Cronache dal basket del coronavirus pt 3. Gigi Datome ed il GM del Khimki

Prosegue il nostro resoconto su quanto accade nel mondo del basket, principalmente legato a temi di Eurolega, nei drammatici giorni dell’emergenza coronavirus.

Gigi Datome, al solito uno dei più chiari, responsabili ed equilibrati, ne ha parlato con il Corriere dello Sport.

«Oggi non ci sono le condizioni per pensare ad una ripresa. Se si crede ancora di doverlo fare a porte chiuse è perché c’è un problema. Noi giochiamo anche per i tifosi, quindi li rivogliamo sugli spalti. Quando potranno esserci ed i viaggi torneranno ad essere normali, allora si giocherà».

«I contratti? Dobbiamo sederci attorno ad un tavolo con tutte le parti e trovare un accordo. Mi sembra normale».

 

Il GM del Khimki Pavel Astakhov ha rilasciato un’intervista al sito russo  R SPORT.

«Il Dipartimento di Stato americano ha informato i cittadini USA di rientrare ora, poiché più tardi non sarà garantito l’ingresso nel paese. Chi rimane all’estero lo fa a suo rischio e pericolo. Io non posso certo fermare chi vuole partire. I giocatori sono sotto contratto, non in cattività».

«Abbiamo avuto un incontro coi nostri atleti USA che ci hanno chiesto un parere. La nostra risposta è stata che è una decisione loro. Noi li vorremmo qui ad allenarsi, ma quando interviene un’autorità così alta, non conta più se sei un’atleta, è una questione che riguarda il cittadino».

«La Russia ha chiuso gli ingressi agli stranieri fino ad inizio maggio, quindi chi parte ora potrebbe essere impossibilitato a rispettare il contratto se la VTB ripartisse a metà aprile. L’ho detto chiaramente a tutti. Nei prossimi giorni sapremo chi va e chi resta».

E’ sempre lo stesso GM Pavel Astakhov aveva parlato in precedenza con Ria Novosti (stesso media).

«Abbiamo organizzato sessioni di allenamenti in base alla ripresa possibile delle gare di Eurolega e di VTB intorno alla metà di aprile. Con questi allenamenti, vogliamo essere certi che per quella data tutti siano nelle forma migliore».

«Se venisse chiusa la stagione di VTB saremmo campioni. Se non si assegnasse il titolo, come farebbe Turkish Airlines Euroleague a determinare i partecipanti? E’ complicato ed è troppo presto per pensarci ora, nel momento in cui la priorità è la salute dei giocatori, delle loro famiglie e dei tifosi».

 

 

 

Next Post

Will Clyburn: Tutti ai piedi dello "Zar" di Russia

Dopo aver aperto la settimana con uno dei principali protagonisti di questa stagione della Turkish Airlines EuroLeague (The Shane Larkin Show), oggi vi parliamo di uno dei giocatori più esplosivi ed atletici della competizione, che a causa di un grave infortunio ha dovuto saltare la regular season. Come sempre vi […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: