Un Wilbekin dominante è il cuore pulsante di un Maccabi vincente

Il Maccabi prima soffre, poi si prende la contesa meravigliosa contro il CSKA dopo una partita stellare. Sugli scudi Wilbekin e il grande ex Othello Hunter

0 0
Read Time:2 Minute, 55 Second

Combattere senza sosta. Questa è la ricetta del Maccabi Tel-Aviv in questa stagione. La compagine israeliana, in questa regular season continentale, non smette di stupire e nella serata della Menora Mivtachim Arena gremita di tifosi gialloblu, fa sua la contesa contro i campioni in carica, anch’essi di una bellezza stordente sotto ogni punto di vista del gioco.

Gli uomini di coach Sfairopoulos giustiziano i campioni d’Europa del CSKA Mosca per 90-80, al termine di un match ricco di passione. Uno di quei match in cui ogni situazione è stato messo in mostra tutto ciò che il basket può offrire. Lotta, sudore, determinazione, voglia di emergere oltre le difficoltà, talenti inenarrabili e motivazionali in panchina di un livello inimmaginabile.

Oltre il comando emozionale della sfida, Eurodevotion vi porta come sempre all’interno della sfida, analizzando le 5 situazioni cruciali che hanno deciso la sfida Maccabi-CSKA.

  • Gestire il momento: il confronto fra due squadre mature. La sfida nella sfida è stata prevalentemente mentale. La voglia di sopraffare l’avversario è stata evidente in tutti e 40′. Prima il gioco sublime del CSKA, poi la difesa arcigna del Maccabi e infine il testa a testa intenso fra due cannonieri come Mike James e Scottie Wilbekin. Tutto il meglio del tredicesimo turno, per chi scrive, è riassunto in questi 40 abbacinanti minuti di gioco.
  • L’energia dai possessi difensivi: l’insegnamento di CSKA e Maccabi. Da una parte la ferocia a rimbalzo (44 palloni complessivi conquistati sotto le plance dal CSKA), dall’altra l’efficienza sui cambi e sulla transizione (17 palle recuperate dal Maccabi in questa sfida). Lo spettacolo di Tel-Aviv parte proprio dalla difesa. Il credo di Itoudis e di Sfairopoulos alla massima espressione si vede in ogni possesso. Il lavoro di due coach straordinari è mastodontico in partite del genere.
  • Scottie Wilbekin: dominio con orgoglio. L’orgoglio è la parola chiave della sfida. Quello messo in scena dal grande ex Othello Hunter (career-high da 20 punti, 7 rimbalzi e 20 di PIR) ma soprattutto dal leader tecnico della squadra Scottie Wilbekin. Il talento di Florida State sopperisce ai limiti offensivi della squadra israeliana con una prova da MVP del 13° turno di Turkish Airlines Euroleague. 22 punti, 9 assist e 33 di PIR certificano il lavoro fatto sulla difesa del pick-and roll del CSKA e accendono i riflettori su un giocatore che merita tanta, ma tanta considerazione in più in ambito continentale.
  • Coraggio e consapevolezza: come e dove deve ripartire il CSKA. Una sconfitta è pur sempre dolorosa, ma il coraggio e la consapevolezza nell’essere una squadra di campioni al CSKA non manca. Mike James e la tripla dell’80-80 sono la rappresentazione di una sfida coraggiosa ma rivedibile nelle intenzioni finali. Si sente l’assenza di un giocatore straordinario come Clyburn e in sfide come queste i possessi difensivi devono essere costanti. Il 10-0 di parziale che ha chiuso il match il punto su cui ripartire al meglio nelle sfide di Turkish Airlines Euroleague.
  • Cuore e anima: il motivo per cui sostenere il Maccabi. Per chi scrive, seguo il Maccabi da una stagione e mezza e ho visto tutti i cambiamenti mentali e tecnici di una squadra con potenzialità clamorose. Le parole di coach Sfairopoulos e di tutta la squadra israeliana sono testimonianza di come il cuore e l’anima possa sopperire alle tante assenze della sfida. Con tutti i problemi fisici del caso, il Maccabi fa 90, come la paura. Non vorrei proprio che sia l’anno del ritorno alle F4… L’Europa cestistica è avvisata.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Efes: Moerman torna in campo contro lo Zalgiris

Ergin Ataman ce lo aveva anticipato durante la  nostra intervista in occasione della trasferta milanese dell’Efes : «Riavrò Moerman a metà di dicembre». Puntuale, ieri ha confermato che in occasione della trasferta di Kaunas di martedì prossimo il francese sarà disponibile. Un altro importante tassello che si aggiunge ad un mosaico […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: