Milos Teodosic, magìa da impazzire

alberto marzagalia

Non c’è niente da fare, ci sono state diverse partite anche al piano superiore, leggi Eurolega, ma quello che ha fatto Milos Teodosic nella trasferta vincente della sua Virtus contro il Loko Kuban è qualcosa che non riesce ad unisce dalla mente di chiunque ami questo gioco.

Oltre ad una prova pressoché perfetta da dominatore, il “mago Milos” ha estratto dal suo cilindro una perla che va vista, rivista e poi rivista ancora.

Del talento del serbo si scrive ormai da un decennio ed oltre, così come del suo essere immaginifico oltre ogni limite, tuttavia questo assist di oltre 20 metri supera tante delle magìe viste in passato: non si può non saltare sulla sedia.

Per eseguire una “roba” del genere, in stile “bowling”, ci vogliono almeno 5 caratteristiche che hai solo se sei un genio.

  • Pensarlo. Ed è già unicità, anche per i tempi di gioco.
  • Avere la forza, anche mentale, e la tecnica per eseguirlo. E qui solo lui, perché se fai una cosa del genere e getti via un pallone qualunque Coach ti appende al muro dello spogliatoio.
  • Dosarlo. Chi è in grado di ragionare su 20 metri di assist?
  • Sensibilità. Mani e polpastrelli devono essere quelle di un pianista con una forza eccezionale.
  • Vedere 28 metri di campo. E si torna a quell’unicità.

Semplicemente “GRAZIE MILOS”, andrò avanti a riguardarlo per tutto il weekend.

Next Post

Per l'ASVEL è notte fonda, vince lo Zenit

La gara andata in scena all’Astroballe non è stata certo una partita all’insegna dello spettacolo, anzi. Dopo la brutta sconfitta subita mercoledì contro la Stella Rossa, l’ASVEL è costretto nuovamente ad arrendersi. Questa volta ad avere la meglio sulla compagine francese è lo Zenit San Pietroburgo. 53-66 il punteggio finale […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: