Lo Zenit alla prima gioia casalinga contro un Asvel in crisi

Antonio Mariani

Lo Zenit vince finalmente tra le mura amiche e lo fa vincendo contro un Asvel sempre più in difficoltà. Il punteggio finale recita 75-70 ma ecco la nostra analisi in cinque punti.

  • Asvel in netta difficoltà, alla quarta sconfitta consecutiva senza trovare solide soluzioni offensive. Sconfitta che fa male perchè il parziale di 12-0 a fine primo tempo sembrava aver indirizzato il match, ma i francesi non hanno saputo controllare la sfida. Squadra scarica? forse, e gli 0 punti in contropiede potrebbero essere un chiaro segnale.
  • la differenza al tiro da 3 ha chiaramente inciso nel match. 10/20 per i russi contro il misero 5/21 dei francesi che proprio faticano a trovare continuità offensiva. Difficile vincere in trasferta senza aprire il campo con costanza.
  • Fantastica prestazione di  Alex Renfroe che domina ampiamente con 16 punti e 8 assist, infliggendo alla difesa francese una sonora lezione. Semplicemente incontenibile e la squadra di Plaza lo cavalca a dovere.
  • In una sfida tra due squadre non propriamente ambiziose è bello vedere come sono ben 40 gli assist totali nella sfida. Segno di attacchi che si basano sul gioco di squadra piuttosto che sul talento, e di sistemi che provano a esprimere il meglio che hanno a disposizione. Aspetto sicuramente interessante
  • Lo Zenit vince e sicuramente saranno contenti, ma quel 55% ai liberi (11/20) grida davvero vendetta. Certi punti non possono essere lasciati per strada in Euroleague, magari con l’Asvel te la cavi ma la volta successiva vieni punti. Da migliorare
Next Post

Panathinaikos-Olympiacos, spettacolo unico. La Lega greca rifletta, o sparirà

Sono tornati, e questa è la cosa che conta di più. Ne è passata di acqua sotto i ponti da quel 13 febbraio 2019

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: