MVP Final Four: la leggenda Šarūnas Jasikevičius

Enrico Longo

Šarūnas Jasikevičius: quattro volte sul tetto d’Europa con tre squadre diverse e un titolo di MVP delle Final Four

Mentre, in queste ore, si sta provando immaginare il futuro di Jasikevičius, noi facciamo un passo indietro e continuiamo il nostro viaggio virtuale alla scoperta degli MVP delle Final Four di Eurolega.

Il decennio che va dal 2001 al 2010 è quello di Šarūnas Jasikevičius. Se consideriamo le due stagioni NBA, dal 2005 al 2007, il suo decennio europeo è brevissimo, ma gremito di campionati, coppe nazionali, continentali e riconoscimenti individuali. Tra cui, il più importante, l‘MVP delle Final Four 2005.

Nato a Kaunas e formatosi negli Stati Uniti: Solanco High School e Università del Maryland, Jasi fa il suo ritorno in patria, al Lietuvos rytas, nel 1998. A 22 anni comincia a prepararsi per una carriera sportiva monumentale.

L’anno della svolta è il 2000. Non solo per il bronzo alle Olimpiadi di Sydney, il terzo consecutivo della Lituania. Šarūnas Jasikevičius approda in Catalogna: Barcellona è la sua nuova casa e la città a cui regala la prima storica Eurolega nel 2003.

In tre anni, Jasikevičius gioca tre volte l’atto finale, vincendo in tutte e tre le occasioni. Il titolo con il Barca e la doppietta con il Maccabi Tel Aviv.

Se quella del 2003 non è la versione più brillante, nelle due edizioni successive si mette in proprio e nel 2004 termina il week-end di Tel Aviv (sede delle Final Four) con le seguenti medie: 18 punti (50% da 2 e 60% da 3), 6 falli subiti e 5.5 assist. Il titolo non è mai in discussione, come testimonia il 118-74 finale con la Fortitudo Bologna. Ci sono anche pochi dubbi sul suo inserimento nel miglior quintetto della competizione. Insieme a Jasi troviamo Marcus Brown, Dejan Bodiroga, Mirsad Türkcan e il connazionale Arvydas Sabonis. Il titolo di MVP delle Final Four è però del compagno di squadra Anthony Parker.

Vincere non basta è il titolo del suo libro. Il concetto è sintetizzato al meglio l’anno successivo. Altro trionfo del Maccabi, marea gialla in visibilio, ma soprattutto: Šarūnas Jasikevičius uguale MVP delle Final Four.

Se ci affidiamo alla matematica e alle statistiche della tre giorni conclusiva, le prestazioni sono simili: 17.5 punti (43% da 2 e 57% da 3), 6.5 assist, 4.5 falli subiti e 1.5 palle recuperate. Nell’ultimo atto però contro uno stoico Tau Ceramica, messo al tappeto 90-78, è lui l’autore del colpo del k.o. Dalle mani di Jasi viene confezionato il parziale decisivo, quello che vale il secondo titolo consecutivo agli israeliani (prima squadra a riuscirci) e il riconoscimento di MVP.

Ci sarà poi la parentesi NBA con Pacers e Warriors, il tentativo di affermarsi anche a “qualche ora” di volo dall’Europa. Ma il suo (ri)ritorno nel vecchio continente, nel settembre 2007, è ancora una volta in grande stile. Età della maturità umana e cestistica, meno minuti sul parquet, ma quella fame di mettersi medaglie al collo insaziabile. Con i colori del Panathinaikos si aggiudica tre campionati greci, altrettante coppe nazionali e la quarta Eurolega da giocatore nel 2009.

Sottolineiamo il “da giocatore” perché Jasi ha già fatto vedere, in veste di coach con lo Zalgiris, di poter puntare in alto anche a bordo campo.

Immagini: sito ufficiale Eurolega

Next Post

Shved rinnova, Derrick Williams in arrivo: il Khimki è una superpotenza?

Il Khimki ha comunicato oggi il rinnovo di Alexey Shved sino al 2023, il che ne farà definitivamente una bandiera della squadra moscovita. Dopo diverse voci che davano lo straordinario talento russo nel mirino di alcune “big” di Turkish Airlines Euroleague, nonché in possibile approdo NBA, arriva un accordo che […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: