Serie A Unipolsai: Milano nel segno di Shields e Roll. La Virtus Bologna corsara a Venezia. Brescia così non va

Lorenzo Lubrano

Come accade dopo ogni weekend, anche questa settimana vi parliamo di come sono andate le partite in LBA, delle cinque squadre italiane impegnate tra Turkish Airlines EuroLeague e 7Days EuroCup.

L’Olimpia non si ferma

Dopo non aver giocato in Eurolega a causa del rinvio della sfida contro l‘Alba Berlino, l’AX Armani Exchange Milano è ritornata in campo per la sfida di LBA contro la Dolomiti Energia Trentino.

L’inizio di gara (13-4) lascia presagire che Milano non troverà troppe difficoltà davanti a sè, ma invece gli uomini di coach Nicola Brienza dimostrano di non essere venuti al Forum per fare la vittima sacrificale.

I bianconeri reggono per 30′, ma poi l‘Olimpia gioca da Olimpia e tutto cambia. Con un parziale di 20-2 tra fine terzo periodo ed inizio del quarto, i biancorossi volano sul +14 (78-64) ed archiviano il sesto successo consecutivo in campionato.

Ancora una volta ottima prestazione di Shavon Shields con 24 punti e chissà che effetto avrà fatto ai tifosi di Trento vederlo da avversario, visto che lo stesso Shields se ha raggiunto questo livello lo deve proprio al club trentino e più nello specifico a coach Maurizio Buscaglia che lo ha reso un giocatore di grandissima intelligenza cestisca. Arrivato nel capoluogo del Trentino – Alto Adige da numero quattro ed andato via da guardia come detto dallo stesso Buscaglia al nostro Alberto Marzagalia.

Da sottolineare anche la prova di Michael Roll (19 pt), sempre più consapevole del suo ruolo all’interno del sistema di coach Ettore Messina.

Il secondo tempo della Virtus Bologna

Nel big-match del sesto turno di LBA, la Virtus Segafredo Bologna espugna il PalaTaliercio con un’ottimo secondo tempo.

Dopo un primo tempo favorevole ai padroni di casa (43-34) con 9/14 da tre, nella ripresa è tutta un’altra storia.

Le V nere aumentano l’intensità difensiva ed allora tutto cambia. I bolognesi accorciano lo svantaggio al 30′ (62-61) e poi nell’ultimo quarto completano l’opera con un break di 22-6, che vale la vittoria finale per 68-83.

Agli uomini di coach Walter De Raffaele non bastano i 24 di Stefano Tonut, ma indubbiamente pesa come un macigno l’assenza di Mitchell Watt, giocatore chiave per Venezia. Inoltre, non è stata una gran serata per Austin Daye e Michael Bramos, giocatori che di solito in queste grandi sfide amano esaltarsi con giocate da veri campioni.

In casa Bologna, ben quattro giocatori in doppia cifra (Weems, Markovic, Tessitori e Teodosic), ma indubbiamente la chiave della vittoria è stata la solida difesa messa in atto dagli uomini di coach Djordjevic nel secondo tempo.

Brescia abbiamo un problema…

Nell’anticipo del sabato sera, la Germani Brescia subisce un bello scherzetto dalla Virtus Roma (64-70) e quale migliore occasione se non farlo proprio nella notte di Halloween.

Battute a parte, dopo le prime 11 gare stagionali tra campionato e coppa, la Leonessa ha ottenuto il successo in sole tre occasioni e quindi qualche domanda bisogna cominciare a farsela.

E’ sempre troppo facile prendersela con l’allenatore, ma a mio avviso sul banco degli imputati vanno messi anche i giocatori. Si vince e si perde insieme. E tutti devono farsi il classico esame di coscienza per capire cosa non funziona.

Secondo quanto riportato dai quotidiani locali Giornale di Brescia e Bresciaoggi, la società bresciana si sarebbe presa del tempo per decidere il futuro di coach Vincenzo Esposito, che però ha un contratto con il club bresciano fino al 2022.

Come già accaduto in questa stagione, anche nella sfida di ieri sera si è vista una squadra che improvvisamente si è sciolta come neve al sole, e non ha più saputo reagire. In questi momenti le parole servono a ben poco e bisogna reagire con i fatti.

Martedì sera al PalaLeonessa, la Germani ospita il Buducnost, nella prima partita del girone di ritorno della 7Days EuroCup è già da lì c’è bisogno di una reazione per provare ad invertire una stagione, iniziata davvero molto in salita.

Foto: LBA

Next Post

Euroleague Basketball e leghe nazionali si incontrano: è l'unica via

Euroleague Basketball e le leghe nazionali si incontrano. La data è quella del 5 novembre, giovedì prossimo. L’anticipazione è di Mozzartsport. L’invito arriva da Euroleague Basketball e, testualmente, è così formulato: «L’obiettivo della videoconferenza è di scambiarsi e coordinare informazioni con gli organizzatori di tornei che hanno squadre in EL […]
Euroleague Basketball e leghe nazionali si incontrano | Eurodevotion

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: