Lo Zalgiris continua a stupire

Matteo Carniglia

Terza vittoria, in altrettante gare in trasferta, per il team di Kaunas

Lo Zalgiris Kaunas continua a stupire ottenendo la terza vittoria, in altrettante gare, in questo inizio di Turkish Airlines Euroleague.

Vittima dei lituani, nella partita di oggi, i serbi della Stella Rossa di Belgrado sconfitti, tra le mura amiche, per 75-69.

Utilizzando la classica struttura di analisi di Eurodevotion, in cinque punti, andiamo a rivivere la notte della Aleksandar Nikolic Hall.

FATTORE CAMPO: lo Zalgiris di Kaunas, dopo Atene, sponda Olympiacos e Mosca contro il Khimki sbanca anche Belgrado garantendosi il terzo successo in questo inizio di Eurolega che vedrà i lituani ben sei volte in trasferta nelle prime dieci uscite. Senza voler nulla togliere ai meriti del team guidato in panchina dall’esordiente in questa competizione Schiller è evidente come l’assenza di pubblico sia una tassa pesante da pagare per alcune squadre come ad esempio la Stella Rossa. Le tante anomalie di questa stagione possono portare a risultati sorprendenti e la temporanea fuga, in testa alla classifica, del team di Kaunas ne è ulteriore riprova.

JOKUBAITIS: il giovane lituano, insieme a Lekavicius, è stato il giocatore che con il suo ingresso in campo ha cambiato il difficile inizio di gara dello Zalgiris. I suoi due canestri, in arresto e tiro, e la sua energia su entrambi i lati del campo sono l’ennesima riprova che nonostante la giovane età si sia davanti ad un giocatore vero.

DIFESA E GIOCO IN VELOCITA’: lo Zalgiris ha confermato anche in questa terza giornata una notevole organizzazione dal punto di vista difensivo. Nonostante le quindici palle perse i lituani sono stati bravi a non regalare canestri facili agli avversari limitando gli 1vs1, tranne nei minuti iniziali, e non permettendo mai alla Stella Rossa di giocare in velocità non facendo così esaltare la batteria di esterni, in questa stagione punto di forza dei serbi.

LEKAVICIUS: Mvp di serata con 16 punti, 4 assist ed un solo errore dal campo. I suoi unici due tiri liberi, messi a segno, hanno chiuso la gara. Sul fronte Stella Rossa ancora sugli scudi, dal punto di vista realizzativo, l’ex Valencia Loyd con 19 punti.

ALLENATORI: Soddisfatto Schiller nonostante un terzo quarto difficile: “abbiamo subito molti punti nel terzo tempo pagando a livello di difesa sul pick&roll. Immaginavamo una partita fisica e così e stato. Siamo davvero molto contenti di questo inizio”. Contrariato, come prevedibile, Sasa Obradovic che si è espresso in questo modo: “Lo Zalgiris ha meritato di vincere questa partita, sono stati più fisici e hanno avuto maggiore pazienza. Dobbiamo essere più intelligenti, evitare tiri brutti e forzati che hanno dato fiducia ai nostri avversari. Onestamente non sono contento di come abbiamo giocato ed imparare dagli errori di oggi per andare avanti”.

Next Post

Il Barcellona passa a Valencia con il parzialone, e la difesa

Il Barcellona passa a Valencia e ottiene la seconda “W” della sua EuroLeague nel giorno del ritorno in panchina di Sarunas Jasikevicius

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: