Il Maccabi non perde il filo. Aito, ma quello era Fontecchio?

Alessandro Maggi

Cosa non scontata tra le grandi, il Maccabi Tel Aviv riparte da dove aveva finito: dalla vittoria. Poi, Fontecchio

Cosa non scontata tra le grandi, il Maccabi Tel Aviv riparte da dove aveva finito: dalla vittoria. Vittima tutt’altro che inerme l’Alba Berlino, che firma un primo quarto da sballo prima di venir meno alla distanza. 80-73 il finale.

25-2 – Il parziale del secondo quarto firmato dalla squadra israeliana che svolta la gara. Dopo i 29 punti concessi nel primo quarto, dato non certo da Sfairopoulos, ecco la dimostrazione si forza. Di fatto il parziale è 11-0 seguito da un 14-0, sul risultato di 19-31.

Chris Jones. Buon debutto per il play, assolutamente un sorvegliato speciale ricevendo l’eredità di Aaron Jackson. Per lui 12 punti e 7 assist, di cui 4 nel secondo tempo.

Simone Fontecchio. In EuroLeague viaggiava a 33 punti complessivi e 13 di valutazione in 3 anni. Nel marzo 2017 toccò il suo high con 8 punti. Ieri sera, 16 punti, 8 rimbalzi e 27 di valutazione.

Ioannis Sfairopoulos: «La partita è stata molto difficile, prima di tutto perché abbiamo giocato contro un’ottima squadra, ma anche perchè non vedevamo questi campi da marzo, perchè eravamo senza tifosi e di fatto ci mancavano gare di pre-season a questo livello. Voglio congratularmi con i giocatori per lo spirito combattivo che hanno dimostrato. Il secondo periodo è stato ottimo sia in attacco che in difesa. Abbiamo concesso 29 punti nel primo quarto, poi solo 4 punti nei primi 6 o 7 minuti del secondo quarto. Quella è stata la chiave per la vittoria».

Aito: «È stata una bella gara. Abbiamo avuto alcuni minuti molto buoni e anche il Maccabi ha avuto alcuni minuti molto buoni. Abbiamo avuto periodi brutti quando abbiamo perso palla e non abbiamo preso falli. Nel secondo quarto abbiamo avuto molti minuti di vuoto. E Luke Sikma aveva grossi problemi. Ben Lammers che ha giocato la sua miglior partita fino ad ora, si è allenato solo pochi giorni, e anche Simone Fontecchio ha fatto lo stesso percorso. Speriamo di crescere gara dopo gara».

Next Post

E' il Barça di Abrines, non è il Cska di Mike James

Non poteva esserci sfida più accattivante per il ROUND #1 della Turkish Airlines Euroleague edizione 2020/21. Al Palau arriva il Cska per una gara che, secondo la previsione di molti commentatori, cui ci associamo da settimane, potrebbe rappresentare l’evento conclusivo che assegnerà il trofeo l’ultima domenica di maggio a Colonia. […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: