Pesic e quello scomodo paragone con Valverde

Non è una novità, ma semplicemente una situazione che prende corpo con insistenza, soprattutto se uno squadrone come il Barcellona perde tre gare europee in fila, inframezzate da un pessimo rovescio interno con Bilbao in Liga Endesa ed alla vigilia dell’importantissima sfida di questa sera a casa di un Fenerbahçe che vuole completare il suo rilancio.

Svetislav Pesic non è nella miglior posizione possibile, sebbene oggi il suo lavoro non venga messo ufficialmente in discussione.

Baskonia, Efes e Maccabi pesano, tanto, e la stampa comincia porsi domande in maniera invadente e quasi ovvia.

«Non scartate nessuna opzione per questo club». La firma è quella di José Ignacio Huguet, giornalista del Mundo Deportivo che intitola il suo pezzo di oggi con un eloquente «Pesic non è Valverde, il suo lavoro al Barça non è in discussione».

Tutto chiarissimo, ma è il solo accomunare il destino del Coach serbo a quello dell’allenatore della sezione calcio appena esonerato dai Blaugrana che fa pensare ad una situazione oltremodo complicata.

Anche perché, proprio all’interno dell’articolo, è chiaramente menzionato quanto avvenuto con il tecnico della sezione calcio, il cui lavoro «non sembrava in pericolo qualche mese fa, mentre il club aveva già avviato contatti con altri allenatori».

La Copa del Rey, ancora di salvataggio per i catalani nelle ultime stagioni, sarà ancora una volta decisiva. Se non si dovesse sollevare il trofeo nel weekend di Malaga del 13-16 febbraio allora la posizione del Coach diventerebbe quasi insostenibile.

La nostra idea? C’è una parte dell’ambiente che vorrebbe subito Xavi Pascual, un’altra disposta ad attendere la fine della stagione, quando ci potrebbe essere un accordo con un Coach di altissimo profilo (non che Pascual non lo sia, anzi). Certo è che questa squadra non è stata costruita per vincere l’anno prossimo, quindi ogni sconfitta viene vista con una certa negatività. Anche perché vedere là davanti sempre il Real non è la cosa più gradita da queste parti.

Next Post

Nella fiera delle palle perse la spunta lo Zenit contro un Baskonia povero offensivamente

Partita che non ha regalato grande spettacolo quella che ha visto lo Zenit San Pietroburgo trionfare 72-66 contro un Baskonia sempre più incerottato. La nostra analisi in cinque punti: Le due squadre sommano 41 palle perse, concedendo 18 punti a testa da turnover. Cifre elevatissime che mostrano come la qualità […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: