Il grande secondo tempo di Milano ha il volto di Ettore Messina

Milano vince la quarta di fila grazie ad un ottimo secondo tempo.

0 0
Read Time:2 Minute, 41 Second

L’Olimpia Milano ottiene la quarta vittoria consecutiva in Turkish Airlines Euroleague imponendosi, non senza fatica, alla Mercedes Benz Arena di Berlino.

L’Alba si è dovuta arrendere per 81-78 dopo aver chiuso avanti di 7 lunghezze il primo tempo.

Un secondo tempo da ben 55 punti ha permesso al team ospite di ribaltare la gara e di portare a casa due punti assai preziosi.

Analizziamo la partita attraverso i consueti cinque punti di Eurodevotion.

SECONDO QUARTO: Il fatturato di Milano nel secondo parziale è stato il seguente: 9 punti, 7 palle perse di cui 5 nei primi 3 minuti, poco più del 20% al tiro. Finire al riposo con soltanto sette lunghezze da recuperare è stato un autentico affare.

MESSINA: “Non abbiamo due ore di tempo per poter parlare. Ho chiesto di smettere di perdere palloni. Siamo troppo frenetici e timidi”. Parole chiare quelle del coach catanese ai microfoni subito dopo l’intervallo lungo. Risultato? Un terzo quarto con 27 punti (più dei due precedenti messi insieme), 3 palle perse e un dominio assoluto “sotto le plance” (14-4 il conto dei rimbalzi del quarto). Una Milano completamente diversa rispetto a quella apatica dei primi 20 minuti. Il controllo dei tabelloni, come previsto anche da Alberto Marzagalia in sede di analisi, è stato decisivo nella frazione che ha completamente cambiato l’inerzia della gara.

SQUADRA: “La chiave vincente di una squadra è la costruzione e l’affermazione dell’identità del team su ogni individualità. Questo non implica una minor considerazione del talento individuale, anzi lo esalta, ma solo nella misura in cui questo contribuisca alla valorizzazione di tutte le risorse disponibili…”. Individualità, talento, coesione. I due attacchi, con protagonisti Scola e Rodriguez, che hanno prodotto, dopo tanto tempo, il primo vantaggio dell’Armani Exchange sul 44-43 sono l’esaltazione del talento, il tuffo con recupero di Moraschini della utilità dei gregari.

luis-scola-ax-armani-exchange-milan-eb19.jpg

NEDOVIC: 12 punti con quattro canestri dalla lunga distanza nel secondo tempo. Un lungo come Scola, con la sua visione di gioco, è autentica manna per tiratori come il serbo, Roll e Rodriguez. Nedovic ha dimostrato come possa essere giocatore devastante per punire eventuali aiuti sui lunghi milanesi. Un pieno recupero di questo atleta garantisce alla squadra italiana una ulteriore risorsa di altissimo livello.

nemanja-nedovic-ax-armani-exchange-milan-eb19.jpg

4-1: Lo stesso record che aveva Milano dopo cinque partite di Eurolega nella passata stagione. Curiosamente anche nel 2018-19 alla sesta giornata l’Olimpia si preparava ad ospitare una squadra imbattuta, (sperando di non portare sfortuna al Barcellona domani) ossia il CSKA Mosca. Le analogie, rispetto a dodici mesi fa, finiscono però qui. La squadra di Pianigiani era in questo periodo dell’anno la squadra del campione, la squadra di quel Mike James che aveva appena vinto in maniera rocambolesca la partita contro l’Efes. Oggi è tutto diverso, il progetto di squadra che Messina ha in mente non prevede la dipendenza dal pick&roll e dai campioni ma l’esaltazione di un collettivo che ha nella crescita difensiva la sublimazione del gioco di squadra. Un percorso in divenire, ancora lungo, ma che giorno dopo giorno mostra miglioramenti.

Concludiamo con una curiosità: Sergio Rodriguez ha raggiunto quota 2506 punti in Euroleague realizzando gli ultimi otto punti nella partita di Berlino. Un importante traguardo individuale per il “Chacho“.

sergio-rodriguez-ax-armani-exchange-milan-eb19.jpg

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

La Leonessa batte un colpo e sbanca Nanterre

Nella 5° giornata della 7Days EuroCup, la Germani Brescia Leonessa ritrova la vittoria e lo fa in trasferta sul campo di Nanterre 92. Una gara caratterizzata dal grande equilibrio, con la Leonessa che nel momento clou del match non si è fatta trovare impreparata ed ha conquistato il successo. 65-73 […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: