Il Barça è pura poesia, Higgins e Mirotic decisivi contro l’Alba Berlino

Dopo due vittorie esterne consecutive (Anadolu Efes Istanbul e Zenit San Pietroburgo), il Barça ottiene il primo successo casalingo tra le mura amiche del Palau Blaugrana vincendo contro i tedeschi dell’Alba Berlino. 

Dopo un primo tempo molto equilibrato (46-44) al 20’ in favore dei padroni di casa, gli spagnoli guidati da Cory Hoggins, Nikola Mirotic e Ante Tomic allungano sulla doppia cifra di vantaggio ed amministrano poi senza troppi patemi. 

103-84 il punteggio finale della sfida che andiamo ad analizzare mediante i nostri famosi cinque punti.

22-4 

E’ il break decisivo propiziato nella terza frazione di gioco dagli uomini di coach Svetislav Pesic, che ha permesso a Nikola Mirotic e compagni di allungare in maniera in importante sul + 18 (68-50) e di controllare poi nell’ultimo periodo. 

Protagonista assoluto di questo parziale è stato sicuramente l’ex Real Madrid, il quale si è messo in mostra segnando ben 9 punti su 18 totali.

Si può tranquillamente affermare che, il classe ’91 non sia tornato in Europa a “svernare”, ma per essere uno dei protagonisti di questa Turkish Airlines EuroLeague 2019-20.

Nel segno di Cory

Oltre alla solida performance di Mirotic, c’è da evidenziare l’ottima partita disputata da Cory Higgins. L’ex CSKA Mosca dopo aver chiuso con soli tre punti nella prima giornata in Turchia e non aver giocato in Russia, è tornato ed ha realizzato ben 22 punti (3/6 da 2, 4/4 da 3, 4/4 TL) e 27 di valutazione in 19’. 

La guardia americana si mette in mostra con alcune giocate letali, che spezzano le gambe agli avversari. 

Giocare in squadra con tanto talento non è mai facile, ma credo che Higgins disputerà una grandissima stagione, perchè ha tutte le carte in regola per farlo.

Percentuale al tiro da 2

Tra le tante differenze che ci sono state tra le due squadre che hanno inciso nell’esito finale dell’incontro c’è sicuramente la percentuale al tiro da 2. 

I catalani hanno chiuso con 25/43 (58.1%), mentre l’Alba Berlino hanno tirato con un misero (8/24) 33.3%. 

Con queste percentuali diventa tutto più semplice per il Barcellona, mentre è tutto in salita per la compagine tedesca. 

In Eurolega ogni partita è difficile da vincere, specialmente in trasferta, ma se tiri con solo il 33% da 2 non vai da nessuna parte. 

Sotto canestro 

Un altro dato curioso risiede nella netta differenza di rimbalzi conquistati dalla due squadre. Il Barça ne ha catturati ben 48 (17 O e 31 D), stabilendo così un nuovo record.

Invece, i tedeschi ne hanno presi 24 di cui 6 in attacco e 18 in difesa. 

Se si vuole vincere non si possono concedere così tanti rimbalzi specialmente in attacco…

Una particolare connection 

Quella di ieri sera per coach Aito Garcia Reneses  non è stata una partita come tutte le altre. Il coach spagnolo è tornato al Palau Blaugrana per la prima volta da avversario, dopo 13 stagioni con il quale ha vinto 9 volte la Liga spagnola, 5 Coppe del Re, 1 Supercoppa Spagnola, 1 Coppa delle Coppe, 1 Supercoppa Europea e 2 Coppe Korac. 

L’ultima partita alla guida del Blaugrana in questa manifestazione risale addirittura al 18 aprile 2002 vs la Scavolini Pesaro, da quel momento sono passati 6.392 giorni….

 

Nel prossimo turno gli spagnoli andranno a Belgrado per far visita alla Stella Rossa, mentre l’Alba Berlino sfiderà i campioni d’Europa. 

Next Post

L'Efes si sveglia nel terzo quarto e lascia il Valencia fanalino di coda

L'Anadolu Efes rimonta e vince a Valencia per 78-83. Gli spagnoli, comunque in crescita, sono l'unica squadra a non aver ancora vinto una partita in Eurolega.
Valencia Efes

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: