MVP: Final Four – Luka Doncic si siede sul tetto d’Europa

Enrico Longo

Luka Doncic, prima di salutare l’Europa e volare in NBA ha conquistato l’Eurolega da protagonista con la maglia del Real Madrid. Diventando l’MVP più giovane di sempre.

0 0
Read Time:2 Minute, 3 Second

Nel settembre 2017, la Slovenia conquista il primo storico oro europeo. In finale contro la Serbia, sconfitta 93-85, accanto a giocatori che non hanno alcun bisogno di presentazioni come Goran Dragic, Anthony Randolph e Klemen Prepelic, per citarne qualcuno, brilla un ragazzo di appena 18 anni: Luka Doncic

L’esterno nato a Lubiana il 28 febbraio 1999, in quel torneo riservato alle migliori nazionali europee, vince e convince. La prestazione che più di tutte rimase impressa, probabilmente, è la tripla doppia accarezzata in semifinale con la Spagna (11 punti, 12 rimbalzi e 8 assist).

Nella stagione, che parte qualche giorno dopo, continua la sua crescita esponenziale e il culmine, come spesso accade per i campioni, arriva nel momento clou dell’anno: le Final Four di Eurolega.

MVP

Nel 2016-17 viene eletto miglior giovane dell’Eurolega.

12 mesi dopo è il miglior giocatore della regular season, del campionato spagnolo e delle Final Four.

Quando viene incoronato MVP delle Final Four, il 20 maggio 2018, Luka ha 19 anni, 2 mesi e 25 giorni. È il più giovane di sempre, ed è un altro record infranto.

Nel 2017-18, oltre ai già citati premi individuali, vince il campionato spagnolo e, appunto, l’Eurolega.

Crescita esponenziale

A 16 anni (altro primato) calca per la prima volta un parquet di Eurolega.

Nella stagione d’esordio (2015-16) chiude con 12 partite giocate e una media di 3.5 punti.

Solo un anno dopo, aumentano i minuti sul rettangolo e, in 35 partite colleziona 274 punti (7.8 a serata), tirando con il 50% da 2 e il 37% da 3.

Nella sua ultima stagione nel Vecchio Continente, cresce ancora. Termina con 16 punti ad allacciata di scarpe e arriva a realizzare 33 punti in una singola partita.

Final Four

CSKA Mosca, Real Madrid, Zalgiris Kaunas e Fenerbahce. Le pretendenti sono di assoluto livello.

Il Real Madrid, grazie soprattutto al suo gioiellino, ha una marcia in più e ha la meglio sui russi in semifinale e sul Fenerbahce la domenica.

Il Real Madrid di Pablo Laso può contare su stelle del livello di LLull, Fernandez, Ayon, Carroll…ma Doncic è un uomo in missione: detta il ritmo in attacco, realizza e indica la via del canestro ai compagni, recupera palloni e subisce falli.

Nel week-end serbo è il giocatore più utilizzato con più di 27 minuti a gara e colui che subisce più falli con 7 di media.

Immagini: sito ufficiale Eurolega

About Post Author

Enrico Longo

Laureato in Comunicazione, sogno di diventare giornalista sportivo. Vivo la vita 4 quarti da 10 minuti per volta. Amo la pallacanestro perché mi fa sentire vivo e l'Eurolega perchè aspettare il week-end per lo sport è impossibile.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

La stampa catalana dura con Malcolm Delaney: Ha mancato di rispetto al club ed ai compagni

Durissimo attacco del Mundo Deportivo a Malcolm Delaney, a poche ore dalla sua firma con l’Olimpia Milano. Un articolo nell’edizione online di oggi a firma Xavier Bosch descrive l’addio al Barcellona come una semplice questione di soldi, figlia di un comportamento che ha mostrato mancanza di rispetto per il club e […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: