Quale futuro per lo Zalgiris e per Jasikevicius?

0 0
Read Time:4 Minute, 30 Second

Ci sono alcuni allenatori che godono della fiducia del proprio club, quelli che sono graditissimi ai tifosi, altri che riscuotono grande successo tra i giocatori e poi… c’è Jasi.

In pochi anni di carriera Sarunas Jasikevicius ha messo d’accordo una nazione, un continente e forse anche qualcuno oltre l’oceano: pur senza trofei continentali, il suo operato lo ha già inserito tra i migliori  in assoluto. Sono indimenticabili le due corse Playoff 2018 e 2019, la prima culminata addirittura in una Final 4, mentre la grande rimonta del 2020 è stata probabilmente fermata solo dal termine anticipato della stagione. Pochi altri Coach incidono sulla prestazione della squadra come sa fare lui: nella lega degli allenatori, lui è ormai stabilmente nei primi cinque, nell’ordine che si possa voler preferire.

Dopo la notizia dello stop alla stagione, immediatamente sono arrivate le prime voci sul suo futuro e su quello del suo club. Ovviamente è impossibile commentarle separatamente, perchè Jasi è lo Zalgiris.

Donatas Urbonas, uno dei migliori giornalisti del continente, oggi si è espresso via Twitter fornendo un quadro assai completo sui baltici e sul loro Coach.

Grandi cambiamenti attesi a Kaunas. Il budget sarà ridotto del 30%, che corrisponde ad una disponibilità tra i 7 e gli 8 milioni per la prossima stagione.

Si dovrà scegliere tra Zach LeDay e Jock Landale, poiché retribuire entrambi sarà impossibile. Probabilmente se ne andrà LeDay, uno dei più pagati (+/- 550K) nonché uno di quelli che attrae di più in Europa.

Jock Landale è quello che meno probabilmente lascerà lo Zalgiris. A meno di un offerta NBA. Ha un solido buyout ed è legato al club, come conferma anche Roy Ward, giornalista australiano.

Ulanovas, Milaknis e KC Rivers sono free agent. Non vi è certezza che restino, soprattutto i primi due, a meno che non restino delusi dalle eventuali offerte.

Opinioni contrastanti sul futuro di Thomas Walkup, tremendamente cresciuto in due anni con Saras. Alcuni dicono che se ne andrà, col Maccabi tra i primi interessati, altri danno per certa la sua permanenza a Kaunas.

Lukas Lekavicius è in dubbio. Ha offerte da EL ed EC, dopo una stagione eccellente, nonché un buyout accettabile. Miglior realizzatore della squadra nelle ultime 12 gare di EL.

Grigonis ha contratto sino al 2022, ma almeno due club di EL lo hanno nel mirino. Non è certo cosa vorrà fare lo Zalgiris.

 

Ed infine il tema Jasikevicius, quello più importante e decisivo.

Se in mattinata Eurohoops aveva messo in dubbio la permanenza del Coach sulla panchina lituana, è sempre Urbonas ad esprimersi su Twitter nel senso di una conferma della leggenda alla guida dei biancoverdi.

 

Saras dovrebbe rimanere per almeno un’altra stagione. Sta già prendendo decisioni importanti sul roster e la sensazione, importante, è che non andrà da nessuna parte. E’ sotto contratto con lo Zalgiris sino al 2021.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Itoudis, Cska: E' un giorno triste, ma la decisione è saggia.

Dimitris itoudis, il Coach, campione uscente ti Eurolega, ha rilasciato alcune dichiarazione al media russo Izvestia,  dopo la cancellazione della stagione «Oggi è un giorno triste per l’Eurolega e per il basket. Allo stesso tempo, penso che le persone responsabili, tenendo conto delle circostanze, abbiano preso una decisione saggia, che […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: