiammare e far esplodere i sentimenti più ardui della compagine Virtussina.

LA PARTITA

Primo tempo sonnolento per la Virtus; si gioca al “ritmo campionato”. Tessitori ( 11 punti e 4 assist ) e Weems segnano il primo mini allungo.

I Lituani restano in gara grazie al tiro da fuori – il primo canestro da due punti arriva a 2′ dal termine del primo quarto.

Un 3+1 ( per entrare in clima derby ) di un malinconico Josh Adams permette alle V nere di riallungare le distanze, ma diverse palle perse banali dei bianconeri, complici di alcune pregevoli giocate di Kyle Vinales ( 27 punti con 4/7 da 3 ) confezionano un 10-0 per il Lietkabelis che permette ai Lituani di andare all’intervallo sotto di 3 sul 37-34.

Nel secondo tempo la Virtus accellera subito; Ricci ( 11 punti con 3/4 da 3) e Weems sono bollenti dalla lunga distanza, mentre Teodosic, tra uno sbadiglio e l’altro, pennella assist con la stessa naturalezza con cui un essere umano respira.

Dopo 24′ la Virtus vola sul +16

L’ultimo quarto é puro garbage time; i Lituani riescono a tornar sul -10, ma una tripla di Amar Alibegovic chiude definitivamente i giochi a 2′ dal termine.

DERBY

L’orizzonte della Virtus si restringe vertiginosamente, tra meno di 48 ore si torna in campo per il derby di Bologna.

I bianconeri dovranno fare a meno di Abass ( dopo la negatività servono altri test che al 99% non permetteranno all’ ala Italiana di scendere in campo ) e Nikolic. Mentre Markovic – rientrato oggi – giocherà praticamente con un solo braccio.

Un derby reso meno frizzante dall’assenza del pubblico.

Giocando a Casalecchio ( nuova casa dei fortitudini ) l’atmosfera sarà particolare.

Infatti non si potranno udire – e sinceramente mancheranno… gli affannosi respiri palpitanti nei villosi petti dei supporters biancoblu denudati dal furore agonistico.

Si, non sarà un derby come gli altri, ma varrà ugualmente 2 punti. Nolenti o volenti si parlerà per qualche mese di questa partita.

PROSSIMO IMPEGNO EUROPEO: MONACO – VIRTUS , 09/12 alle 19:00

Next Post

Olimpia-Zalgiris: la difesa non convince, ma un grande attacco batte i Lituani

L’Olimpia Milano si riscatta dopo la brutta sconfitta casalinga contro la Stella Rossa, battendo lo Zalgiris Kaunas per 98-92 al Mediolanum Forum. Partita dall’alto punteggio, caratterizzata da due difese altalenanti nel corso dei quaranta minuti e da due attacchi con idee ben messe in campo. La vittoria di questo Olimpia-Zalgiris […]
Olimpia-Zalgiris | Eurodevotion

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: