Solito e crudele Mike James: il CSKA batte lo Zalgiris sulla sirena dell’overtime

Antonio Mariani

Il CSKA conquista l’ottava vittoria stagionare in Eurolega battendo lo Zalgiris all’overtime grazie a un buzzer-beater di Mike James.

Il CSKA Mosca, reduce dal netto successo in casa del Barça, ha fatto fatica ad avere la meglio sullo Zalgiris Kaunas nella sfida della 12ª giornata di regular-season di Turkish Airlines Euroleague. Gli uomini di Dimitris Itoudis si sono imposti per 85-82 alla compagine lituana dopo un overtime, e il successo è arrivato in una forma non del tutto sconosciuta in questa competizione: grazie a una tripla di Mike James sulla sirena.

Analizziamo quanto accaduto alla MegaSport Arena della capitale russa attraverso i consueti cinque punti.

  • Quando il gioco si fa duro… Mike James c’è!

Il playmaker ex Olimpia Milano e ora in forza al CSKA non stava di certo disputando la sua miglior partita. Sembrava svogliato, sciupone, erratico… Poi, come spesso accade a giocatori del suo calibro, nell’overtime è risultato assolutamente decisivo, con 10 punti (una tripla, un 2+1 e altre due conclusioni a segno) che hanno permesso ai russi di mantenersi in partita contro uno Zalgiris determinato, e di vincere la partita con l’incredibile buzzer-beater che ha fissato il +3 finale e permesso al CSKA di raccogliere l’ottava vittoria europea della stagione. Genio e sregolatezza.

  • Il rendimento dall’arco e i rimbalzi mantengono in vita lo Zalgiris

Lo Zalgiris Kaunas non sembra partito alla grande questa stagione di Eurolega. La compagine allenata da Sarunas Jasikevicius viene saccheggiata ogni estate, e i migliori giocatori approdano verso lidi più ambiziosi. L’eccellente coach e il caloroso pubblico lituano riescono sempre a rinascere dalle proprie ceneri, e il fatto di aver tenuto testa ai campioni in carica per 45 minuti sono un segno che la squadra c’è. Lo Zalgiris è stato superiore a rimbalzo (48 di squadra, a un solo rimbalzo dal record storico) e, dopo due partite e mezzo assolutamente negative dai 6.75, è riuscito a sbloccarsi anche dall’arco: Arturas Milaknis ha segnato dalla lunga distanza a metà del terzo quarto, e dopo 11 errori consecutivi, il bilancio è stato di 6/7 in canestri da tre punti. Questo ha permesso agli ospiti di restare in partita fino alla fine.

  • L’energia di Daniel Hackett

Non solo perché è italiano… Daniel Hackett è uno dei polmoni di questo CSKA: una pedina vitale nel gioco di squadra. Contro lo Zalgiris, il romagnolo ha disputato 28 minuti (di gran lunga la partita nella quale ha giocato di più in Europa), mettendo a referto 11 punti, 6 assist, 3 rimbalzi e 3 recuperi. Ma ci sono aspetti del gioco di Hackett difficili da quantificare con parametri statistici: la grinta, la pressione difensiva, la circolazione del pallone… Inoltre, l’azzurro è stato praticamente l’unico a scendere in campo motivato dal principio, in un primo quarto disastroso per la sua squadra, terminato con un parziale di 9-17. Hackett ha suonato la carica, riuscendo a trascinare i suoi verso la rimonta.

  • 12, il numero della partita

Dodicesima giornata della stagione di Eurolega e dodicesima visita dello Zalgiris sul campo del CSKA, con dodicesima sconfitta lituana. Lo Zalgiris sembra essersi avvicinato allo strapotere russo nelle ultime due stagioni, visto che le ultime due debacle sono arrivate all’overtime, ma evidentemente manca ancora qualcosa per riuscire a dare quel passo in più in una sfida sempre molto sentita come il “derby” tra le due repubbliche ex sovietiche.

  • Le rotazioni di Itoudis

Dopo la spettacolare vittoria della scorsa settimana a Barcellona, per il CSKA era arrivata un’inattesa sconfitta in VTB League lunedì in trasferta sul campo dell’Unics Kazan. Il pessimo primo quarto ha convinto coach Itoudis ad effettuare dei cambi nel minutaggio di qualcuno dei suoi uomini. A parte Hackett che ha giocato più del solito, Kyle Hines, Ron Baker, Joel Bolomboy e Janis Strelnieks sono rimasti in campo per più di mezzora effettiva, tutti di gran lunga massimi stagionali. In particolare Ron Baker, con i suoi 13 punti, ha effettuato la sua miglior partita in Eurolega in tutta la sua carriera.

Next Post

Fenerbahce, si ferma Jan Vesely

Attraverso un comunicato stampa ( https://www.fenerbahce.org/haberler/basketbol-erkek/2019/12/jan-vesely-nin-saglik-durumu-hakkinda-bilgilendirme ) il club turco informa che Jan Vesely dovrà rimanere fermo per un problema al ginocchio destro. Sulle tempistiche di recupero al momento non ci sono notizie e il giocatore verrà valutato settimana dopo settimana.

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: