Sassari asfalta Roma. La Pesaro di Repesa supera Brindisi

Dopo aver analizzato le prima partite del girone A, B e C dell’Eurosport Supercoppa 2020, oggi è il turno del girone D.

Infatti, ieri nella “bolla” di Olbia al Geo Village hanno fatto il loro esordio nella competizione la Dinamo Sassari, la Virtus Roma, la Carpegna Prosciutto Pesaro e la Happy Casa Brindisi.

Nella sfida delle 17.00 tra Brindisi e Pesaro, è stata la squadra biancorossa a conquistare la vittoria con il punteggio di 71-83.

Invece, nella partita tra la compagine sarda e quella romana, il match è durato solo 10’ perchè poi c’è stato un vero e proprio dominio da parte degli uomini di coach Gianmarco Pozzecco, che hanno rifilato una pesante sconfitta a Roma (114- 71). 

Attraverso i nostri classici cinque punti andiamo ad analizzare più nello specifico le due sfide 

Jasmin Repesa

Come si suol dire, buona la prima. Il coach croato al suo ritorno in Italia, si regala una bella vittoria nella prima partita di Supercoppa ai danni dei pugliesi.

In un’intervista rilasciata qualche giorno fa a Sportando, l’allenatore croato ha dichiarato che l’obiettivo è quello di fare meglio degli anni passati e che la sua squadra avrebbe giocato questa competizione non come fossero delle gare amichevoli, ma con l’obiettivo di crescere e di migliorare sfida dopo sfida. 

Dopo tre quarti di grande equilibrio, i suoi ragazzi sono riusciti negli ultimi 10’ a trovare la zampata vincente grazie ad un parziale di 18-26. 

«La cosa più importante era partire vincendo per prendere fiducia in noi stessi e in quello che stiamo facendo. Dobbiamo rimanere con i piedi per terra, non abbiamo fatto nulla di eccezionale. La percentuale nel tiro da tre è stata bassa, a rimbalzo si deve fare di più. Dobbiamo ancora lavorare su tante cose. Però sono soddisfatto perché abbiamo giocato di squadra e così dobbiamo proseguire. Analizzeremo le cose buone e quelle meno buone, poi inizieremo a pensare a Sassari. Sarà una bella sfida, sono curioso di sapere come ci comporteremo contro una squadra di valore qual’è quella allenata da Gianmarco Pozzecco». Queste le parole di coach Repesa nel dopo gara, che vede giustamente la vittoria come un punto di partenza e vuole massima concertazione.

Carlos Delfino

Ci sono giocatori che nonostante l’età riescono sempre ad essere protagonisti ed infatti quelli non sono giocatori, ma campioni. 

Il nativo di Santa Fè è stato il miglior marcatore dei suoi con 19 punti (60% da 2, 60% da 3 e 100% TL), 8 rimbalzi e 20 di valutazione in 20’. 

Di certo non scopriamo oggi le qualità del giocatore, che darà una grande mano a questa squadra.

Si tratta solo della prima partita, ma il giocatore italo-argentino ha già dimostrato cosa vuol dire essere un leader. 

Il fattore B

Nella larga vittoria ottenuta da Sassari, da evidenziare le prove di Eimantas Bendzius, Miro Bilan e Jason Burnell.

Il lituano ha messo a referto ben 25 punti in 24′, tirando con il 60% da 2, il 50% da 3, catturando 9 rimbalzi e chiudendo co 25 di valutazione.

Per quanto riguarda Miro Bilan, non c’è da meravigliarsi molto perchè il giocatore croato già nella passata stagione aveva dimostrato che nel sistema di gioco del Poz andava benissimo. Il classe ’89 chiude in doppia cifra con 20 + 16 ed addirittura 42 di valutazione.

Ed infine, l’ala americana che segna 16 punti in 27′ con 23 di valutazione.

114

Sono i punti segnati dal Banco di Sardegna Sassari alla Virtus Roma.

Dopo una prima frazione bilanciata, nei restanti 30′ in campo si è vista una sola squadra.

Gli uomini di coach Pozzecco hanno tirato con buone percentuali ed è assolutamente normale quando segni così tanti punti.

Infatti, i sardi hanno chiuso con il 75% da 2 (24/32), 46.3% (19/41) dalla lunga distanza e 100% a cronometro fermo con (9/9).

In cabina di regia

Oltre ai tre protagonisti citati sopra, da sottolineare anche la prestazione dei due playmaker della Dinamo: Marco Spissu e Vasa Pusica.

Il numero 0 e 4 di Sassari hanno totalizzato 29 punti in due ed hanno orchestrato il gioco alla perfezione, da veri maestri.

Sarà solo un caso, ma i playmaker di coach Pozzecco riescono quasi sempre ad essere gli attori protagonisti.

Classifica Girone D

Dinamo Sassari 2

Carpegna Prosciutto Pesaro 2

Happy Casa Brindisi 0

Virtus Roma 0

Foto: VL Pesaro

Next Post

I nuovi Dončić di Laso: Boris Tišma e Tristan Vukčević

Coach Pablo Laso continua a puntare sui prodotti della miglior fucina di talenti in Europa. Il Real Madrid può contare su due future stelle dai balcani: il promettente croato Boris Tišma e il figlio d’arte serbo Tristan Vukčević.
Tišma

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: