Lucic è indomabile: il Bayern è squadra vera e passa a Tel-Aviv

Luca Castellano

Il Bayern di Trichieri sorprende contro i ragazzi di Sfairopoulos. Che sfida quella tra Wilbekin e Lucic!
Ecco a voi l’analisi del match

Il bello del basket passa da Israele. La prima partita vera, cruda e selvaggia della stagione la regala la Menora Mivtachim Arena di Tel-Aviv. Due signore squadre, molto ben allenate hanno dato vita ad una vera e propria battaglia per 40′ minuti.

A prevalere nella sfida tra il Maccabi padrone di casa e il Bayern del coach Andrea Trinchieri, grazie ad uno straordinario Vladimir Lucic, sono a sorpresa proprio i bavaresi che ottengono la vittoria più importante ad ora della regular season, ma stanno continuando a dimostrare di essere pronti per davvero alle sfide che contano in Turkish Airlines Euroleague.

Il punteggio finale dice 82-85, troppo sintetico se non per Eurodevotion, che è pronta come sempre a riassumere. a snocciolare la sfida, nei 5 momenti catartici della sfida.

ALLUNGO E CONTROLLO: IL BAYERN E’ MATURO E SI VEDE

Potrebbe essere un giudizio affrettato, ma in tre partite il Bayern ha mostrato qualcosa che va oltre logica e numeri. Coach Trinchieri è straordinario sin da subito a forgiare mentalità ai suoi giocatori, che in campo con Olimpia, Alba e Maccabi hanno dato un segnale fortissimo: maturità eccelsa. Lo si vede negli strappi nel punteggio, nel controllo della partita e del tempo di gioco avversario. Sempre con dinamismo difensivo e voglia di non mollare mai su secondi possessi. Chapeau.

PERDERE IL “FILO”: SFAIROPOULOS ANALIZZA EFFICACEMENTE LA SFIDA

“Il Bayern gioca, e gioca un gran basket”. Inizia così la conferenza stampa del vinto del match ovvero coach Ioannis Sfairopoulos, che come lo scorso anno perde all’ultimo possesso una sfida molto delicata ed è conscio dei motivi della sconfitta del suo Maccabi. “Abbiamo perso il filo conduttore della partita nel primo tempo. Con perso si intende palloni di troppo che hanno allungato distacco e la nostra stanchezza nel recuperarlo. Bravo il Bayern a non mollare sulle nostre folate offensive”, le parole del tecnico della squadra israeliana.

POSSESSI FINALI: QUANTO PESANO I PUNTI DI ZIPSER?

Per chi scrive, la partita si decide anche in due momenti della partita. Avvengono entrambi allo scadere del primo e del terzo quarto. Paul Zipser mette a segno 6 punti sulla sirena (un acrobatico 2+1 nel primo e una tripla uscendo dai blocchi nel terzo), che pesano una tonnellata. Perchè tutto questo? L’inizio dell’allungo del Bayern avviene proprio dopo il pareggio 15-15 del primo parziale e la tripla sulla sirena del terzo quarto, mina le certezze di rimonta del Maccabi fino a 3 minuti e mezzo dalla fine. Si chiama consapevolezza, si legge Paul Zipser.

WILBEKIN-LUCIC: DUELLO INCANDESCENTE A TEL-AVIV

Assegnare l’MVP di match diventa sempre più agevole in certi casi, ma in questa sfida va fatto un elogio importante ad un duello da gustare comodamente ogni volta che c’è un match di basket. Vladimir Lucic e Scottie Wilbekin dominano il parquet e lo fanno con leadership navigata nel corso degli anni di Turkish Airlines Euroleague. Il vinto della sfida, ovvero il prodotto di Florida State, realizza 27 punti con 7 assist, 5 palle perse e 9 falli subiti. Lucic invece, devastante dal perimetro, chiude con 26 punti e 3 rimbalzi che pesano un macigno nell’economia della sfida.

PARTITA DELLA SETTIMANA, DEL MESE, ECC. UNA BELLA RISPOSTA ALLE TANTE, TROPPE VICENDE COVID-19

Finalmente il basket con la B maiuscola. Per chi si fosse perso questa sfida, consiglio vivamente di rivederla, perché ad ora è sicuramente insieme a Fenerbahçe-CSKA la partita della settimana, del mese o come vi pare. Due match che hanno risposto alle tante, troppe parole causate dal discusso protocollo Covid-19 approvato dai club di Turkish Airlines Euroleague. Bayern e Maccabi sono state bellissime da vedere, e sicuramente nel futuro incerto ci possono regalare sorprese. Sicuramente più il Bayern, sempre più candidato insieme al Fener come la super sorpresa della regular season. Certified 100%.

Next Post

Il Real vince, ma il Khimki esce a testa altissima dal confronto

Dopo due sconfitte subite contro Baskonia e Valencia, il Real Madrid conquista la prima vittoria stagionale in Eurolega e lo fa ai danni di un Khimki condizionato dalle numerose assenze (Shved, Timma, Karasev, Monroe, Jovic, Bertans e Mickey) 94-85 il punteggio finale dell’incontro che andiamo ad analizzare attraverso cinque punti […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: