Arte difensiva e controllo del ritmo: le chiavi di un Barça inarrestabile

Luca Castellano

Mirotic indirizza al settimo successo in fila per il Barça. The Jasi’s Boys are unstoppable?

Il Barça è una macchina perfetta. Non c’era bisogno anche di questa partita per esprimere un’opinione importante sul meccanismo blaugrana, ma una cosa dopo questo incontro è assolutamente certa: ora come ora sono infermabili.

Il meccanismo creato dall’ex head coach dello Zalgiris controlla, gestisce le forze. Sa essere cinico, ma sopratutto camaleontico quando serve, proprio come questa sera al Palau Blaugrana.

La Stella Rossa sì che è in crescita, vero, ma non può nulla contro l’esperienza, la tenacia, la grinta e la completezza di una squadra, che a discapito del 76-65 andato in scena poco fa, ha letteralmente fatto sua una contesa a senso unico.

Eurodevotion, come sempre entra nel vivo della sfida, analizzando per voi le 5 situazioni chiave della sfida.

ARTE DIFENSIVA: PRIMO QUARTO DA MOSTRARE A TUTTI GLI APPASSIONATI

La difesa se fatta bene può essere arte nel basket moderno. Il Barça delle ultime settimane è stato proprio questo. Arte negli switch su ogni tipologia di situazione di pick and roll o stagger lontano dalla palla. Raddoppi asfissianti in post basso e aiuti perfetti dal lato debole con i lunghi stile Xavi Pascual ai tempi d’oro. Questo Barça ha uomini e qualità, finalmente, per dominare la Turkish Airlines Euroleague.

ATTACCO BARCELLONA COME LA CUCINA: LA SOLUZIONE SI TROVA SEMPRE

La capacità di sorprendere non manca mai in casa Barça. Un meccanismo costruito per dominare il post basso dal primo al quarantesimo minuto di gioco che sa fare praticamente tutto. Attacco con blocchi lontano dalla palla e uscita dei tiratori, anche lunghi vedasi Mirotic stasera. Short roll derivanti da un pick centrali per scarichi ed extra-pass da angolo a prolungamento tiro libero. Soluzioni in transizione ed ISO costruiti efficientemente per Higgins con la creazione dei giusti spazi da parte degli altri interpreti. Insomma, il Barça è come il mondo della cucina: davanti a degli ingredienti facili o difficili sa sempre come trovare la soluzione offensiva per realizzare ad alta percentuale. Allenatori di ogni livello annotare citazione grazie….

CALATHES: INVOLUTO O ANCORA STA ASSIMILANDO CONCETTI?

L’unico neo della stagione blaugrana in Europa e in Liga è dovuta all’arrivo del play Nick Calathes. Per chi scrive è apparso sottotono, o meglio non lo stesso costruttore di gioco ammirato in Grecia. I numeri stasera dicono 8 assist e alcune palle perse ingenuamente, ma vero anche che sembra faticare quando i minuti aumentano e deve mettere dei punti importanti a referto. Non è lui, questo è chiaro, ma bisogna dargli tempo o questo sistema non è adatto alle sue caratteristiche? Le prossime settimane ci chiariranno tutti i dubbi.

STELLA ROSSA: LA PAZIENZA E’LA CHIAVE DEL SUCCESSO

Reali, concreti, mai banali. La pallacanestro della Stella Rossa è questa. Un concentrato di esplosività e alcune individualità pronte al salto tra le big d’Europa. Però, in tutto ciò, in queste partite la chiave deve essere la pazienza. Sfiancare l’avversario al limite dei 24 secondi e le continue rotazioni dalla panchina possono dar fastidio mentalmente ad una squadra così esperta come quella del Barça. Obradovic sta lavorando bene e sarà la pazienza sua e di tutto il suo roster la chiave del successo della squadra di Belgrado.

MIROTIC GUIDA MA TUTTO IL BARCA E’ PERFETTO. DA QUI NASCE LA SETTIMA MERAVIGLIA

Questa settimana non ci sono lodi per l’MVP. Sì, un bel 0 in pagella per Mirotic soltanto perchè gli aggettivi per il fuoriclasse spagnolo sono terminati da una vita, ma i complimenti vanno fatti a tutto il roster e staff tecnico del Barça. Capacità di gestione forze fisiche e mentali, gestione di uno spogliatoio costruito per vincere con una difesa così eccelsa non possono non essere idolatrati con due righe di elogio. Il Barça in questa stagione è superiore, lo dimostra e lo continuerà a dimostrare. La settima meraviglia consecutiva in Turkish Airlines Euroleague, in questo preciso momento della stagione può segnare il confine con le avversarie. Ma ora come ora the Jasi’s boys are really unstoppable? Lo scopriremo settimana prossima….

Next Post

Gudaitis e Thomas guidano lo Zenit alla vittoria sull'Alba Berlino

Alla Mercedes Benz Arena di Berlino, lo Zenit San Pietroburgo conquista il quarto successo in stagione nella Turkish Airlines EuroLeague. Dopo la sconfitta subita in casa contro il Khimki, gli uomini di coach Xavi Pascual hanno la meglio sull‘Alba Berlino. 66-73 il punteggio finale dell’incontro che andiamo ad analizzare attraverso […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: